Archivi tag: blog

Considerazioni post Weekend

Ho vissuto davvero un bellissimo Weekend, in solitaria, ahimè senza allenamento con i miei ragazzi dell’Oratorio e uscita domenicale con i miei migliori amici.

Complici le Vittorie di Inter, Fortitudo Bologna e Varese al livello sportivo mi sono goduto un bel weekend anche se per colpa del mio sonno classico delle 21 mi sono perso il secondo tempo del big match di Serie A tra Napoli e Roma.

Al livello calcistico avrei potuto festeggiare le disfatte interne di Milan e Juventus ma francamente ridere delle disgrazie degli altri non è il mio stile, al massimo semplici e onesti sfottò.

Domenica mattina poi mi sono visto, in differita, la vittoria del River Plate nella prima giornata del Campionato Argentino… eh si, la mia ultima pazzia (orario permettendo) è quello di seguire il calcio sudamericano, sonno delle 21 permettendo.

Sabato mattina poi all’edicola ho comprato un libro di Papa Benedetto XVI, editrice San Paolo, “La mia eredità Spirituale”.

Sto continuando a leggere “Le Otto Montagne” in versione e-book. Davvero molto bello, ve lo consiglio.

A parte gli eventi sportivi che dominano la mia attenzione nel weekend sono stato attraversato da un senso di pace e di serenità che spero possa riproporsi anche in questa nuova settimana ed essere luce per la mia spiritualità ritrovata e contemplata nell’affetto dei miei familiari e dei miei amici.

Avrei voluto approfittare di queste giornate soleggiate per riprendere le mie camminate ma il freddo di questi giorni non me lo ha permesso. Pazienza. Ci proverò da mercoledì prossimo.

Vi lascio, per ora la notizia è che non ho combinato ancora danni! 😛

Raffaele

Pubblicità

Incomprensioni

Raffaele, se tu vuoi ti posso presentare una mia amica… non è molto bella… ma se vuoi te la presento, studia Medicina, all’Università di Bari (ed ecco che Francesca mi mostra una sua foto da Instagram)

No guarda… scusami ma no, no, grazie per il pensiero!

Ma perchè?

No sto bene da solo, non ho voglia di conoscere una ragazza.

Sei per caso gay?!

Ma no Francesca e che nei confronti di voi donne sta cambiando le mie opinioni.

Ah ok… (non ha capito il senso del mio messaggio)

Ecco… qual è il messaggio. Direi che nella mia Vita, ormai giunta in un limbo tra la giovinezza e il mondo degli adulti, ho avuto tante delusioni da parte delle ragazze che ormai non mi va più di innamorarmi o impegnarmi in una relazione.

Forse i single sono “contro natura” non lo so ma la mia solitudine è un luogo in cui ho imparato a viverci con umiltà e non più con spavento. Ho il coraggio di professare la mia indipendenza da altrui individui.

Ho capito che sono nel più totale imbarazzo quando mi devo approcciare con le donne.

La cosa più giusta per me è averle come amiche e basta.

E questo mi basta, visto che le persone più importanti della mia vita sono stati mia madre, le mie due sorelle e le mie due migliore amiche.

Credo molto nei segnali che il Destino mi mandi, anche nelle ore più buie.

Non nutro segnali di rassegnazione o sconfitta del mio cuore anzi sono felice per aver capito, in quel frangente della mia esistenza, il mio posto nel mondo.

Raffaele

Memoria

Sangue: è la Vita che si sporca,

disorientata e abbandonata a se stessa.

Fili metallici a separare il cielo dalla terra.

Lacrime vive come questo ricordo che non vuole morire.

Eppure la Vita sembra gridare,

l’impeto di un imbarazzo, o di uno scherzo non ben riuscito.

Un nuovo vestito da indossare,

un nuovo gioco da sperimentare.

Fumo denso,

pelle nuda,

sguardi pietrificati ad ogni fermata,

l’ultima.

In questo Giorno,

imparare che la Storia non è una preghiera

da recitare a Memoria

ma è un eco da preservare fin dalle vette più alte del nostro cuore…

Raffaele

Siccità emotiva

Nelle relazioni sociali,

nella preghiera,

nelle cose più semplici,

nelle mie abitudini,

nei miei gesti di ordinaria follia,

nella mia malinconia,

nell’imbarazzo nel chiedere perdono…

…in tutto ciò, ogni tanto, sono pervaso da una siccità emotiva che pietrifica ogni battito del mio cuore. Una sete che uccide ogni mia esula parola di riconciliazione con la Vita. Una promessa sciolta nell’indifferenza. Un riciclare continuo di un sentimento nato da autunnale pentimento. Ma l’importante è avere la forza di attendere che questo temporale prenda un’altra direzione, una evoluzione inattesa di una attesa senza più rancore…

Raffaele

Attimi

Il tempo di una preghiera,

il tempo della riconciliazione,

il tempo di partire,

il tempo per soffrire o maledire una indomita emozione,

il tempo di capire e tradurre ogni mio limite,

il tempo di fare un passo in avanti,

il tempo di pensare che ho ancora molto da dire,

il tempo di chiedere scusa al mio avvenire,

il tempo di sussurrare parole dolci al mio cuore,

il tempo di ascoltare il rumore dei miei anni,

il tempo di sentirmi complice della mia malinconia,

il tempo di essere più leggero intorno alla mia ortodossia,

il tempo di schiaffeggiare la mia anima vagabonda,

il tempo di credere che la Vita è una bella canzone

da ascoltare al riparo da un improvviso acquazzone…

Raffaele