Poesia di carta

foto tratta dal web
foto tratta dal web

Non so se ho fatto la scoperta dell’acqua calda o di un nuovo o esistente continente. Un giorno di questi, così, all’improvviso una fugace ispirazione ha toccato dolcemente le corde della mia creatività.

Perché “poesie di carta”? Non sarà molto originale, ma ho scelto questa definizione perché queste composizioni nascono tra le pagine di un quotidiano sportivo o di politica o culturale o di stampo religioso, oppure tra le pagine di una qualunque rivista o periodico.

Il meccanismo per comporre queste poesie o brevi racconti è semplice:

– prendiamo un articolo che ci ha colpito maggiormente, ci interessa, ci intriga;

– sottolineiamo i sostantivi che stuzzicano la nostra fantasia;

– “dall’alto verso il basso o viceversa” iniziamo a tessere la nostra trama.

Dobbiamo però cercare di costruire un’opera che sia totalmente trasversale all’articolo da noi scelto. Es: se scelgo un pezzo giornalistico sulla crisi del calcio italiano, compongo una poesia sulla crisi dell’umanità, usando parole di quell’articolo. Altrimenti sarebbe troppo facile. Ma uno di voi potrebbe pensare : “Ma non è quasi come un rubare? La poesia è arte e creatività.” Si è vero, ma è anche veritiero è il fatto che da un’opera già esistente si fa nascere una nuova creatura, totalmente nuova, con delle “cellule” madre. Ispirazione dell’ispirazione al livello infinitesimale. L’ispirazione, d’altronde, nasce da un qualcosa che già esiste in natura, nella società, nella vita in generale. Noi, autori di questa meravigliosa arte che è la scrittura, dobbiamo essere bravi a tessere dolcemente gocce o piccoli frammenti che l’umanità ci offre in dono.

Questa poesia che sto per “presentarvi” si intitola “Proteggo la mia vita” ed è tratta da un articolo di un noto quotidiano sportivo che fa riferimento alle due ragazze Vanessa e Greta rilasciate dopo essere state sequestrate in Siria. Poi mi dite se vi piace.

 

Proteggo la mia vita

 

Proteggo la mia vita

sequestrata da facili ricatti

promesse vane

lo dice la mia Luna calante

rilasciare nel vuoto azioni di pensiero

in cambio di una linea di orizzonte più morbida.

Nessuna ricompensa semmai

più in là volontariato nel percepire

un lieto canto di un usignolo

alle porte di un trambusto

aprire nuove strade sempre tortuose e ripide

ma comunque necessarie.

Alla frontiera dichiarerò

sogni da te rifugiati.

Ho vissuto prigioni

ho vissuto albe

prive di luce

aiutato da angeli senza nome

indispensabile sedersi su pietre

ammorbidite dal mio peso

inerme il riscatto è roseo

nel mio paradossale cuore

illudermi se fuori nevica.

 

Buona serata 😀

Raffaele

Annunci

2 pensieri su “Poesia di carta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...