Archivi giornalieri: 26 agosto 2017

E poi…

“E poi e poi
e poi sarà come morire
cadere giù non arrivare mai
e poi sarà e poi sarà come bruciare
nell’inferno che imprigiona…”

 

foto tratta dal web

 

E poi è bastato un innocente e veloce scambio di sguardi per allontanarci verso l’infinito di un amore imprigionato e corroso nella sua intimità.

Sei fuggita.

Nemmeno la mia ombra è riuscita a prenderti, frastornata da mille anime esuli e spaesate che ci giravano intorno.

Mi hai ignorato.

In quella piazza, del nostro piccolo paese mi hai cancellato, non consapevole che per molto tempo eravamo parte dello stesso mare, di questa acqua che risulta, ora, troppo fredda per immergersi fino alle sue profondità. Non mi va, semplicemente.

Hai cambiato strada.

Come se il profumo dei tuoi capelli di seta, fosse un ricordo da lanciare nell’abisso di una stanza buia e isolata nel suo senso dove per molto tempo ho contemplato la tua assenza con la speranza che un giorno potessimo riaprire quella finestra e riassaporare la gioia di una giornata primaverile prendendo in prestito tutto il sole che c’era…

innamorati prima del nostro destino, adesso ci addentriamo nelle sue macerie…

Raffaele