Archivi tag: giorno

Note a piè di pagina.

Intanto grazie Dottoressa Giusy per avermi fatto scoprire Yann Tiersen… è bello per me iniziare questo sabato mattina, un pò uggioso a dire il vero, tra le note del pianoforte di questo artista, scrivendo qui sul blog e aiutandomi nella noia di cancellare vecchie e impolverate email.

Punto secondo… ahimè ieri ho visto la semifinale del Campionato Europeo Femminile di Volley della nostra Italia, vittoriosa sulla Olanda e che oggi alle ore 20 si giocherà la finale contro le padrone di casa della Serbia (si salvi chi può, forza Azzurre!)… dico ahimè perchè è stata la prima partita della rassegna continentale che ho visto anche per gli orari a me un pò proibitivi devo ammetterlo. Spero di seguire qualche partita dell’Europeo Maschile che è appena iniziato. Purtroppo la Pallavolo non riesco molto a seguirla anche se mi piace molto come disciplina e anche se seguo più il settore femminile che quello degli uomini. E questo mi dispiace. Seguire lo Sport a 360 gradi per me ora è diventato assai difficile. Vorrei seguire non solo il calcio ma anche, appunto, il Volley, il Rugby, il Basket e il Volley anche se quest’anno ho deciso di seguire solo le partite del campionato Primavera trasmesse su Sportitalia.

Punto terzo… ho un problema con i miei denti! Nel senso che la sera sono talmente assonnato che non mi va di lavarmi denti. Lo so sono peggio di un bambino piccolo! Proprio non la fo mica… è come se mi pesassero le braccia e poi la mia coscienza di notte mi viene a cercare facendomi rivivere tutte le volte che sono stato, help me, dal dentista! Sono convinto che se arrivo a timbrare il cartellino a 50 anni ci arrivo già con la dentiera! Proprio non mi va… forse dovrei comprarmi un dentifricio di quello elettrico… sarebbe una soluzione contro la mia estrema pigrizia di fine giornata 😛

Vi auguro un buon weekend!

Qui nel Salento la giornata è parecchio uggiosa… “Raffaele ma non ha detto che ti piace tanto l’autunno e mo beccati sti giorni di pioggia!”

Buona Vita!

Raffaele

Semplicità

Storie come quelle di Carlo Acutis proclamato beato dalla Santa Chiesa Cattolica nella giornata di ieri ad Assisi… un ragazzo che ha lasciato questa Vita troppo presto, a soli 15 anni. Una esistenza spesa totalmente per il prossimo, una vita consacrata ogni giorno tra le braccia di Gesù, il suo grande Amico. La preghiera come strumento per tenere viva la propria Fede, per rendere candido il proprio cielo.

“Carlo non ha avuto stigmate o visioni, era un ragazzo semplice” queste le parole di sua madre. Per vivere da buoni cristiani ogni giorno dobbiamo riscoprire il valore della semplicità, della genuinità e dell’umiltà. Le nostre opere caritatevoli non devono avere qualcosa di speciale o di straordinario ma qualcosa che riguarda in maniera tangibile la nostra quotidianità. Aprire le porte del nostro cuore a Cristo ogni giorno con la stessa gioia o enfasi di quando abbracciamo in maniera sincera una persona a noi cara o di quando contempliamo un bellissimo orizzonte o siamo invasi da una forte emozione…

… il coraggio di essere Semplici!

Grazie Carlo!

Raffaele

A volte mi chiedo…

A volte mi chiedo che fine hanno fatto i miei amici blogger che “non vedo” da tempo… certo la mia incostanza nel portare avanti il mio piccolo spazio dell’anima di certo… un percorso fatto di commenti, like, semplici opinioni… era un pensiero che mi era venuto in mento scorrendo i 500 followers che ho da 6 anni mi fanno compagnia… certo con alcuni ci siamo persi per strada eh va bè, peccato… si, infatti, “lascia vivere il pensiero” sta diventando maggiorenne e ancora guardo con molto piacere tutti quei bei commenti che ognuno di voi mi ha lasciato nella pagina “Benvenuti” … ed è bello dopo tanti anni aver mantenuto rapporti con le stesse persone che mi sopportano da un bel pò con tutte le mie lunatiche emozioni impresse su questi piccoli post. Ho conosciuto di sfuggita piccoli passanti, come quella blogger che mi ha fatto conoscere l’espressione “Buona Vita” o di chi si sta adesso si sta affacciando curiosamente nel mio mondo incasinato e disordinato a cui cerco di dare un suo centro gravitazionale attraverso le mie poesie…

Buona Vita!

Raffaele

puoi…

Puoi mancarmi di rispetto, sul mio volto compare la neve dell’inverno e la muscolatura diventa rigida e anche far nascere un sorriso diventa una guerra e una lotta tutta da vincere,

puoi credere che il mio specchio dica falsità, che la mia immagine riflessa sia solo un passo eterno verso nuovi lineamenti ancora incompresi dal mio pensiero inquieto e che aspetta il suo turno per ritornare bambino e sporcarsi di quella innocenza a cui ora non so dare un codice identificativo, un nome o un punto di partenza…

puoi anche pensare che io sia del tutto marginale con questa esistenza che ha le sembianze di un quadro di Picasso e la ricerca di sentimenti e lineamenti morbidi diventa un lavoro solo per pochi, quelli che ancora conoscono le serrature del mio cuore, la mia porta rimane socchiusa non serve certo molta forza per entrarci dentro… questo vento di vetro mi fa perdere l’orientamento, ho il cemento sotto i miei piedi… dovrò camminare solo con l’immaginazione… buona fortuna…

Raffaele

Instant poem

 

foto tratta dal web

In stato febbrile ormai sono giunto claudicante ad Aprile. Non credo sia venuto al mondo solo per soffrire ma cerco nel mio avvenire un profumo dolce che conservi quei piccoli e minuziosi abbracci ora che sto per rinvenire. Non credo che sia tutto già scritto, che ancora posso e ho il sacrosanto obbligo di cambiare lo spartito di questa invocazione, in azione, un contrasto esagerato da chi mi vuole nudo e sfibrato e chi tra le rose e le sue spine mi giudica ancora amato. Inondato dal profumo dei loro petali, ancora trasandato sudo l’imponderabile splendore nel ritenermi di bassa classe un attore che sappia ancora con clamore emozionare con addosso venti di rancore…

Instant poem… Giovedi 28 Marzo 2019 ore 17.04

Raffaele

Provate anche voi a scrivere una piccola poesia, un piccolo componimento, di getto… come ho fatto io adesso… senza alcuna correzione… lasciar libera la propria emozione…