Archivi giornalieri: 3 agosto 2018

Rimbecillito

foto tratta dal web

Mi sento un pò… rimbecillito dopo le tre di sonno accumulate nel pomeriggio. Mi sento un pò strano e francamente non so da dove mi viene tutta questa stanchezza che perdura tutto il giorno! Non mi va proprio di fare niente, nemmeno a leggere o portare a spasso birillo o vedermi la televisione la sera. Nada! Forse sarà il caldo che mi impantana nelle sue sabbie mobili e non mi fa fare neppure le cose che più mi piacciono… non vedo l’ora che passi questa estate e questo caldo, specie per uno come me che non usa condizionatori e purtroppo stanotte ho sudato tantissimo… se solo reggessi il clima ora starei bene… eppure bevo qualche multi-vitaminico ma i miei occhi sono sempre costantemente con la saracinesca abbassata! E meno male che avevo eliminato la pennichella nel pomeriggio… ma niente ipocrisia più totale… Vabbò vi lascio… qui ha appena smesso di fare un bel temporale che spero rinfreschi un pò l’aria e la mia buona volontà nel far qualcosa di utile nella mia vita! Una bella doccia gelata e tutto passerà… prima o poi… 😛

Raffaele

Ricordi…

Ricordo che un pò di tempo fa con i miei dell’Azione Cattolica, d’estate e nelle notti in cui non si sapeva cosa fare, ci eravamo inventati un tipo di nascondino un pò particolare… con l’uso delle nostre macchine! In pratica all’inizio di questo gioco si sceglieva una “macchina” con a bordo i partecipanti in cui iniziare a nascondersi. Appena giunto nel luogo coloro che conducevano il gioco inviava un messaggio, una sorta di indovinello, ai noi con le altre auto. Un indovinello per cercare di trovare quella macchina nascosta in qualche luogo del mio paese: bosco, cimitero vecchio, collina, campetti, scuole medie… quindi bisogna prima capire l’indizio e quindi ottenere una risposta all’indovinello e poi recarsi quanto prima nella postazione in cui c’erano i nostri amici che ci aspettavano. I primi che riuscivano a trovare la macchina nascosta avevano il privilegio di condurre loro il gioco… ahahahah che bei ricordi, un nascondino piuttosto particolare, cosa ci inventavamo pur di passare in allegria le serate! e chissà quanta benzina abbiamo consumato per girare avanti e indietro per il paese! shhhhhhh non lo dite ai nostri genitori mi raccomando!!!! 😛

Adesso c’è chi lavora o studia e quei momenti li vorrei rivivere anche subito! 😦

I ricordi… quelli belli!!!!

Raffaele