Archivi categoria: Pensiero

Momenti

Momenti di pura Felicità vissuta in Chiesa questa sera. Si festeggiava il 50 esima anniversario di matrimonio di due persone molto importanti per l’oratorio, sempre al servizio della comunità in qualunque situazione e ad ogni ora della loro Vita. 50 anni di matrimonio, nessun segreto ma solo un tenersi fiduciosamente la mano in qualunque rumore del loro destino…

Ed io che ancora continuo a cercare l’altra metà della mia stella… ed il mio tempo che si fa sempre più sottile…

Raffaele

Non avevo capito niente…

Non c’ho capito niente. Come al solito oserei dire. Ieri su Instagram ho pubblicato una mia foto: un primo piano per far vedere ai miei followers il mio nuovo taglio di capelli. Ho raggiunto subito un notevole apprezzamento superando i 20 like, cosa insolita per il mio profilo. Mentre con le mie poesie e i miei pensieri, sempre corredati da una bella immagine, non raggiungevo i 3 apprezzamenti. All’inizio me la prendevo con il mondo, con me stesso e anche con il social perchè avevo scarsa visibilità e poco consenso, poi dopo ho capito, sempre a scoppio ritardato, che ogni tipo di social ha la sua mission, il suo senso. Qui sul blog prevale la parola, su Instagram prevale l’immagine (2 +2 fa 4 e il ragionamento è semplice anche per uno come me) e spazio per la poesia e per la riflessione c’è ne poco, per quello c’è WordPress il mio formato preferito, ma non per questo dovevo imputare la colpa ai miei amici o a me stesso ma per il semplice fatto che ogni cosa nella vita ha la sua logica collocazione. Infatti Instagram lo vedo più come un mio personale laboratorio creativo dove continuare a sperimentarmi tra dirette e pensieri articolati senza l’eccessiva ansia da prestazione. In sostanza. Morale della favola, la colpa non è di nessuno… hai capito Raffaele?

Maschera

Io sono una maschera. Il palcoscenico della mia felicità o della mia malinconia. Cosa volete che sia in fondo? Io sono una maschera dall’anima disinvolta, salubre, particolareggiata, a tratti sbiadita, poco condita dalle mie lacrime ancora insipide. Io sono una maschera. Il ballo della Vita. Sono un enorme sperimento dove sperimento, dipingo, modello, cesello, ritaglio le sfumature del mio pensiero… e su questo impervio sentiero io mi sento ribelle con questo destino. No mi dispiace, non mi sento un manichino. Non gioco a nascondino con i miei sguardi uguali solo all’apparenza di una mite e peninsulare mia credenza… Amo la mia Vita, ne colgo l’essenza sin dalla sua infanzia, ne colgo il suo sapore sin dalla sua giovinezza, ne colgo la sua sapienza sin dalla sua vecchiaia…

Ringrazio il Blog “pensierononlineare” e la Dottoressa Giusy per avermi fatto ispirare questo mio pensiero, grazie 🙂

Raffaele

Faccio fatica… non so voi…

Faccio fatica a comprendere la reale situazione politica nostrana. Faccio fatica a sentirne il suo tessuto, se può essere ancora pregiato o sfregiato e logorato dal tempo, faccio fatica a comprendere la sua trama. Fiction o realtà. Fin dove si spinge la nostra immaginazione nel non sentirci tremendamente distratti intorno a questa tela che sembra essere nuovamente disfatta nell’attesa di tempi migliori?

Il governo del Professor Draghi sarà una sfida nuova e spero non troppo prematura per la classe politica italiana, quella fatta di comizi e di promesse e di mance pre-elettorali. Sarà una nuova sfida da non perdere perchè per una volta tanto i nostri rappresentanti dovranno mettere da parti i loro interessi di partito per il bene comune ovvero quello della nostra Nazione. Destra e Sinistra e i 5 Stelle insieme per una visione più Europeista e più Green del nostro paese. Certo nelle prossime settimane il Parlamento non dovrà essere un Ring dove Pd, Lega ecc. faranno bagarre sui temi come quelli dell’immigrazione, delle politiche sociali e specialmente su come pianificare in maniera adeguata e non illusoria il tema del Recovery Fund. Il litigio e gli screzi di basso profilo che non diventino un piccolo teatrino per staccare la spina a un neo governo voluto dal nostro Presidente della Repubblica e pensare già alle futuri elezioni politiche dopo la fine dell’attuale legislatura. Che questo nuovo Esecutivo non diventi un laboratorio creativo dove sperimentarsi un pò come le amichevoli estive tra le varie squadre di calcio. Capire che il filo che separa il consenso da il dissenso tra le forze politiche e così sottile che in gioco c’è il destino e la credibilità del nostro martoriato popolo. Non ci potrà essere spazio per l’improvvisazione e che la vita di questo nuovo progetto politico non dipenda dalla lunaticità dei vari leader. Voi tutti dimostrate ai noi giovani che si appassionano alla politica o a chi come me rimane ancora spaventato dalle sue sembianze ancora medioevali che esiste ancora una Buona Politica non sbandierata nei vari Talk Show o sui social, ma una politica che entri nel cuore dei cittadini. Due anni, soltanto due anni per capire se ne vale la pena ancora la pena credere, credervi!

Buona Fortuna Italia!

Raffaele

Me stesso

Me stesso, sempre e comunque. Anche quando posso sembrare noioso, pessimista, poco altruista, ingenuo, troppo sofisticato nelle mie poesie, quando posso sembrare bugiardo, ipocrita, meschino, quando non mi ritengo un bel ragazzo, anzi la mattina ignoro il mio volto davanti a uno specchio, quando ho il timore di professare i miei sentimenti davanti a una ragazza che forse non si è accorta del mio amore, quando non capisco e non scorgo i lineamenti veri e sublimi della nostra esistenza, quando bestemmio contro il destino, quando mi sento in lui solo e soltanto un manichino, quando ho paura di prendere freddo o di scorgere piccoli ed esili cristalli di luce da un cielo ancora sconfinato per le mie parole ancora troppo tiepide per far innamorare un angelo… ma sempre comunque me stesso e non mi spoglierò mai della mia povertà, io resto qua!

Oggi ho perso le chiavi di casa.

Raffaele