Archivi categoria: Riflessioni…

Aspettando Sanremo

Attenzione questa battuta può alterare il vostro sistema immunitario del lunedì mattina…

Aspè come si chiama il cantante che ha vinto Sanremo 2020?

ah si!

Tranquilli mi mando a quel paese da solo!

Buongiorno Buongiorno! 😛

Ps: l’immagine non ha nessun tipo di intento pubblicitario, è stata usata solo come battuta per questo post 🙂

non si sa mai…

non si sa mai, voleremo fino a domani. Un succo di frutta.

Baby il mondo è Super!

non si sa mai, cercheremo un appiglio per piangere, imprecare e poi esultare ascoltando un brano d’infanzia. Un panino con la mortadella.

Baby il mondo è Super!

non si sa mai, troveremo da qualche parte il libretto delle istruzioni dentro il cruscotto della macchina appena ritirata dal concessionario… non si sa mai che dovremmo viaggiare fino alla fine dei nostri giorni senza appresso una ruota di scorta, una copia di una rivista eno-gastronomica o un biglietto di cresima per il nostro prossimo pensiero.

Baby il mondo è Super!

non si sa mai, pagheremo il conto dopo aver corso nudi intorno ad un falò. Bagno di mezzanotte per noi lunatici, viticoltori del tempo. Indumenti nell’armadio, vale la pena vivere senza quelle ore appiccicose dopo aver bevuto a stomaco vuoto tutta quella fretta di stare al mondo in frac. Denti cariati, consumati. Troppo Sesso sul palato.

Baby il mondo è Super!

Raffaele

Riflessione

Sui social un famoso attore comico ha pubblicato una foto della sua chat in cui la sua agente gli comunicava che benchè avesse avuto buoni opinioni e riscontrato pareri ottimi non aveva passato il provino per un film…

e si un bel insegnamento… perchè è troppo facile mostrare le nostre foto belli sorridenti, mostrare solo e soltanto il lato positivo delle cose, troppo bello festeggiare le nostre vittorie facendo partecipare tutti ma è un gesto coraggioso evidenziare, senza troppa paura, i nostri lati più fragili di noi come per un successo mancato, una occasione persa, un amore finito ecc… raccontarsi anche svelando quell’altro lato della luna che non credo posso risultare perennemente invisibile…

Raffaele

Attenzione… spoiler in corso d’opera…

Attenzione… spoiler del finale del film di Ficarra e Picone “L’ora legale”… anche se è passato un anno dall’uscita ma non si sa mai… una riflessione su questo film che mi ha fatto molto ridere ma anche riflettere sulla reale cultura del pensiero di noi italiani…

Il finale non mi è piaciuto. Non mi ha fatto ridere. Mi ha lasciato con l’amaro in bocca di un dolcetto non gustato a dovere dopo una buona cena. Speravo che alla fine vincesse il giusto nonostante tutto il film sia una enorme parodia delle contraddizioni che viviamo noi in questo paese che spesso perde la sua ragione. Speravo che i cittadini del paese rifiutassero del dimissioni del Sindaco, capissero i loro errori, ma invece il finale ricalca tutto il mood del lungometraggio. Un paese che ritorna nel suo oblio, al suo parziale benessere… perchè la legalità preclude delle scelte dolorose e impegnative a cui spesso noi non siamo pronti. Per niente… perchè chiudere gli occhi e far finta di nulla. Nascondere la polvere sotto il tappeto. Speravo nel lieto fine, e c’ho sperato fino all’ultimo… Un messaggio forte di un film che comunque ha trattato tematiche importanti. Salvare il posto dei dipendenti o chiudere una fabbrica che inquina? Per esempio, tipo caso Ilva. Le mazzette, la corruzione. L’assenteismo nella pubblica amministrazione… il sindaco votato al cambiamento che che nasconde anche lui, come i suoi concittadini, gli scheletri nell’armadio come raccomandare sua figlia al conservatorio…

“Chi è senza peccato scagli la prima pietra!”

Purtroppo siamo tutti moralisti, prima di giudicare il prossimo un mio amico, un mio parente, il mio vicino di casa dovrei prima spogliarmi della mia ipocrisia e farmi un bel bagno di umiltà…

Raffaele

Battersi il petto

Il pubblicano, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo:” O Dio, abbi pietà di me peccatore”. Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, torno a casa giustificato.

Luca 18, 9-18

“Chi si umilia sarà esaltato”. A volte, noi cristiani, ci comportiamo come il fariseo che si fa bello e perfetto davanti al Signore perchè si ritiene un giusto osservando tutte le buone regole, pregando e digiunando assiduamente. A volte crediamo che fare la Sua volontà basta osservare tutti i suoi precetti, un pò come i dieci comandamenti che sono delle linea guida, ma l’errore che fa il fariseo è che non si dimostra umile di cuore nonostante esso si comporti bene e non commetti peccati come il pubblicano. Ecco l’essere umili di cuore, una dote che spesso manca nelle nostre comunità. Appartenere al Signore non vuole padroneggiarsi, vaneggiarsi, riempirsi d’orgoglio, l’essere un cristiano di serie A e denigrare i poveri peccatori. La povertà, la povertà di ognuno di noi che cerchiamo secondo le nostre fragilità di dare un senso profondo alla nostra Vita, un dono non imposto ma che dobbiamo glorificare ogni giorno davanti ai nostri fratelli. Batterci il petto e avere il coraggio di dichiararci peccatori, poveri e umili peccatori… perchè la nostra umanità non ha bisogno di eroi ma gente che nella sua semplicità santifica la vita degli altri, di chi antepone il proprio bene per la salvezza del prossimo… e francamente nella mia modesta fede non credo che Lui ci giudica per quanti errori abbiamo commesso in questo lungo cammino ma semmai per quante lacrime abbiamo versato e a quante lacrime abbiamo dato il giusto sapore…

Raffaele