Archivio mensile:aprile 2016

Buona domenica :)

 

Niente pauraanche quando la tua migliore amica ti sbatte in faccia alla realtà senza che io sappia come reagire in mancanza di imminenti stimoli vitali;

Niente pauraanche quando i miei pensieri e i miei sogni sono da premio Oscar come classici film di fantascienza, premio Oscar anche al sottoscritto come “attore non protagonista” o come sceneggiatore per una vita vissuta interamente di illusioni e poca poesia;

Niente pauraanche quando cerco la felicità nel passato e lui mi sputo contro vecchie nenie e mi spalma sulla pelle vecchie ruggini non ancora ben identificate;

Niente paura“perchè farsi una ragione vorrà dire vivere”;

Niente paural’età avanza ed io ancora con i giocattoli in mano pensando:” Lasciatemi ancora giocare un pò”;

Niente pauraperchè trovare, ora, un posto nel mondo è come cercare un ago in pagliaio e se lo trovo non c’è neanche un posto per pisciare;

Niente pauraanche quando dopo che mi sono lavato la faccia faccio fatica, provo paura nel vedermi allo specchio senza timidezza e scaltra ipocrisia;

Niente paura“a parte che i sogni passano… se uno li fa passare…” quanti sorvoleranno il mio cuore senza io che abbia la forza di prenderli e farli mie con addosso l’innocenza di un fanciullo;

Niente paura… ci pensa la Vita mi han detto così!!!

Buona domenica 😀

Amaro 21

e poi bhò…

 

foto tratta dal web
foto tratta dal web

E poi bhò mi ritrovo tutto d’un tratto a pensare e a riflettere circa il mio flebile, innocuo stress giornaliero. Mi ritrovo da un giorno all’altro a dover diventare allenatore di una squadra di calcio della categoria dei “pre-adolescenti”. Prima ero solo l’allenatore dei portieri. Causa infortunio del mister principale e per la sua impossibilità di assistere alle partite del campionato, mi ritrovo con enormi responsabilità a gestire e dirigere un gruppo di ragazzi che lottano per un piazzamento nei play-off. Gli stessi con cui, nella categoria “aspiranti” l’anno prima vincitori del campionato regionale. In quella occasione da subentrato ad un altro allenatore che ha dovuto lasciare a gennaio per impegni di lavoro. E’ segno del destino che io debba sempre subentrare a qualcuno in qualunque contesto sociale? Non mi sono mai tirato indietro. Ho sempre accettato senza pensarci su. Ho sempre accettato, nella mia vita, ruoli di responsabilità come il portiere nel calcio e l’educatore nell’Azione Cattolica Ragazzi del mio paese. E non ho ancora capito se sono portato per questo genere di compiti, ci sto pensando solo ora che scrivo questo post. Forse anche un giorno nel lavoro mi troverò in questo genere di situazioni. Ammetto che mi piace, perchè adoro mettermi in discussione e al servizio per gli altri (con i dovuti rischi). Adesso sto organizzando la partita di domani e l’allenamento di domenica prossima con le mie doverose omelie filosofiche… poveri ragazzi! XD

E a voi, vi piace assumere responsabilità impegni, obblighi, oneri o preferite un ruolo più “al sicuro” e meno alla luce del sole nella nostra  società?

Buona giornata, a presto!

Raffaele

Sole

foto tratta dal web
foto tratta dal web

 

“Salentu… lu Sule, lu Mare, e lu lentu!” Eh c’è un sole bello caldo e cocente che fa sembrare che ci sia stata un leggera e scombussolata inversione, diciamo, di stagione. Più che la primavera, per le temperature (che sfiorano i 25 gradi) e le bellissime giornate sembra di essere entrati in Estate con due mesi di anticipo. Andiamo a mare? Fuori si può stare fino al tramonto anche a maniche corte per i “focosi” come il sottoscritto. Ti viene voglia di farti una bella passeggiata all’aria aperta in bici, di andare in campagna o assaporare un rinfrescante gelato o una granita. Certo non vorrei ora esagerare… “La casa non è ancora ben riscaldata dal sole” come profetizza mia madre e la notte un giubbino bisogna ancora indossarlo. Lasciate stare me che sono un caso disperato e ancora dorme con il piumone. Però, se un mio amico mi chiamasse ora proponendomi un tuffo in acqua nel nostro limpido, incantevole e cristallino mare … io ci andrei. Addirittura, specie per me che ho la pelle bianca e delicata come un bebè, uscire in giardino e farsi riscaldare, farmi “colpire in faccia” dai puntigliosi raggi solari per ben benino, dopotutto non mi farebbe male. Temprarsi per l’imminente arrivo dell’estate…

Va bene io vado, mi aspetta in giardino il mio libro “Delitto e castigo” pronto per essere assaporato e gustato pagina per pagina… buona giornata amici!

Raffaele

Niente paura

 

Foto tratta dal web
Foto tratta dal web

 

“Niente paura ci pensa la Vita mi han detto così”.

E’ bastato un messaggio visualizzato ma non ricambiato per far cambiare parzialmente l’umore in questo soleggiato lunedì mattina. Abbiate, se volete, avere la pazienza di ascoltare il mio piccolo e inutile, quasi banale dolore di un tardo adolescente. Vivo di notifiche, questo è il problema, di un sibillino, di un piccolo richiamo del mio cellulare. “Hei c’è una persona che ti cerca!” Vivo in un mondo tutto mio, perché, fuori dai miei ristretti e facilmente valicabili confini, ho paura di prendere vento, di raffreddarmi e di ammalarmi da false speranze e scaltre illusioni che mi hanno scavato delle piccole rughe su un corpo da ventenne deluso da una vita in salita. Cerco dei perché, cerco delle risposte, immagino, e i miei pensieri producono dei film mentali che meriterebbero un Oscar. Non mi ha risposto… capita, avrà avuto da fare, non posso conoscere il reale motivo se non glielo chiedo in privato. Oppure non ci tiene a te e amen. Punto e a capo, altro giro e altra corsa. Di certo il sole continuerà a splendere anche per i fanatici dell’illusione come me. Non do la colpa a nessuno, solo a me stesso che mi creo delle prospettive nuovo ed emozionanti senza ancora avere i giusti ed appropriati strumenti. Ho un po’ di mal di testa. E’ da venerdi che ascolto per tutto il giorno canzoni di Max Pezzali come “Ti sento vivere”, “Come Mai”, “Il mondo insieme a te”… per poi cestinarle e ritornare su brani più soft e meno inerenti alla parola A-M-O-R-E.  Vivo di pensieri e di ricordi, il mio passato è il mio presente attuale e il futuro di mimetizza dietro il cielo pur di farsi vedere. Ma ho imparato a fregarmene di tutto e di tutti…

Continua…

Amaro 21

Buona domenica :)

Anche se il cielo è grigio e il tempo minaccia pioggia l’umore non può sgretolarsi e farsi bagnare da gocce, benché limpide, di una già attesa pioggia di inizio primavera.

La canzone con qui ho il piacere di condividere in questa domenica di Aprile si intitola “Fly” umo dei capolavori del maestro Ludovico Einaudi. Molto spesso nella nostro playlist del nostro lettore musicale ci capita di sentire sempre le stesse canzoni, forse per il nostro monotono stato d’animo… non saprei. Magari ascoltiamo solo il 20% dei brani contenuti nell’i-pod… a me capita sempre. Ma martedì scorso mentre cercavo un brano tra gli artisti in dotazione mi sono soffermato, al nome dell’artista in questione. Avevo tanto tempo tempo quella sera da dedicare alla mia amica musica e così ho ascoltato le 10 canzoni che avevo di Einaudi. E “Fly” mi ha incantato, mi ha attraversato il mio vergine cuore. Un emozione unica rinchiusa in 5 minuti di traccia. Il video “prestato” da youtube mi richiama profondamente alle origine del mondo, alle origini dell’Universo, dove tutto ebbe inizio.

Raffaele

Buona domenica 🙂