Archivio mensile:gennaio 2019

Bentornata

Bentornata tra i colori amichevoli di questa accogliente bellezza ancora inespressa che è la vita. Siamo pazzi perché ci bagniamo i vestiti continuamente dentro le pozzanghere come vivaci bambini che si riparano dalle gocce scintillanti di libertà frizzantina… perché non rimanere spogli come alberi secolari che toccano il cielo con il loro amore… nessuna parola, nessun saluto. Basta l’ombra del tuo corpo mentre ti giri e ti rigiri nel letto e stringermi forte intorno a questa mattina che non ha fiducia nei restanti giorni. Vuoi un caffè? Un minuto per morire insieme a te a dare un senso a questa confusione. Un fiore che vibra intorno alla muscolatura di una copiosa preghiera, un fiore che non abdica la sua corona di spine che mente circa la sua criminalità di pungere ogni piega di questo viaggio. “Non nasconderti, presto ti vengo a cercare” questi residui di umanità ci vogliono elogiare perché ancora stiamo qui a tremare ma l’amore a questa gente in fin dei conti non risulta vano.

Raffaele

Annunci

Sogno…

Eh quanto mi piacerebbe, un giorno, in un’altra vita o forse ora in un universo parallelo cantare questa splendida e celestiale canzone insieme a una mia futura dolce metà… magari sulla spiaggia contemplando le stelle che ci illuminano dolcemente… con le lacrime che bagnano i nostri visi perchè l’amore ci rende terribilmente fragili…

sogna Raffaele, sogna! 😛

Pensiero mentre mi facevo la doccia…

foto tratta dal web

 

Credo di essere bravo a fare molte cose:

(almeno in maniera decente e facendo meno danni possibili)

scrivere,

allenare una squadra di calcetto,

fare l’educatore

e forse a fare il comico…

ma ancora non ha capito a quale di questi aspetti dare un senso profondo della mia esistenza…

La salvezza passa da qui… da queste riflessioni sotto la doccia…

Raffaele

Irripetibili

foto tratta dal web

 

 

Siamo nuvole indescrivibili, siamo dottori irripetibili, siamo esseri troppo simili per pronunciarsi tra le vittime di questo amore.

Siamo foglie nel vento, siamo formiche in perenne movimento, siamo un artistico ornamento troppo ricamato per questo amore tra le macerie sacrificato.

Siamo vasi da riempire, un messaggio in bottiglia nel mare del divenire, siamo un’onda che ci porta troppo lontani da questo cuore screpolato per questo amore nelle sue battute troppo fermo e disorientato…

Siamo un testo intraducibile, un disco antico in vinile, siamo la luce che sul finire della sua energia per questo amore che si intravede nell’operosità di questa mia attonita foschia.

Siamo le frequenze di una radio clandestina, siamo la prima brina di una fredda stagione, siamo il brivido di una melodica e schiva canzone di questo amore che cerca riparo tra le ali di una gravida ribellione.

Raffaele