Archivi tag: cuore

Ricchezza

L’Amore Profetico della mia Famiglia.

L’Atto di Fiducia dei miei Amici.

La Felicità primaverile dei miei ragazzi dell’Oratorio.

Sono queste le tre più grandi ricchezze che io possiedo.

Anche saper accogliere dentro di me,

nel mio cuore,

ogni lato autunnale del mio pensiero e saperlo consacrare

nella leggerezza di una farfalla…

tutto questo è per me autentica ricchezza.

Lasciarmi abbagliare da quella Luce

che traccia un percorso dal profumo estivo,

saper chiedere perdono a tutti voi dei miei battiti

di una Vita non sempre tradotta a dovere…

Tutto questo è per me fonte di Eterna Ricchezza.

Buona Domenica e Buona Vita 🙂

Raffaele

Frammento di anima

Evidenzio una fibrillazione in totale osservanza di ciò che ho ritrovato nella tua anima appena etichettata come mia amica. Spero che non sia troppo tardi. Fidarsi è come innamorarsi per la prima volta e dimenticarsi della nudità della propria vegetazione. Adesso è tutto cenere e polvere d’argento, sono rimasto contento che tu mi guardi come uno sconosciuto a cui hai appena venduto un frammento di questa anima. Nessuna scusa, non provo a dimenticarti, ricordati solo di annerire quel passato impulsivo che in me non vuole ancora sparire, ormai anche un fulmine avrà il suo bel da dire.

Raffaele

Cuore

E ci mostriamo nudi di fronte al volto del nostro cuore, come alle origini della creazione, come nella comprensione di una inoffensiva emozione che trova riparo nell’ultima lettera di un discorso che ha perso la sua narrazione.

Il cuore ci guardava dalla sua collina per contemplare dall’alto tutto il male da noi provato, che decifra messaggi nella bottiglia dove il mare diventa sete per volare oltre ogni rivisitata attesa, oltre ogni offesa perchè il cuore non conosce il proprio tempo, non si ferma ad abdicare in una triste stagione che ci rende partecipi di ogni goccia di pioggia che meriti la sua fatica.

Raffaele

Pensiero

“L’Amore non è un filo tagliente e invisibile di un Tempo troppo spesso non lineare ma semmai l’amichevole sfumatura barocca di un violento e notturno destino in cui il suo più vagabondo sentimento appartiene al battito vergine di un piccolo e innocente cuore che cerca riparo, nella fame più assidua, nella sapienza di questa primavera…”

Raffaele

(Immagine tratta dal web)

Lacrime

“Chiodi di garofano per profumare questa notte nera che come l’inchiostro non vedrà mai impresso il tuo nome lungo l’attesa del lieto annuncio. Distratto, contratto, poco affabile. Nascondo sotto il tappeto la tua bellezza per non morire già di primo mattino, per non giocare più come una volta a nascondino tra i tiepidi anfratti di questa disinvolta memoria. Perentoria musicalità. Conservo il mio animo tra i petali vibranti del tuoi occhi. Mi nascondo sotto il letto per non vederti sepolta tra le mie lacrime, per non vederti pubblicata tra le pagine di un destino che ha perso il suo tatto, la sua eleganza di essere galantuomo dentro questa stanza appena imbiancata chiamata cuore.”

Raffaele

(immagine tratta dal web)