Archivi giornalieri: 10 giugno 2022

Sono qui che aspetto,

Mi faccio trovar pronto.

Sono qui che aspetto.

Ricucio l’eleganza di una ferita.

Mi scivoli tra le dita e mi sento fortunato, c’è chi è ancora intrappolato e non riesce a destarsi che la vita è una continua e iraconda ferita.

Ed io che aspetto il mondo.

Mi sento ancora parte di esso anche se giro nel verso opposto. Ci sarà un momento preciso in cui ci incontreremo e capiremo il sapore di una lacrima o l’irriverenza di una calcificata, nostra, carezza.

Prendo troppe precauzioni. Lo so. Esagero.

Ma non sono un tipo con cui esibire le tue illusioni ma spavento il mio destino addomesticando e masticando profetiche rivoluzioni.

Raffaele