Made in Italy

“I campioni siamo noi”. Così nella giornata di ieri il titolone della Gazzetta dello Sport puntualmente comprata appena svegliato. Il tennis e il ciclismo al centro di un bellissimo decoro stile natalizio della giornata di sabato. Il “Made in Italy” non passa mai di moda, anche in tempi di crisi. La sagacia, l’umiltà di questi atleti che hanno rispolverato l’orgoglio della nostra nazione. Certo questi trionfi sportivi non cancelleranno problemi sociali ed economici della nostra Italia però è bello ogni tanto sorridere e lasciare dietro l’angolo dubbi e perplessità che ristagnano ogni giorno sul nostro paese. La voglia di rinascere, di non darsi mai per vinti. Vincere per non passare mai di moda. Vincere per continuare a respirare il sacro profumo della libertà.

foto tratta dal web
foto tratta dal web

La Vinci e la Pennetta hanno rispolverato il cielo azzurro d’America. Battere rispettivamente la numero 1 del mondo Serena Williams e la numero 2 Simona Halep. “Nulla è impossibile”. Si sogna ad occhi aperti. Entrare nell’ Arthur Ashestadium e scrivere la storia del tennis mondiale. Quel mondo ora che ci guarda con simpatia e ammirazione. A quel nuovo mondo noi diciamo semplicemente “Thankyou”. Bellissima finale, due amiche che si conoscono dalla tenera età di 8 anni che hanno dato spettacolo e incantato un pubblico molto esigente come quello americano. Per un po’ ci ricorderemo di FlushingMeadows, New York, la grande Mela, la Little Italy in festa…piccoli e grandi, esperti di tennis o solo simpatizzanti tutto colpiti al cuore da grandi scosse di emozioni e sentimenti meravigliosi. Vinci e Pennetta, ci hanno regalato un piccolo scherzetto nel tramonto di un estate che non poteva finire meglio di così… orgoglio Pugliese!!!

foto tratta dal web
foto tratta dal web

E poi non ci dimentichiamo di Fabio Aru, il nostro scalatore sardo che conquista la Vuelta di Spagna di ciclismo ed entra nell’olimpo dei grandi campioni. Ancora una bandiera italiana che sventola trionfante sopra tutti quasi a sfiorare il paradiso. Il 12 Settembre festa nazionale dello sport? Non ci dimentichiamo anche dei nostri azzurri di basket,che battendo Israele, hanno raggiunto i quarti ai campionati Europei. Ma adesso non caliamo il sipario su questi trionfi, continuiamo ancora recitare un ruolo da protagonisti nella scena mondiale dello sport. A volte, per noi italiani, la coperta o per meglio dire la memoria è sempre corta. Non caliamo il sipario, noi calciofili per tradizione, su queste discipline, è una ricchezza da non vanificare assolutamente. Non vestiamoci a festa solo in questi momenti, anche se magici. Facciamo si che cercare di primeggiare o provarci almeno non sia un episodio o un eccezione, ma una pura realtà. Investiamo su di noi. Abbiamo troppa paura di darci fiducia. Non spegniamo le luci sul tennis, ciclismo e altri sport che noi brutalmente definiamo minori. E come soffocare e uccidere queste indimenticabili giornate.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...