Archivi giornalieri: 20 giugno 2017

Il valore di una giusta sportività

foto tratta dal web

 

E’ successo in Spagna che un allenatore del Serranos, piccola società nella periferia di Valencia, è stato licenziato dopo che la sua squadra di calcio composta da ragazzi di età compresa tra i 10 e 11 anni in una partita di campionato categoria “Benjamin C” ha sconfitto per 25-0 i pari età del Benicalap. Il motivo dell’esonero del mister da parte della società? “Lo scarso rispetto per gli avversari umiliati nel punteggio.” L’allenatore ha provato, invano, a difendersi ribadendo che la squadra avversaria ha attuato nel corso della partita una tattica troppo offensiva provocando facili spazi e ri-partenze inevitabili da parte dei suoi ragazzi. Piccolo appunto: la squadra del Benicalap ha subito in 30 partite disputate nel torneo quasi 250 gol.
E se la squadra del Serranos avesse dopo, per esempio, la decima rete, fatto “torello”, possesso palla nella propria metà campo, smettendo completamente di attaccare per il resto del match… non poteva sembrare comunque, allo stesso modo, antisportivo e umiliante? Dopo quanti gol si può ritenere il punteggio “cattivo” per la squadra avversaria?
Come comportarsi in situazioni di questo genere?
Ora possono nascere tante riflessioni dopo questo episodio citato in questo post… Varie filosofie che ogni sport, in una determinata cultura e di un determinato paese ha nel proprio bagaglio.

Raffaele

Pubblicità