Pensiero non lineare.

Sarà che il mio pensiero non è lineare. Contrazione ventricolare. Sorriso accademico. Un’alba di riflesso, il destino che disfa la sua valigia di cartone. Mi addormento dentro una goccia di felicità e mi risveglio invaso dalla nostalgia. Attivo la funzione transitoria dei battiti del mio cuore giusto per rimanere connessi con le mie parole. Sistemo in ordine questo flusso di emozioni e poesia non ancora pubblicate mentre gioco con il mio cane nel mio giardino di primo mattino. L’odore del caffè amaro, l’attesa della pubblicità dal divano, un paragrafo ancora privo di grammatica. Secessione di una emozione, ci vuole coraggio per non abbandonarmi nell’ottica effimera di questo lungo viaggio. Il profumo di quando ero bambino e l’ombra di chi non vuole smettere di esserlo, prima di ripartire, prima di non dormire adagiato in una promessa non ascoltata, ora e per sempre.

Raffaele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...