Archivio mensile:luglio 2017

L’Amicizia

Il mio primo pensiero, questa mattina, è stato quello di andare a trovare una mia carissima Amica che sabato era ritornata a casa dopo le fatiche dell’Università. Passerà queste vacanze a preparare la tesi di Laurea, e a pensare al test di specialistica di Ottobre. Starà poco, un mese, prima di ripartire e ritornare tra le braccia del suo destino. Sono andata a trovarla perchè avevo una forte esigenza di incontrarla dopo tanto tempo, come quella di incontrare gli altri due miei migliori amici che spero di rivederli e di vivere pienamente questo ultimo frammento di estate. Abbiamo riso e scherzato, ci siamo detti tutto quello, in quella oretta, che non siamo riusciti a dirci via messaggi. L’Amicizia per me è valore fondamentale della mia esistenza, a volte prendo il cellulare e scrivo anche dei vecchi conoscenti che magari non si ricordano più di me. Forse è un mio difetto, ma non riesco mai a cancellare dal cuore le persone che mi hanno donato un pezzo del loro cuore, della loro felicità, della loro Vita. Passerò questa estate facendo lo scemo, il comico, il divertente, il chiacchierone, il rompiscatole, ma voglio passare più tempo possibile con loro ma non per una forma di debito e di riconoscenza verso chi mi ha voluto veramente bene in tutti questi anni, ma per una voglia, mia, di riabbracciare tutti con il mio eccessivo calore. Purtroppo molti dei miei amici studiano fuori e a parte Natale e Pasqua c’è solo Agosto per poterli rivedere. Voglio proprio essere un rompitore di scatole, mò mi sono fissato con questa idea! Raffaele calmati e che è! Purtroppo solo attraverso il distacco e la lontananza capisco veramente il senso profondo e autentico dell’Amicizia, quella con la A maiuscola. E’ troppo facile mandare dei sms banali di auguri per qualche festa o il tuo compleanno, la vera Amicizia l’ho scoperta nei miei momenti tristi, quando ho ricevuto da loro una mano protesa e un cuore per condividere i stessi battiti, quando bastava un “Ciao, come stai, che fine hai fatto???” o i lunghi dialoghi a notte inoltrata. Il tempo con me per molti di loro, per via di un futuro lavorativo si ridurrà drasticamente, non sarà più come prima… passavamo tutta l’estate insieme… il tempo non mi permetterà più di dilazionare l’affetto che nutro in loro, ma di vivere intensamente ogni momento, ogni briciola che il destino mi riserverà in loro compagnia. E allora via con le partitelle di calcetto, le serate in pizzeria, qualche pomeriggio a mare… a volte dimentico che ho solo una vita, non c’è tempo per rinviare tutto ad futuro lontano, il futuro adesso con le persone che veramente mi vogliono bene… 

Piccolo pensiero sull’Amicizia in attesa di leggere il saggio di Cicerone proprio su di essa!

Buona Vita 🙂

Raffaele

strana domenica

foto tratta dal web
E’ stata una domenica al quanto strana, difettosa nella sua forma e nei suoi canoni di bellezza. Questo caldo asfissiante che brucia ogni mio pensiero, il sonno (non stanchezza) che non mi vuole proprio lasciare, facendo la spola con il mio letto e indeciso su ogni minima cosa, anche la più stupida da fare. Cerco di preparare qualche appunto per una intervista che dovrò fare, cerco di immagazzinare più idee per i nuovi post sul blog, cercherò di progettare (è un mio grande difetto quello di pianificare tutto) la prossima settimana. Cerco, cerco, cercherò… come se avessi un obbligo morale nel compiere un dovere di chissà di quale portata per concludere questa domenica. Perchè devo ostinatamente dare un senso a tutto, anche alle più frivole cose? Le cose più belle sono quelle che vengono da se, inaspettate… come il messaggio di un amico che mi chiede di fare un giro in piazza, o il mio cane che vuole che giochi con lui, o mio padre che chiede delucidazioni su un programma al pc… potrei ora sedermi, in compagnia di qualche solitaria nuvola a contemplare il cielo, magari leggendo il libro che sto per finire, o semplicemente stando in silenzio ascoltando la voce del mondo…
Mi fermo qui 🙂
Buona Domenica 🙂
Buona Vita 🙂

Raffaele

Pensiero

Se ne andato il piccolo Charlie. Poco meno di un anno la sua esistenza. Un male incurabile se lo è portato via. Nell’ultimo periodo il mondo intero ha fatto pace con se stesso e si è unito intorno a questa dolce creatura. Le coscienze si sono unite in un caldo abbraccio che ora diventa un ricordo. Nessun vincitore, nessun vinto. Trovare un piccola luce in fondo al tunnel e ridare vita al pensiero. Credenti o non credenti, tutti noi amiamo la Vita e ognuno di noi ha sofferto per questa vicenda così triste ma che potrà nel futuro insegnarci qualcosa di molto profondo… ne sono sicuro. I meccanismi della Vita sono davvero difficili da comprendere, non basterà un esistenza intera per studiarli fino in fondo. I dubbi, le perplessità ora sono appiattite, c’è spazio solo per il silenzio, un mite silenzio…

Raffaele

Paro, dunque sbaglio!

foto tratta dal web

 

Basta un mese di “astinenza” da calcetto che già mi sono dimenticato tutto! Come parare! Ho giocato martedi e ho fatto letteralmente schifo, contribuendo a far perdere sonoramente la mia squadra, subendo una valanga di gol, di cui per la maggior parte colpa dei miei bizzarri interventi! Riflessi e dinamicità ridotti al lumicino, mi sentivo pesante come una statua di bronzo… poi non ho fatto nemmeno decentemente riscaldamento… mamma mia… mi sento leggermente costipato a distanza di tre giorni… un certo punto della partita, e in parte ahimè lo faccio nella mia esistenza, ho mollato tutto e mi sono tuffato nel mare della malinconia, sbagliando perchè il portiere è l’ultimo uomo a mollare la propria barca… seppure è solo divertimento per me qualunque cosa, anche una partita di briscola, diventa feroce competizione…

Sbaglio, continuo a sbagliare,

“Se sono questi i problemi della Vita”

Si hai ragione coscienza mia!

Raffaele relax! Mente libera! Divertiti!

 

quanto amo il calcio, quanto amo parare… cercherò di rifarmi stasera…

Vi lascio… vado ad ascoltare una nuova artista jazz che ho scoperto sfogliando una rivista… Sarah McKenzie… spero che mi piace! 

 

Buona Vita! 😀

Buon weekend!

Raffaele

Mio figlio

Un amico mi ha chiesto: “Perchè spendi così tanti soldi per far andare a scuola calcio tuo figlio in tutti questi anni?”

Beh riflettendoci bene, una risposta me la sono data…

“Non pago perchè mio figlio giochi a calcio. Personalmente non me ne frega niente del calcio, ne ci capisco qualcosa.

Pago per quei mille sorrisi che regala in ogni giorni di allenamento. Pago per quei momenti in cui mio figlio è così felice che trasmette gioia alla mia famiglia. Pago per quei giorni che viene da scuola troppo stanco per potersi allenare, ma va comunque, perchè sa che non può mancare alla sua squadra e ama stare con loro. Pago in modo che mio figlio impari ad essere disciplinato. Pago in modo che impari a curare il suo corpo e la sua mente. Pago perchè “impari” a lavorare con gli altri e sia un buon compagno per loro. Pago in modo che mio figlio impari a gestire al delusione quando non ottiene ciò che si aspettava e che capisca che si deve sforzarsi di più. Pago in modo che mio figlio superi gli ostacoli della vita e impari a raggiungere tutti i suoi obiettivi. Pago perchè capisca che il successo non avviene dalla notte al mattino e che ha bisogno di ore e ore di lavoro duro e di sacrificio per migliorare in qualsiasi cosa. Pago per l’opportunità che mio figlio avrà di fare amicizie per tutta la vita. Pago per vedere mio figlio sul campo da gioco e non davanti alla Tv, al cellulare o all’angolo di una strada a fare niente. Pago per vederlo un giorno imparare ad essere umile nella vittoria e nella sconfitta…

E potrei continuare, ma per essere breve: no, non pago per il calcio.

Pago per le opportunità che questo sport offre a mio figlio di sviluppare competenze che saranno fondamentali per la sua crescita, in  modo che i valori che vogliamo insegnarli a casa siano rafforzati nel calcio e lo accompagnino per tutta la Vita.

E da quello che ho visto fino ad oggi, credo che sia il miglior investimento della mia vita…”

 

Una mamma qualunque

 

Bellissimo racconto di Vita, suggerito da una mia cara Amica 🙂