Archivi giornalieri: 2 novembre 2021

Lacrima

Fermo. Immobile a guardare la tua foto. Un piccolo mazzo di fiori profuma questa mattina. Una piccola luce si sforza di illuminarti. Sono passati undici anni. Sono passati undici anni da quando, a soli ventidue anni, sono diventato orfano del padre di mio padre. Ma nonostante tutto questo tempo che mai sembra essere lontano ci incontriamo di notte dentro un sogno. Fermo. Immobile. Non riesco a trattenere le lacrime, anche ora mentre ti scrivo questo pensiero. Forse esse mi permettono di parlare ancora con te. Forse esse sono la testimonianza del tuo amore donato sin dalla mia infanzia quando con la 124 mi accompagnavi a scuola o passavamo la sera a parlarci e a conoscerci sempre di più davanti al caminetto. Quando provo a incontrarti attraverso il mio cuore provo a non usare il passato. Sei sempre presente, qui con me anche quando contemplo un tramonto o nel sorriso di un bambino dell’oratorio. Continui ad esserci nella mia Vita e sento la tua presenza anche quando arriva l’inverno tra i miei pensieri, anche quando cado e mi ferisco perchè il destino a volte ci disegna orizzonti ancora inesplorati. E quel destino che ha voluto che io ti salutassi per l’ultima volta in quel giorno d’estate appena rientrato da Modena. E non credo sia un caso che ci chiamiamo con lo stesso nome e cognome… come se fossimo uniti, per sempre ad un unica Vita.

Ciao Nonno!