Archivio mensile:giugno 2020

Albicocca

Un pezzo di albicocca ad io che nell’indifferenza mi allontano dalla tua bocca.

Inseparabile tempo ecologico a riscrivere i miei onnipresenti diritti e doveri. Chiazze di gocce di metallo sulla pelle, artistica ed affamata memoria.

Occhi evangelici del perdono da te più non disprezzato… mucchi di parole di questa domenica vicina alla sua primavera, una cerniera per sigillare questo mio pensiero di opinione libera e ben infornata, infornata nel suo nuovo calore, circoscrizione intorno al tuo mattiniero profumo d’essere…

Raffaele

Svegliarmi…

Svegliarmi presto. Trovare un appiglio. Scovare un melodico profumo che ti accarezzi senza far troppo rumore. Schiarire, lenire, svenire.

Quanto zucchero nel caffè?

Trovare ispirazione, esposizione da una scaltra cognizione di una evoluzione e di un principio che detta spedito, un invito, per il suo lessico grammaticale… ma è solo lunedì,

c’è tempo…

Raffaele