Diario della gratitudine

Ieri sera ritornando a vivere e a respirare l’aria del blog ho potuto apprezzare di nuovo la bellezza dei vostri post. Sono rimasto incuriosito da uno scritto di una blogger in cui ci invitava a scrivere e annotare, la sera prima di andare a riposarci, su un piccolo diario piccoli istanti, momenti belli o anche quelli che ci hanno provocato dei piccoli scompensi emotivi. Un piccolo diario quotidiano insomma. Magari non dimenticandoci di trascrivere la data e l’ora dell’emozione trascritta. Userò un block-notes e in virtù dei miei perpetui spunti poetici annotterò le mie riflessioni giornaliere, quelle che mi hanno lasciato un segno tangibile nella mente, scaturite durante l’arco di una intera giornata che spero sia stata vissuta sempre con il sorriso sulle labbra. Ma sarà anche una sfida con me stesso, perchè l’autrice del post prevedeva un tempo di rodaggio di almeno un mese per entrare appunto a pieno regime e diventare quasi un piccolo vizio, vezzo da esibire a me stesso verso il finire della serata. Quasi fosse uno specchio con cui riflettere la mia anima fatta di parole ed evoluzioni pittoriche-poetiche…

Dai… se sarà anche un modo con cui dibattere con i miei lati più fragili… accetto la sfida!

Non sarà facile… ma ringrazio la blogger per lo spunto riflessivo 🙂

Chissà che pasticcio ne verrà fuori 😛

Buona Vita

Raffaele

4 pensieri su “Diario della gratitudine

      1. si perchè in generale la scrittura ci rende più leggeri in fondo… perchè il mio problema in alcuni momenti è il dover contare il tempo che mi rimane più che il tempo ancora da vivere 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...