Archivi tag: europe

Dove sei finita? parte seconda

foto tratta dal web

 

Tra i libri di scuola sembravi un’opera mitologica. Una eroina che ci ha salvati da ogni forma barbara e corrosiva della dittatura, da graffi umilianti a questa docile e indifesa nostra umanità. Sembravi essere scultorea e invincibile e ogni goccia del tuo principio fondatore diventava un oceano in cui spiaggiarsi dolcemente mentre accarezzavamo con cura le onde melodiche del tuo credo. Sembravi essere premurosa ai dolori di questo tempo azzoppato dalla troppa voglia di scalare pensieri ancora impervi, perchè la bellezza del bene comune è avere un ventaglio di opinioni da baciare delicatamente con quell’aroma da caffè appena svegli e sorseggiare anche le diversità adagiate come marmellata su questi pensieri croccanti ma troppo friabili…

ma ultimamente abbiamo bisogno di digiunare, di avere la mente occupata da spiragli di venti gelidi e polverosi… troppo zucchero ci ha fatto male

perchè ahimè il rischio è forte ed è quello di strapparci di dosso questo vessillo di libertà e vedere solo gli stessi tramonti autunnali come un colpa netto allo stomaco all’improvviso…

senza fiato…

abbiamo ancora tanta fame…

Raffaele

Dove sei finita?

foto tratta dal web

 

Dove sei finità? In quale angolo oscuro di una abusata e sfruttata coscienza ti hanno incatenata? Perchè viviamo ora di confini e muri di spine che di trincee della prima guerra mondiale… non è che dobbiamo aspettare un altro conflitto per seminare lacrime di pace e contare la ragione di un cuore che ora batte a tempi stonati e disordinati?

Perchè la colpa di questa desertificazione non è da imputare a sovranisti e nazionalisti perchè ognuno di noi, anche il più splendido e vigoroso europeo dovrebbe rivedere le dimensioni della sua parola e rivedere, semmai, l’incompiutezza delle sue opere. Perchè non basta sventolare questa bella bandiera blu e la lucentezza delle sue stelle ad ogni evento che ci unisce ma semmai sventolarla con orgoglio quando l’odio di una assurda ipocrisia vuole picconare quella scarna libertà che ci è rimasta. Non facciamo gli eroi contrastando il vento di un nuovo pensiero, ma gli umili perchè ci sono più trincee oggi… e per non mandare all’aria, come uno scoppio improvviso il sacrificio anche vitale di chi ha lottato per questa casa e bene comune. Siamo la fonte di questa infezione, siamo anche la via di trasmissione…

e ancora non si vede una bella medicina che ridia salute e coraggio al nostro continente…

Ammettere che la strada di crescita e redenzione intrapresa non è quella giusta, ammettere che ognuno di noi antepone ogni forma di benevolenza reciproca alla preoccupazione, il mattino, se ha piovuto tanto nel suo orticello…

ammettere che il nostro bene comune non è poi così speciale come lo si crede studiando a scuola…

quante ancora brutte copie di essa dovremmo cestinare?

Raffaele