Archivio mensile:luglio 2016

Buona vita

Foto tratta dal web
Foto tratta dal web

 

Ahhhhhhhhhhhhhhhh alzarsi la mattina e sapere che il caffè, la bevanda della mia salvezza è finito… drammi della mia esistenza! Oh Vita mia, vita mia perdona questo insignificante e opaco tuo discepolo!

ahahah ovviamente scherzo! 😀

Buongiorno a tutti! Due settimane fa una mia amica blogger, rispondendo a un mio commento, ha concluso la sua frase di ringraziamento nei mie riguardi con:”…. Buona Vita!“.  Li per li, non ho fatto molto caso, ma poi mi sono accorto di questo saluto alquanto insolito per me. E’ la prima volta nelle mia vita che una persona mi rivolge, in maniera gioiosa l’espressione “Buona Vita“. E’ così carico di significato questa tipologia di saluto un pò come “Pace e bene” per i monaci, credo, ad esempio. Un saluto non banale, anzi, rivolto a me, utente wordpress ancora sconosciuto. “Io non ti conosco, ma comunque Buona Vita“. Un atto di profonda gentilezza, una pace interiore che schiarisce ogni più cupo cielo di chi lo riceve. Non è un “Ciao” detto in fretta in furia, specialmente per me che tendo a caricare di senso ogni parola che enuncio. Mi ha colpito, e vorrei utilizzare di più, anzi dovremmo utilizzare spesso questo saluto. Perchè la Vita è un dono, un miracolo e un qualcosa di sacro. Un pò come nel mondo arabo che tendono spesso a benedire nei loro saluti o come l’inchino nei mondo orientale. Buona Vita è un invito a preservare e non ad usurpare e vanificare il concetto divina della propria esistenza.  Francamente, parlo per me, sono stato un pò timido, nell’usare questo saluto, per via della sua originalità, della non sua consuetudine a pronunciarla… ma ci proverò…

Buona giornata e sopratutto “Buona Vita!” 😀

Raffaele

Ti prego vita mia

No, non possiamo far finta di nulla! E’ ancora profondo fin dentro l’anima il dolore di noi cittadini del mondo.

“Ti prego cara esistenza, non mi piace più il tuo gioco e le tue regole stanno diventando incomprensibili, ingarbugliate e inspiegabili. Trovare un senso a tutto questo è un qualcosa di assurdo. Fai che le nostre lacrime di noi poveri esseri umani diventano goccia dopo goccia un oceano di speranza e di pace dove poter ritornare a vivere. Si vivere, perchè questo è il senso autentico del nostro “naufragar”, trovare un motivo salutare e giusto per poter continuare a lottare, per stare ancora in questo mondo usurato, consumato e un pò troppo logorroico di inimmaginabile e ipocrite ideologie. Non ci spaventare più con le tue tempeste emotive, nevica semmai suoi nostri fragili pensieri. Il tempo passa e raccoglie le sue candide vite, non possiamo fermarlo, ne sfiorarlo, ma solo guardandolo da lontano e lenire i suoi effetti. Adesso, delicatamente risvegliaci da questo incubo e dicci che era solo uno scherzo, un incubo da non vivere più…

Ti prego vita mia…”

 

Raffaele

Parole, soltanto parole

foto tratta dal web
“Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.”
Emily Dickinson

La potenza di una parola viva, che nasce da un pensiero malinconico e in estasi… la bellezza della scrittura. E come se noi, che abbiamo questa spasmodica ed energica passione, diventiamo ogni giorno più belli e gioiosi giocando e dando confini ben delineati alle nostre parole, che non saranno mai di cera, non si scioglieranno alle prime sporadiche illusioni. E a volte non me ne accorgo, o forse non sono abbastanza attento, alla fortuna che ho. Trasmettere un messaggio, ad ogni mia poesia, breve saggio o piccola riflessione. Do ogni volta un forte segnale alla mia esistenza, scuoto e sobbalzo il mio mondo grazie alle mie parole.

Comunicare! Il dover, non per obbligo, dare un senso profondo alle nostre parole. Lanciare un sasso nel vuoto per vedere se c’è qualche eco che ci risponde al di là di un altro universo. Blogger, scrittori, giornalisti hanno il dovere morale di lanciare questo sasso, di essere un vento gelido che scuote le coscienze di tutti noi, affrontare tematiche sociali, senza eccessiva retorica. Mai stare zitti ed essere sconfitti dal buio dell’indifferenza, a volte c’è un silenzio così assordante intorno a noi…

Buona giornata 🙂

Raffaele

Donne

foto tratta dal web
foto tratta dal web

 

Un mio caro professore di Disegno e Tecnologia alle scuole medie, ricordo, una volta ci disse :” Cari maschietti di questa classe, le donne sono come un bellissimo e profumato fiore, e non si toccano!!!! Ma da lontano si può respirare la loro essenza”.

Ogni settimana sui telegiornali e sui quotidiani assistiamo increduli ai fatti di cronaca nera riguardanti la violenza sulle donne da parte degli uomini. Maltrattamenti fino arrivare al gesto più cruento, la morte. Gelosia e impulso predominante fanno il resto. L’uomo che esercita un potere divino che non ha nel decidere sulla vita di una donna. Sono stato circondato sempre da donne nelle mia esistenza: due sorelle e migliore amiche con cui passare delle splendide giornate di vita. Le donna non sono cose e oggetti, ma persone che rendono meraviglioso questo universo. Stelle del firmamento.Non concepisco, non riesco a capire queste violenze. Le donne sono un miracolo di questa vita, un dono infinito da attingere alla loro candida bellezza. L’intelligenza e la ragione dell’uomo in questi episodi viene meno, così come la sua dignità. Donne intrappolate in un amore malato, logorato da tante richieste di un “Mai più” inascoltato. Soffrire da sole nel mondo. Non concepisco, non riesco a capire fin dove si può spingere la crudeltà dell’uomo. Un “ti amo” che vale quanto una sberla o un massacro di un corpo ancor prima lodato e cercato. Leggendo le statistiche sulle donne uccise barbaramente sembra di stare in guerra… ma guerra di cosa? Un equilibrio che viene di meno, all’interno di una società in cui la discriminazione sulle femmine è ben tangibile e del tutto ingiustificata… questo mondo è così malato di odio…

Buona serata

Raffaele