Archivi tag: football

La bellezza dello Sport… forza River! :D

Ieri notte ho visto in tv il derby del Campionato Argentino di Buenos Aires tra il Boca Juniors e il River Plate con il River che si è imposto per 2-0. In uno stadio del Boca, la “Bombonera” esaurito in ogni ordine di posto, 50.000 tifosi hanno cantato e tifato per la loro squadra del cuore dal primo fino all’ultimo minuto di gioco, nonostante la sconfitta contro i tanto temuti rivali. Una gioia di spettacolo, tra coreografie e ogni tipo di esultanza, un popolo giallo blu unito per amore…perchè al di la del risultato e della prestazione sportiva l’amore per i colori della propria squadra va oltre ogni confine… Una partita piena di passione e di tanta “Garra” ovvero la grinta dei giocatori in campo e ricca di emozioni e di tanta classe dei giocatori. Una cornice di pubblico che mi ha molto appassionato e colpito come la passione sportiva tipica dei sudamericani… in Italia raramente succede questo. Abbiamo una cultura in cui la Vittoria e il risultato è qualcosa di vitale importanza, la vita che dipende da un gol… abbiamo tanto da cui imparare…

Ps: ho tifato per il River Plate! 😛 penso che seguirò qualche loro partita… notte permettendo 🙂

Raffaele

La beffa

foto tratta dal web

E poi ti capita che pari tre rigori in una partita del mondiale, gli ottavi in questo caso, ma comunque non servono perchè la tua squadra, la Danimarca, viene eliminata dalla Croazia. E poi ti capita che sullo 0-0 al 116′ a quattro minuti dalla fine dei tempi supplementari pari un rigore a Luka Modric, non uno qualunque e porti grazie ai tuoi salvataggi la tua formazione alla bruciante lotteria dei penalty, purtroppo fatali per il tuo destino sportivo.

E’ la storia del 31enne Kasper Schmeichel, portiere affermato del miracolo Leicester, squadra di Premier League Inglese. Uno numero davvero fenomenale tra i pali, che per poco non trascinava i suoi compagni danesi ai quarti della Coppa del Mondo di calcio. Parare 3 rigori in una partita e non servire per il passaggio del turno. Che peccato. Niente rabbia o delusione, il tempo e la storia del calcio faranno da custode a quei momenti che comunque rimarranno impressi nella memoria di noi appassionati di questo sport così imprevedibile e abilissimo sceneggiatore di eventi vertiginosi. Bravo Kasper! Hai dimostrato di essere un grande portiere proprio come tuo padre che ha tifato in tribuna a sostenere il proprio figlio.

Vi assicuro, da portiere che non è per niente facile parare un rigore. Intuire il tiro e pararlo non sono cose così semplici specie se il pallone  si infila nell’angolino di una porta che sembra così enorme, ma che sembra piccola per il rigorista. Nell’allenamento al campo grande con i miei ragazzi, a volte alla fine della giornata, facevamo le sfide ed io ero il portiere di turno e vi assicuro che ho parato pochissimo tiri anche per via della bravura dei miei ragazzi. Anche buttarsi prima… “battezzare un angolo” come si usa dire serve a poco se non si hanno buoni riflessi e una discreta spinta delle gambe… E posso solo immaginare cosa starà provando ora il portiere danese…

Raffaele

Cara Inter… così non si fa!!!!

Cara Inter… così non si fa… svendere i migliori gioielli del settore giovanile pur di ottenere quelle plusvalenze e rientrare nei cannoni del fair-play finanziario… L’Inter ha la fortuna di avere uno dei più importanti e floridi settori giovanili di Italia, insieme all’Atalanta… e negli ultimi anni ho seguito molto la Primavera di Stefano Vecchi e sono deluso che NESSUN talento è riuscito ad avere una chance in prima squadra… e adesso li usiamo come contropartite per acquistare giocatori già affermati, si è vero, ma non organizzando minimamente il futuro. E’ vero che solo “Uno su mille c’è la fa” ma sono stufo e triste nel vedere la mia squadra del cuore che spende tantissimi giocatori che poi si sono rivelati un fiasco a parte Gagliardini e Skriniar. E non dico di puntare su tutto il vivaio neroazzuro è giusto comprare qualche campione ma usare, ripeto, e svendere i nostri campioni solo per non sacrificare un giocatore della rosa e aggiustare i conti in tasca questo mi fa adirare. Il diritto di “recompra” è si un modo per tutelarsi su un giovane che potrebbe diventare una stella nel futuro ma perchè spendere poi di nuovi soldi quando uno o due anni questo ragazzo era un giocatore dell’Inter? Zaniolo per esempio non l’avrei mai messo come contro partita per arrivare A Naingollan quando tu, società avevi puntato di Zaniolo la scorsa stagione, diventando poi un trascinatore dello scudetto della “Primavera”….

Bisogna trovare un modo e sono pagati per fare ciò nel trovare acquirenti per i vari giocatori che hanno deluso in fatti di prestazioni sportivi nella stagione appena conclusasi e solo così risistemare il proprio tornaconto… ammettere i propri errori non è peccato!

Io rimango molto dubbioso delle scelte della società della Mia squadra… spero di avere torto nel proseguo…

Cara Inter pensa al Futuro perchè altrimenti diventeremo più poveri di quanto non lo siamo già ora!

Perdonatemi lo sfogo! 😀

Raffaele

Ma non mi dire…

Ma non mi dire… certo il calcio è davvero uno Sport strano, mai scontato e mai banale nella sua lunga storia fatti di eventi gloriosi e eventi indecorosi come quello che è successo due giorni fa alla Spagna poco prima dell’inizio dei Mondali in Russia. Il tecnico delle Furie Rosse Lopetegui licenziato in tronco dalla Nazionale Spagnola in quanto, nonostante il rinnovo di contratto per altri due anni fino al 2020, ha accettato di accedere sulla panchina più ambita di tutti: quella del Real Madrid. Infatti i “blancos”nella giornata di martedi hanno annunciato sui loro profili social l’arrivo del nuovo allenatore, ovvero quello che doveva guidare la nazionale Spagnola ai Mondiali. Quindi Lopetegui avrebbe dovuto disputare la manifestazione sportiva con la Spagna consapevole che al termine di essa andava subito ad allenare il Real. Luis Rubiales, Presidente della Federcalcio iberica, infuriato come un toro, ha convocato due giorni fa una conferenza stampa e ha annunciato il licenziamento in tronco del proprio commissario tecnico. Al suo posto Fernando Hierro, una leggenda del calcio spagnolo che attualmente ricopriva il ruolo di direttore sportivo della Roja.

Un pò come chiamare all’ultimo minuto e in maniera disperata un giocatore, un amico poco prima di una partitella di calcetto, perchè non si riesce a trovarne uno per arrivare a 10.

Figuraccia Mondiale? Chi ha combinato il misfatto… Il Real Madrid o Lopetegui?

Secondo me l’ex allenatore delle Furie Rosse, in virtù del fatto che aveva appena rinnovato il contratto con la nazionale… “eh si Raffaele ma i treni passano solo una volta sola… è quello del Real chi se lo lasciava sfuggire?”

Il Real Madrid ha fatto il suo dovere… certo rimandare l’annuncio a fine Mondiale… non sarebbe stato male, ma Lopetegui avrebbe dovuto tenere nascosto il fatto a tutti fino al 14 Luglio, nel caso la Spagna arrivasse in finale? Certo che allenare una nazionale vincente come quella Spagnola è comunque molto stimolante e prestigiosa… però il Real aveva fretta di trovare un nuovo tecnico per programmare la nuova stagione… un bel autogol… decisamente…

Difficile ipotizzare la reazione e il pensiero dei giocatori spagnoli dopo tutto il putiferio che si è creato intorno a loro senza avere una minima colpa…

Raffaele

Ita(g)liani!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Itagliani tutti del bel paese unitevi in un solo coro: Siamo Unici!!!!

Quanti di voi ieri hanno “gufato” contro la Juventus in Coppa?

Quanti invece con una pacata e incredibile sportività ha sostenuto i bianconeri nell’impresa di rimontare tre reti al Real?

Quanti invece hanno anteposto la loro antipatia per la Juventus e moralmente vincitori hanno tifato comunque la Vecchia Signoria?

Chi invece ha tifato la Juve ma al rigore all’ultimo secondo per i Blancos ha tirato un sospiro di sollievo?

Benvenuti in Italia!

L’opinione pubblica che si divide: Era Rigore o no, quell’episodio sfortunato che ha condannato la Juventus e demolito i sogni di conquista della Champions?

Quanto di voi, popolo Italico è stato d’accordo con le dure parole e lo sfogo post partita post beffa del Capitano Juventino?

Benvenuti in Italia Amici!

Ovviamente è un post, il mio scherzoso e simpatico anche per stemperare un pò il clima che si respira tra i tifosi juventini…

Io ho sperato che la Juventus passasse il turno, anche se sono Interista e si sa che tra Inter e Juve non scorre un buon sangue. Ho tifato per Buffon che non si meritava questa ennesima delusione sportiva dopo la disfatta della nostra Nazionale. Ho tifato per Buffon e la per la Juventus anche per un solo giorno, non per sentirmi con la coscienza apposto ma per sentirmi parte del gruppo, piccolo, di gente sportiva che padroneggia la sportività e lo spirito di un’Unica Nazione quando le nostre squadre scendono in campo al livello Continentale… gufare serve a poco… lo Sport come la Vita è un cerchio… alla fine tutto ritorna…

Raffaele