Archivi tag: famiglia

Buongiorno!

Questa mattina sveglia presto, intorno alle 5.

Non avevo molto sonno a dire il vero. Negli ultimi due mesi non riesco a dormire più come prima. Oltre le 6, 7 ore di “letargo” non riesco a concretizzarle.

Il problema è come riempire il resto della giornata.

Ma la mia casa è un pò in disordine per via dell’avvento delle mie sorelle e della mia nipotina e poi le mattine le passiamo a mare, proprio come oggi.

Sono le 7.11 e nella mia stanza accanto le mie sorelle ancora dormono. Sono un pò tentato nel svegliarle. Non mi piace, infatti, andare in spiaggia troppo tardi ma si sa quella che comanda e che comanderà in queste due settimane di soggiorno sarà la mia nipotina di 7 anni. E’ lei che detta la regia della nostra esistenza in questi giorni di rimpatriata.

“Qualcuno con cui correre” di David Grossman allieterà i miei piccoli istanti al mare, intervallati da qualche bagno, silenzi meditativi, partita a racchettoni e l’ascolto della musica o del mare o degli Evanescence, insomma un misto di musica leggera e hard rock… non male come play-list!

Vi lascio… vado a preparare la mia borsa… Buona giornata! 😀

Raffaele

Altalena

Su quella altalena sono vivi ancora i ricordi della mia infanzia. Una antica ma sempre giovane memoria tatuata nel mio cuore. Nel cuore dei miei cugini. Ieri, seppur per una sola serata, abbiamo vissuto quei momenti che tanti anni fa sembravano irripetibili e magnetici nella loro unicità. Quell’altalena anche ieri è stato luogo di incontro e ristoro per noi che non siamo più bambini ma uomini ma che non potranno mai dimenticare quell’innocenza gentile che ci ha visti artefici della nostra Felicità. A volte vorrei litigare con il tempo perchè scorre così veloce che i nostri anni ora dubitano della sua fede ma forse non ho ben capito che ora il tempo appartiene e apparterrà un giorno ai nostri figli… come quell’altalena…

Raffaele

500 e non sentirli!!!!

foto tratta dal web

 

Oggi, con questo post, raggiungo e festeggio insieme a voi, un importante e personale traguardo:

quello del 500esimo post!!!!!!

Tutto ebbe inizio nel lontano 9 Ottobre 2013 con il primo post dal titolo “Benvenuti” che ora accoglie tutti i miei nuovi amici e chi vuole può lasciare la sua firma e una sua dedica. Eh si, sono passati 4 anni! Di già????

foto tratta dal web

Non posso non ringraziare la mia amica Manu. E’ stata lei che mi ha spinto a realizzare questo mio spazio dell’anima, è stata lei con la sua meravigliosa fantasia a scegliere il titolo del blog “Lascia vivere il pensiero”, è stata lei con il quale ho condiviso i primi momenti di questa creatura, è stata lei che ha raccolto tutte quelle bellissime foto e corredate da dei pensieri poetici e che tutt’ora potete osservare. Poi le strade si sono divise, ma sono  e rimango profondamente tuo debitore! Grazie di cuore!

Grazie a tutti cari amici, con cui ho il privilegio di darvi del “tu”, con cui ho il privilegio di condividere questa vocazione per la scrittura!

In questi 4 anni, in questi 500 post ho voluto raccontare la mia vita, un diario della mia anima. Parole scritte sempre e solo con la voce del mio cuore. Ho ideato rubriche, ho scritto piccoli saggi e brevi racconti, mi sono divertito un sacco e spero di continuare ancora almeno per i prossimi 500 post! Con la speranza che la fantasia non mi abbandoni per strada e che ritorno ad essere un innocente fanciullo che si diverte a giocare con quello che ama… Continuerò ad essere sempre e solo me stesso, condividendo quella felicità che nel futuro ma in particolar modo nel presente sempre fiorirà… E la foto di Pippo dice tutto! 😀 😀 😀

E’ il pensiero che ci accomuna, una piccola famiglia che si ritrova la sera a condividere il proprio vissuto, riflettendo e scherzando sulle smorfie della Vita!

500 e non sentirliiiiiiiiiii 😛

E’ davvero un piacere essere vostro amico,

con affetto

Raffaele

Sole, cuore, amore

 

“Dammi tre parole: sole, cuore e amore

dammi un bacio che non fa parlare

è l’amore che ti vuole

prendere o lasciare

stavolta non farlo scappare

Solo le istruzioni per muovere le mani

non siamo mai così vicini…”

Tre parole, Valeria Rossi

 

“Eh da oggi, il sole tramonterà un pò prima e la sua calda e avvolgente luce diventerà sempre più timida e pacata lasciandoci presto alle porte del buio e della oscurità. Ma per fortuna che abbiamo il cuore, il nostro cuore che assorbe tutta la felicità possibile e spazza via ogni traccia di ombra nera che si vuole impossessare della nostra piccola vita, e allora senza troppi fronzoli apriamoci all’amore donando il nostro umile cuore verso le persone, amici o familiari che illuminano ogni giorno il nostro sentiero”

Buona Domenica a tutti, cari Amici e Amiche! 😉

Raffaele

In campagna, in compagnia

E poi succede che a volte il mio lato solitario e asociale prende il sopravvento, ma non ieri. Ieri ho preferito uscire e andare con i miei cugini in campagna con tutta la mia famiglia, e tutti gli zii. Una bella rimpatriata prima della fine dell’estate. 

Come al solito sono un testardo cronico e non ho dato retta a mia madre che mi invitava di mettermi una maglietta a maniche lunghe per via del vento che ci sarebbe stato in campagna. Appena sono arrivato li, stavo morendo dal freddo, oddio non proprio freddo, forse sto esagerando, ma quel leggero e timido venticello mi dava un pò di fastidio… ho dovuto prendere e rubare la camicia di mio padre, tanto lui stava bene a maniche corte. 

Una bella e imbandita tavola, con 16 persone… il menu classico in questa occasione: carne, carne, carne arrosto, con qualche antipastino come peperoni al forno e pitta di patate, vino e birra fresca e con un pò di insalata quasi a deriderci della nostra mostruosa fame. Io mi sono contenuto un pò a dire il vero, altrimenti la mia dieta andava a farsi benedire con la sola serata di ieri. Dovrò mettermi a stecchino nei prossimi giorni…

E poi tante belle chiacchierate, scherzi e sorrisi, con qualche zio patito per il calcio che andava a vedere alla tv il “superclassico” Barcellona-Real Madrid…

E poi sul finire della serata dolci (speravo di più) e poi karaoke con le canzoni degli anni 60 cantate a squarcia gola un pò da tutti… sperando che qualche canzone di ligabue uscisse fuori… ma niente!

Siamo stati fino all’uno di notte, il sonno ha preso il sopravvento altrimenti conoscendo i miei genitori e i miei parenti, avrebbero fatto tranquillamente l’alba… credo che i nostri “vecchi” in realtà sono mille volte più giovani di noi, infatti la giovinezza non ha limiti di età e vedere mia madre che si scatenava tra le note di Baglioni, ha sorpreso pure me… 

Se la mia pigrizia e il mio lato pensieroso avesse preso il sopravvento, molto probabilmente avrei preso una gran bella serata! 🙂

Buon inizio di settimana!

Buona Vita!

Raffaele