Archivi tag: diario

Voglio un mondo…

foto tratta dal web

 

Voglio un mondo comico, un mondo che faccia ridere…

E invece c’è da piangere, da slabbrarsi le viscere dell’anima per il senso di supremazia dell’uomo sulla donna. L’uomo che decide che la donna è un essere di serie B e trattarlo come un oggetto da arredare i propri mobili di casa, li il posto dove lei può solo stare. Il mondo, quello vero, non gli appartiene. E’ solo un diritto di esistenza del maschio che impone le sue leggi come fosse il giudice supremo di questa umanità che ancora cerca una giusta connessione e una avida opinione tra i pochi veri peccatori del suo Regno…

Perchè se una donna non ha nemmeno il diritto di vedersi una semplice e innocente partita di calcio ma deve solo e sempre professare la sua fede di schiava nella sua prigione…

no… io in questo mondo non ci voglio vivere…

Raffaele

Annunci

Coraggio di essere Esseri Umani

C’è chi vuole costruire, erigere, fortificare i muri per difendere la propria sovranità. C’è chi è invece propenso a una idea dell’accoglienza totale verso il prossimo.

Ogni uomo è diverso. E’ la ragione, il pensiero a fare la differenza. Il cuore è comune, è in comune producendo in maniera infinita dosi d’amore e quando prevale l’ideologia, quella critica, severa e rocciosa allora il cuore inizia a rallentare i suoi battiti e suoi effetti vengono diluiti in un tempo che cerca ancora un suo scopo e una sua destinazione. Prima di parlare o per meglio dire sentenziare (perchè in questa fragile umanità ognuno si sente il dovere solo e soltanto di esprimere sentenze supreme) bisogna sentire l’eco del nostro cuore. Non ci costa niente. Se questa voce risuona mentre facciamo colazione o al lavoro o mentre studiamo o ci divertiamo. Non dobbiamo mai soffocare e reprimere quella vocina. E’ quello che fa la differenza. Quando la politica sentenzia senza aver avuto prima un radicale processo costruttivo della ragione allora li sbaglia. Perchè mentre esseri umani muoiono o soffrono, noi stiamo ancora li a vedere se le nostre idee farraginose, ombrose e pericolante trovino un giusto collocamento nella nostra espressività, cercando consensi fin negli angoli più disperati della vita. E’ che se il tempo fosse diverso tra ogni individuo discriminando anche la sua durata e la sua funzione…

è facile dire “ti aiuto, ti offro il mio cuore” e scoprire che esso ha una data di scadenza e non è a lunga conservazione…

Raffaele

11 Settembre

foto tratta dal web

 

Era piccolo e non capivo. Non capivo quel che succedeva. Non capivo come il male e l’odio potesse scatenare un’inferno su questa fragile umanità. Ero piccolo e credevo che il mio mondo fosse regnato dalla pace e da un buon finale come tutte quelle fiabe che mi raccontavano i miei genitori la sera prima di addormentarmi. A volte il nostro risveglio ci pone d’innanzi a delle visioni della nostra vita che non corrispondono a ciò che il riflesso dei nostri pensieri produce. Sono grande e ancora non capisco… perchè?

Mi manca…

foto tratta dal web

 

Ho rivisto una mia vecchia foto che ritraeva me intento a trovare qualcosa da una piccola bottiglia… era una foto del 2006, era la foto del mio primo campo-scuola, diocesano nella fattispecie e una lieve e leggera lacrima ha colorato il mio viso…

Quello che ho visto nella foto era un giovane che come tanti aveva un bagaglio di sogni che custodiva gelosamente nella sua solarità e a volte solitudine, di un ragazzo che viveva ancora nella sua bolla di sapone e forse non pronto per i mutamenti climatici del pensiero dei futuri anni avvenire, di un ragazzo che romanticamente sognava un’alba dai contorni bizantini…

e quella foto me la sono conservata, gelosamente.

Perchè quando un giorno non saprò più chi sono io, ci sarà quell’immagine a sostenermi e a darmi forza…

perchè ciò che sono non lo sarò mai….

Raffaele

Amicizia

foto tratta dal web

 

“Quando l’Amicizia ti attraversa il cuore lascia una emozione che non se ne va…”

In un mondo in cui il cuore è diventato un oggetto obsoleto, dimenticato e poco codificato ci dobbiamo armare di tanta speranza ed essere tremendamente e umilmente speranzosi…