Archivi tag: compleanno

Ogni anno…

Come ogni anno ho la fortuna di nascere lo stesso giorno. E in questi tempi dove anche la cosa più sacrale al mondo bisogna farla in fretta è un bel traguardo… ma per me è un giorno in cui un lieve velo… anzi una bella coperta di lana di malinconia si deposita sui miei pensieri che come me conoscono anche la crisi di artrite del mio tempo. Ma è in questi momenti che capisco la vera gente che mi vuole bene. Chi perde un pò del suo tempo per augurarmi “Buon compleanno”. Gli amici dell’oratorio, quelli di calcetto, alcuni parenti. Anche se nel mio convincimento pessimistico universale credo di essere il solo e che “non sarò mai quel che sono” un pò mi conforta tutto ciò. Anzi mai come oggi ho capito chi ci tiene veramente a me e che tutto il resto è solo apparenza o forse lo sono io quando mi chiudo nella mia stanza non facendo entrare nessuno. Perchè errori nella mia Vita li ho fatti e non basterà nemmeno questo lungo post per citarli. Ho tradito e deluso molte anime. La mia ipocrisia ho spezzato bei sogni ma nonostante tutto c’è chi ancora mi tende la mano con il rischio di essere ferita per colpa della mia pelle di carta vetrata… perchè il bello di questa esistenza è che nell’imperfezione siamo tremendamente unici!

Raffaele

Annunci

Era un giorno… – poesia istantanea

foto tratta dal web

Era un giorno uggioso del mio compleanno. Anima assorta nei suoi dubbi pindarici per il tempo opacizzato e consumato in una buona osteria. E contare scrupolosamente le candeline che non si vogliono accendere e a fuori di soffiarci su mi gira la testa, gira il mondo gira con tutti i suoi avanzi di una cena appena denutrita perchè gli anni sono pochi e il cielo risulta essere lo stesso da trenta anni passati a contare chicchi di grano che ancora pregano lacrime di primavera per continuare a insinuarsi sul palco vittorioso delle mie goliardie. Era un giorno uggioso del mio compleanno. Nascere ogni giorno e capire dal primo vagito che uomo diventerò e se lo sarò, dai principi coriacei, prima di aver capito che fanciulli nel cuore per sempre si resterà. Perchè ho passato troppo tempo a darmi spiegazioni su come compiere i primi passi che ho dimenticato pure come si respirano i sogni di carta abrasiva in una afosa domenica di Agosto…

Mi fermo qui…

Amaro

Mai solo

“io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango…”

Fango, Jovanotti

E’ bastato festeggiare un compleanno ieri, il mio, per capire veramente che nella mia vita non sono “solo” e che ci sono tanti individui che ci tengono veramente, chi più e chi meno, alla mia persona, al mio essere, al mio tutto. Ho ricevuto molti messaggi, dediche che mi hanno fatto molto piacere, il fatto che un ragazzo e una ragazza abbia dedicato a me un semplice pensiero, che abbia trovato il tempo per dedicarlo a me… rende tutto felice il mio vissuto… Si lo so, sono semplici messaggi, non sono grandi gesti d’affetto come mi dimostrano ogni giorno i miei cari, ma a me, ieri, è bastato questo. La cena con i miei amici a vederci la partita con tanto di torta preparata da mia madre è stato davvero bello. E’ inutile che io faccia ora la conta e mi ingarbugli in inutili ragionamenti sul fatto di chi ci tiene veramente a me, l’amicizia non si calcola su ragionamenti matematici e percentuali… Mi sono veramente sentito bene il giorno del mio compleanno, ultimo anno da ventenne prima di passare nell’età adulta e capire che per gli altri non sono solo una semplice nuvola di passaggio ma un piccolo frammento di stella nel loro piccolo cielo, questo mi ha fatto piacere. Molte volte ho avuto la tentazione di cambiare pur di conformarmi agli altri, al loro pensieri, ma tutti siamo speciali nelle nostre diversità…
Mi fermo qui 🙂
Buona Vita 🙂

Raffaele

Buon compleanno!!!!

foto tratta dal web
foto tratta dal web

 

Sono passati tre anni, due giorni fa il mio piccolo blog ha festeggiato il suo compleanno. Era il 10 Ottobre del 2013 ed io e la mia amica Manuela decidemmo di ideare questo progetto, di dare vita ai nostri pensieri, di smuovere e dar voce alla nostra modesta arte di scrivere e di comporre qualcosa che ci potesse emozionare. Poi da un anno, ho proseguito da solo, la mia amica ha preso altre strade. Il titolo “Lascia vivere il pensiero… e seguine la scia…” l’ha scelto proprio lei che ha avuto da sempre, da quando la conosco, una grande fantasia. E’ bello il titolo vero? Racconta in maniera esaustiva tutto ciò che c’è all’interno di questa piccola bottega dell’anima. Perchè alla fine è questa la definizione che mi permetto di dare a questo spazio dove cerco di dare un senso profondo ad ogni parola, poesia e saggio che compongo e che ho il piacere di condividere con voi… Non sono un poeta, ne uno scrittore, non credo di avere questa caratura e ne avere ancora questa abilità, pura passione al servizio di questa meravigliosa arte che è la scrittura che da sempre, sin dall’adolescenza ha rappresentato un piccolo spazio paradisiaco e intimo dove immergermi gustandone il gradevole sapore. Ho sempre preferito la qualità che la quantità: pochi post alla settimana ma belli carichi di significato. Ho creato rubriche, ho fatto delle modifiche, ho esplorato, improvvisato e sperimentato in questi tre anni, raccontando sempre e comunque e sinceramente la mia vita. Ci sono stati dei momenti difficili, non lo nascondo, non tutto è andato “rosa e fiori”. Pause e blocchi inspiegabili che mi hanno allontanato per un pò dal blog. Ma come dice il buon Vasco… “Eh sono ancora qua… e già!” Grazie a tutti coloro che mi seguono con affetto e che avranno il coraggio di seguirmi anche in futuro commentando o semplicemente seguendo con discrezione i miei sentimenti. Ho sempre preferito questa piattaforma ad altri social network per via di una salutare, gioiosa e sincera intimità fraterna che ne viene fuori…

Grazie ancora!

Buona giornata!

Raffaele