Archivi tag: Anima

Vederti

foto tratta dal web

 

E’ bello per me vederti sorridere anche se solo attraverso le mie parole che si fanno cielo per far dar sfondo ai tuoi pregiati occhi di seta.

E’ bello per me vederti emozionare anche se solo attraverso un mio verso che si fa poesia per poter ricamare un pensiero che levighi il tuo vitreo volto come una profonda e matura carezza…

… e la tua voce sarà per me eco con cui regalarmi una timida notte nell’attesa di un incontro,

nell’attesa di un sogno…

Raffaele

Esame di coscienza

foto tratta dal web

 

Esame di coscienza, un argomento di pertinenza per esigere da Te un atto di perdono per una convivenza quotidiana con il peccato che argomenta scrupolosamente ai Tuoi occhi tutta la mia ipocrisia…

Esame di coscienza, disegnarti sul foglio quel paesaggio che cerca il suo cielo, quella casa abitata ogni domenica le cui mie polvere volteggiano nell’aria. Ti chiedo permesso, quasi di nascosto, prima di entrare, busso e ogni volta ho il timore di essere ammaliato da quell’accoglienza che non credo di meritare, eternamente in diatriba con me stesso perchè eterno perverso nella mia ragione in ogni stagione…

Esame di coscienza, stringo forte il tuo simbolo di salvezza e mi chiedo quando durino questi lineamenti del mio corpo che mente ancora della sua età, perchè bisogna essere vigili, attenti a non sprecare quella felicità imbandita solo per nobili occasioni matrimoniali… Lo specchio mi sussurra nuove forme di ringiovanimento allora mi faccio subito la barba ed esco di casa a camminare spedito verso il tuo orizzonte…

io meridionale in cerca di un vento di maestrale che mi spinga oltre ogni mio limite insurrezionale…

Raffaele

Irripetibili

foto tratta dal web

 

 

Siamo nuvole indescrivibili, siamo dottori irripetibili, siamo esseri troppo simili per pronunciarsi tra le vittime di questo amore.

Siamo foglie nel vento, siamo formiche in perenne movimento, siamo un artistico ornamento troppo ricamato per questo amore tra le macerie sacrificato.

Siamo vasi da riempire, un messaggio in bottiglia nel mare del divenire, siamo un’onda che ci porta troppo lontani da questo cuore screpolato per questo amore nelle sue battute troppo fermo e disorientato…

Siamo un testo intraducibile, un disco antico in vinile, siamo la luce che sul finire della sua energia per questo amore che si intravede nell’operosità di questa mia attonita foschia.

Siamo le frequenze di una radio clandestina, siamo la prima brina di una fredda stagione, siamo il brivido di una melodica e schiva canzone di questo amore che cerca riparo tra le ali di una gravida ribellione.

Raffaele

Ancora no…

Futili e ingenui “No” che comunque mi fanno capire che nel mio mondo, forse, valgo qualcosa… non uscire con gli Amici, nemmeno alla festa patronale e al concerto; non fare più l’educatore all’Oratorio; non giocare più a calcetto rifiutando tanti inviti; litigare nel silenzio con mio padre per un concorso… insomma questo periodo è davvero ricco di emozioni! 🙂

E’ come se ho la voglia e il desiderio di chiudermi in me stesso, dopo una vita vissuta tra esperienze e belle emozioni. E come se rifiutassi di provare un alternativa felicità e se ancora l’inverno deve arrivare… il mio posto vicino al caminetto è già li sistemato…

Negarmi al mondo, rifugiandomi nella lettura e nella scrittura e forse stroncare il mio tempo… e come se mi fosse bloccato il mio pensiero e ingabbiato l’anima al rintocco dei 30 anni appena compiuti… e come se all’improvviso non ricordo più come si nuota, boccheggiando tra scuse di cera o non ricordassi più andare in bicicletta continuando a cadere e ferirmi inutilmente lungo la mia via profanata da continui echi di solitudine…

E come se la mia Vita, un pò come una professoressa, mi sorprende con una verifica a sorpresa ed io la notte al posto di studiare ho preferito godere delle mie illusioni…

Mhà… io continuo a non capire niente…

continuo a non capirmi…

Raffaele

Poesia improvvisata

Credere nello stuzzicare parole nuove da comprendere l’efficacia di un mite gesto oltre queste mura io proverò a resistere all’intemperanza di una anima così splendente che neanche il cielo sa contenere la sua emozione… ed è qui che io ripartirò allo scoccare di una friabile attesa che consumerà il mio domani mentre il mio cuore intercette scie di stelle che da un tuo pensiero scenderanno giù, cosa voglio di più se non te che fa impazzire questi secondi che ci dividono e mi stordiscono come una musica alta in pieno giorno, fluidificheranno questi colori della tua pelle che inteneriscono quel tuo sorriso mentre cerco un fiore da porgerti in religioso silenzio…

Raffaele