Archivi giornalieri: 8 luglio 2016

scrittura :)

foto tratta dal web
foto tratta dal web

 

 

“Che mi importa se nessuno legge quello che scrivo? Lo scrivo per distrarmi dal vivere e lo pubblico perchè il gioco ha questa regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, soffrirei, ma, sono convinto, non con dolore violento e folle come si potrebbe supporre, visto che tutta la mia vita era li. Sicuramente no, poichè la madre pochi mesi dopo la morte del figlio, ride di nuovo e torna ad essere la stessa. La grande terra che serve il morto servirebbe, meno maternamente, questi scritti. Niente è importante, e sono sicuro che sia esistito chi ha considerato la vita, senza possedere molta pazienza con quel bambino sveglio, e abbia desiderato molto la quiete di quando il piccolo, alla fine è andato a dormire.”

tratto da “Il libro dell’Inquietudine” di Fernando Pessoa

Questo lungo aforisma tratto da un libro che sto scoprendo giorno dopo giorno, frammento dopo frammento, sta tribolando molto i miei pensieri. Non soffocandoli, certo che no, ma ponendoli in una lunga fase di introspezione. E questo sasso lanciato nel mio mondo dal Poeta Pessoa, mi sta permettendo di ragionare delicatamente sul vero scopo per cui scrivo, per cui ho questa passione della scrittura.

  • Perchè scrivo?
  • Hanno una  profonda valenza esistenziale l’uso artistico delle parole?
  • Cos’è questo fuoco vivo che arde nel cuore ogni volta che vengo colpito da un’emozione?
  • Scrivo per me stesso o per la gente?
  • Quali scenari, nel caso ci fossero, con l’avanzare dell’età sempre lontana dalla gioventù si prospetteranno?”
  • Esisterà un fine eterno alla mia voglia di comporre poesie e brevi saggi?

Proverò, un giorno, a darmi queste risposte… intanto contemplo…

Buona serata 🙂

Raffaele 🙂