Archivi tag: articolo sportivo

Ma non mi dire…

Ma non mi dire… certo il calcio è davvero uno Sport strano, mai scontato e mai banale nella sua lunga storia fatti di eventi gloriosi e eventi indecorosi come quello che è successo due giorni fa alla Spagna poco prima dell’inizio dei Mondali in Russia. Il tecnico delle Furie Rosse Lopetegui licenziato in tronco dalla Nazionale Spagnola in quanto, nonostante il rinnovo di contratto per altri due anni fino al 2020, ha accettato di accedere sulla panchina più ambita di tutti: quella del Real Madrid. Infatti i “blancos”nella giornata di martedi hanno annunciato sui loro profili social l’arrivo del nuovo allenatore, ovvero quello che doveva guidare la nazionale Spagnola ai Mondiali. Quindi Lopetegui avrebbe dovuto disputare la manifestazione sportiva con la Spagna consapevole che al termine di essa andava subito ad allenare il Real. Luis Rubiales, Presidente della Federcalcio iberica, infuriato come un toro, ha convocato due giorni fa una conferenza stampa e ha annunciato il licenziamento in tronco del proprio commissario tecnico. Al suo posto Fernando Hierro, una leggenda del calcio spagnolo che attualmente ricopriva il ruolo di direttore sportivo della Roja.

Un pò come chiamare all’ultimo minuto e in maniera disperata un giocatore, un amico poco prima di una partitella di calcetto, perchè non si riesce a trovarne uno per arrivare a 10.

Figuraccia Mondiale? Chi ha combinato il misfatto… Il Real Madrid o Lopetegui?

Secondo me l’ex allenatore delle Furie Rosse, in virtù del fatto che aveva appena rinnovato il contratto con la nazionale… “eh si Raffaele ma i treni passano solo una volta sola… è quello del Real chi se lo lasciava sfuggire?”

Il Real Madrid ha fatto il suo dovere… certo rimandare l’annuncio a fine Mondiale… non sarebbe stato male, ma Lopetegui avrebbe dovuto tenere nascosto il fatto a tutti fino al 14 Luglio, nel caso la Spagna arrivasse in finale? Certo che allenare una nazionale vincente come quella Spagnola è comunque molto stimolante e prestigiosa… però il Real aveva fretta di trovare un nuovo tecnico per programmare la nuova stagione… un bel autogol… decisamente…

Difficile ipotizzare la reazione e il pensiero dei giocatori spagnoli dopo tutto il putiferio che si è creato intorno a loro senza avere una minima colpa…

Raffaele

Ragazze toste

foto tratta dal web

 

Sono davvero toste le nostre ragazze di rugby femminile. Ieri ho visto su Eurosport la partita inaugurale del Sei Nazione tra le nostre azzurre e le invincibili Inglesi. Partita giocata a Reggio Emilia. Purtroppo abbiamo perso 42-7 ma il primo tempo si era conclusa in partità, 7-7 con la meta della nostra Valentina Ruzza, seconda linea, allo scadere del tempo. Poi nella ripresa non c’è stata storia con le inglesi che hanno avuto ampio dominio territoriale. Le inglesi sono le numero due al mondo nel ranking mondiale seconde solo alle neozelandesi con cui hanno perso la finale dell’ultimo mondiale giocato questa estate in Irlanda. Ho visto la partita con molto interesse anche perchè amo ogni sfumatura dello sport, maschile e femminile e spero tanto che queste ragazze allenate dal coach Di Giandomenico possono avere in un futuro non troppo lontano la loro giusta visibilità. Un movimento rugbistico quello femminile, in crescita in Italia con un campionato a 20 squadre diviso in due gironi da 10 squadre e una programmazione mirata allo sviluppo di questo sport in tutta la nostra nazione. Vicino al mio paese è nata una squadra di rugby a 7 femminile ed è comunque un piccolo passo in avanti che spero porterà frutto per uno sport che fa dei suoi valori il suo punto di forza e ancora fa fatica ad emergere nella mia terra, ahimè!  Uno sport aperto a tutti ed è doveroso dare risalto non solo alla nazionale maschile ma anche a quella femminile che comunque nelle ultime stagioni ci stanno dando parecchie soddisfazioni, partendo dal buon nono posto agli ultimi mondiali. Prossimo incontro domenica contro l’Irlanda!

Tutto il rugby italiano deve trovare nel proseguo della sua vita delle certezze e scovare nuovi orizzonti con cui mettersi in risalto… le ragazze ci sono e sono belle toste!!!!

Brave ragazze! 😀

Non solo calcio…

Raffaele

E’ un gran bel giro! – Sportivamente parlando…

Che bel giro di Italia edizione che Mauro Vegni e il suo staff anno disegnato per l’edizione numero 101. Per la prima volta un grande giro partirà da un altro continente, partirà da Israele e nella fattispecie da Gerusalemme Ovest con una crono individuale di 10 chilometri, tre tappe in terra santa e poi l’approdo in Sicilia. Sarà un giro fatto e cucito per gli scalatori, con solo 45 chilometri in tutto di cronometro e chissà se parteciperà il vincitore a sorpresa dell’anno scorso Tom Dumoulin, con la speranza di vedere partecipare il nostro Vincenzo Nibali che si concentrerà sulle classiche di primavera e sul mondiale austriaco. Al termine della presentazione la grande chicca: un video brevissimo di Chris Froom, vincitore l’anno scorso per la quarta volta del Tour e pure della Vuelta per la prima volta, che annunciava la sua partecipazione alla prossima corsa Rosa. E tenterà di vincere Giro e Tour nello stesso anno cercando un impresa riuscita per ultimo al nostro Pantani nel 1998. Sarà un giro di grandi nomi e di grandi firme, dove le battaglie di certo non mancheranno. Sarebbe fantastico vedere duellare tra le strade del nostro bel paese Froome, Nibali e il tenace Aru e forse Quintana. Ma è presto ancora, per fare calcoli… Ho seguito ieri la presentazione del Giro su Rai due e spero vivamente fra 6 mesi di guardarla dalla tv… ahimè il giro non sfiorerà nemmeno la mia Puglia, pazienza… non si può volere tutto… E’ un giro in cui ogni tappa sarà davvero difficile e sicuramente non si dovrà aspettare la scalata del Monte Zoncolan, 10 chilometri con pendenze massime del 22%, il colpo di grazia per chi vorrà trionfare a questo Giro potrebbe essere nella 19esima tappa in cui i corridori passeranno sul Colle delle Finestre, la Cima Coppi di questa corsa che si concluderà finalmente con la passerella finale a Roma il 27 Maggio. Finalmente!!!! Sarà fantastico vedere la carovana rosa attraversare le bellezze della nostra capitale che spero sarà pronta per questo evento… un pò stile Parigi per il Tour de France…

Non vedo l’ora!

W il Giro che appassiona ogni anno milioni di Italiani sia per le strade che davanti alla televisione come me… che vinca il migliore!

Ciauuuu 😀

Raffaele

Rugby in rosa

foto tratta dal web

 

Il nono posto dell’ultima Coppa del Mondo in Irlanda fa ben sperare per le nostre ragazze e per tutto il movimento rosa di rugby. I successi contro Spagna e Giappone fanno ben sperare per il futuro, insieme all’allargamento del massimo campionato federale. Siamo solo all’inizio, siamo e cerchiamo di essere ottimisti. Circa 7.000 tesserate donne rispetto ai 70.000 uomini dimostra che c’è molto da lavorare anche come cultura in quanto lo “Sport è di tutti e per tutti” e non esistono solo Sport maschili e come mentalità, in parte, “siamo ancora al medioevo” come si usa dire in queste circostanze. La nazionale due anni fa ha raggiunto il terzo posto nel Sei Nazioni e le azzurre con le loro partite possono essere da traino per le fanciulle che timidamente si affacciano a questo sport che anche se si contatto e accessibile a tutti… non bisogna essere dei supereroi per praticarlo. Anche qui al Sud qualcosa si muove anche se siamo ancora al livello embrionale anche nel contesto maschile, ma una piccola speranza c’è… Anche le tv si affacciano con curiosità nel mondo rosa della palla ovale e l’ultimo mondiale ha avuto un buon riscontro in termini di ascolti sulle varie piattaforme e sui vari media… Quest’anno ho visto due partite delle Azzurre nel Sei Nazioni mostrate in tv con gli spalti gremiti di pubblico, segno di tardivo risveglio…

E’ ora di svegliarsi gente!

Lo Sport è di tutti!

Piccolo pensiero…

 

Raffaele

…profeta di felicità!

Con i due anticipi del sabato: Juventus-Cagliari e Verona-Napoli è iniziato il massimo campionato di calcio di serie A. Il calcio che da inizio ad uno nuovo anno sportivo con la profonda speranza che sia un anno che cancelli i detriti, pezzi di cose che non c’entrano con i valori che lo Sport ci insegna ogni giorno. Dalle serie A alla terza categoria che il “Football” sia un “oasi di pace e di fratellanza” tra i giocatori, società e i tifosi, che le discriminazioni territoriali e il razzismo siano solo un incubo da intrappolare eternamente nel passato, il più remoto possibile. Che gli “sfottò” tra le varie tifoserie non diventano pietra e armi che spaventano ogni vero appassionato sportivo, dove gli stadi diventino dimora, una casa accogliente e non teatro di guerriglie tra le varie fazioni. Che indipendentemente dai colori sociali di una squadra non ci dimentichiamo mai che siamo tutti Fratelli, un unico Popolo, un unica Nazione, che il calcio viva ogni domenica di limpide emozioni e non di rimorsi per una quiete vista da lontano… che lo Sport ci insegni a vivere la vita con l’entusiasmo di un fanciullo.
“Che lo Sport diventa un rifugio in questo mondo che sta attraversando un temporale emotivo… e sia profeta della nostra Felicità…”

Buona Domenica! 
Buona Vita 😀

Raffaele