San Lorenzo

foto tratta dal web
foto tratta dal web

“L’estate addosso” ci porta a vivere diverse sfumature di chi (non come me) ritiene che quella che stiamo vivendo sia la stagione più ambita e più attesa da milioni di persone.

San Lorenzo, il giorno segnato sul calendario, con un bel evidenziatore rosso, è il giorno di tutti i sognatori, innamorati e scaramantici di primo livello. Quest’anno questa evento, vissuto con maggiore enfasi al sud che al settentrione, l’ho vissuto in compagnia dei miei parenti a casa di un mio zio. Cugini, zia, parenti a me di ignota identità, tutti ma proprio tutti, pure i gatti del padrone di casa, a vivere una bella serata a mangiare, ridere e scherzare. Una grande tavolata, una grande festa. Antipasto classico e poi carne e vino a volontà e infine una carrellata di dolci, un buffet degno di un gran bel matrimonio! Io mi sono dovuto contenere con gli alcolici… mi toccava guidare! E no, su questo non si scherza.

Passare la serata tra noi cugini, un po’ cresciuti rispetto alle foto di qualche anno fa e che Fra è pronto a far rivivere dalla galleria del I-phone. “Ti ricordi quando…” “Eh si certo… come no…” “Ti ricordi quando” “No, ti prego ahahah e si perché io a nascondino… ahahhaha”! E cosi fino a tarda sera, con la parte terminale del tavolo con gli “uomini di casa” pronti a discutere di calcio e su quanto dista il nostro paese da Milano (io che ero passato per caso da li ancora mi chiedo da dove cavolo sia uscito questo genere di discorso, mhà!)… via alle scommesse, venghino signori!!!

A mezza notte inoltrata, tra abbracci e sani “arrivederci a presto” la serata giungeva al termine. La pancia bella piena. “Da domani a dieta” l’avrò detta per la millesima volta. San Lorenzo ti prego fa qualcosa contro le mie bugie!

Solo puntino, piccolo e luminoso riecheggiava in questo nudo e desolato cielo. Non capivo se era una stella o un pianeta o addirittura un aereo, sembrava che si muovesse… bhò!

Le stelle cadenti, anche se in realtà bisogna parlare di meteore, così giusto per farmi il fighettino, insomma queste si fanno “vedere” di più il 12 Agosto. “E allora per quale motivo festeggiamo il 10?” Domanda filosofica di Fra. Il 10 festeggiamo San Lorenzo e le sue “lacrime”.

San  Lorenzo fu uno dei 7 diaconi di Roma che fu martirizzato nel 258 d.C (data non confermata con esattezza) per volere dell’imperatore Valeriano che tramite un editto perseguitò tutti i vescovi, presbiteri e diaconi. Si parla di “lacrime di San Lorenzo” le lacrime che il Santo versò durante il suo supplizio, paragonandole alle scia delle meteore.

Purtroppo per via dell’inquinamento luminoso, non in tutto il nostro bel paese possiamo godere in questi giorni di questo meraviglioso spettacolo, specie nelle grandi città. Peccato.

In letteratura, vi do una chicca, ma penso che già lo sappiate, poesie sul questa festività latitano, tranne “X Agosto” di Giovanni Pascoli, poesia dedicata in memoria di suo padre morto il 10 Agosto del 1867. Nei primi versi il poeta cita San Lorenzo.

 

“San Lorenzo, io lo so perché

tanto

di stelle per l’aria tranquilla

onde e cade, perché si gran

pianto

nel concavo cielo sfavilla…”

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...