Archivi giornalieri: 13 dicembre 2017

E voi???

foto tratta dal web

 

Proprio pochi minuti fa mentre ascoltavo la radio durante la classica passeggiata con il mio Birillo sono rimasto colpito da una domanda posta all’interno di una trasmissione radiofonica… “Siete disposti a mollare tutto per il vostro primo amore?”. Bah! Il mio cuore gettato nel primo cassonetto della spazzatura… per chi mi conosce e mi segue da un bel pò sa che io non ho, tutt’ora, un grande rapporto con il mio passato. Troppe occasioni perse e i rimpianti che si presentano puntali a qualunque ora della giornata che mi annebbiano parte della mia felicità. Quindi per me la risposta è “No!!!!!” anche se un piccolo spiraglio lo lascio pur volentieri anche se questa frenesia nel mollare tutto e ritornare sui propri passi mi stona un pò per via della mia monotonia e le sorprese o i cambiamenti improvvisi non li digerisco molto. E poi se il primo grande amore è finito, un motivo ci sarà anche se ogni cosa ha il suo tempo… Non so… io sto imparando ad accettare con enorme difficoltà le scelte che ho fatto ieri, premesso che 10 anni fa non ero il Raffaele di oggi… le persone cambiano in meglio o in peggio sempre e comunque… se poi parliamo di amore… io posso andare tranquillamente in pensione! Anche se il mio cuore non vuole ancora smettere di palpitare 😀

Forse tra 10 anni cambierei idea sul quesito di questo post… vedremo!

Buona Vita! 🙂

Raffaele

E’ sempre comunque Storia – Sportivamente parlando

foto tratta dal web

E chissà per quanti, di quei 4.000 tifosi del Pordenone presenti ieri alla “Scala del Calcio”, ovvero il “Meazza” di San Siro, hanno sperato fino all’ultimo istante, fino all’ultimo rigore di compiere una impresa storica battendo la capolista della Serie A. Sono stati fatali i tiri dagli undici metri per decretare l’eliminazione agli ottavi di una competizione, la Coppa Italia, che ogni anno ci regala, a noi appassionati di calcio, queste stupende emozioni. E sempre comunque storia perchè al termine dei 90 minuti regolamentari e poi ai supplementare il piccolo ma grande di cuore Pordenone ha tenuto botta all’Inter soffrendo solo nei minuti finali quando Spalletti ha dovuto scomodare dalla panchina gente come Brozovic, Perisic e il capitano Icardi. La corazzata Inter che al termine del match deve solo applaudire i ragazzi di mister Colucci che sono venuti a San Siro a giocarsela colpendo anche un palo e sfiorando nella ripresa, sui sviluppi di un corner, il vantaggio. Niente di clamoroso o di una figuraccia nero-azzurra. Le due categorie di differenza non si sono viste e il piccolo Pordenone non si è trincerato in un italico catenaccio ma ha affrontato a viso aperto la capolista della Serie A. Ogni piccolo tifoso del Pordenone deve essere orgoglioso dei propri colori della propria squadra, 11 ragazzi che hanno fatto vivere un sogno alla propria gente… E da adesso magari seguiremo con interesse le vicende sportive di questo piccolo ma grande Pordenone!

Perchè lo Sport mai come in questi giorni ha bisogno di storie come queste da conservare gelosamente per un dolce futuro, storie che non potranno mai ingiallirsi e dimenticate nella nostra memoria…

Raffaele