Archivi tag: giovinezza

Per sempre

Questa mattina, intorno alle 10, mi sono recato ad un distributore d’acqua nei pressi della mia abitazione per prelevare anche dell’acqua frizzante e ho avuto il piacere di incontrare una ragazza di cui sono stato suo educatore ai tempi dell’Azione Cattolica. Ora ha 16 anni questa fanciulla e nell’attesa del mio turno per riempire le mie damigiane di acqua abbiamo parlato dei nostri ricordi ai tempi dell’oratorio. Abbiamo vissuto insieme tanti campi scuola parrocchiali e tanti bei momenti all’Acr e a un certo punto, un pò triste nel rievocare il tempo che fu. dissi a lei

“Eh si, i bei momenti hanno un inizio e una fine, ahimè”

ma subito la ragazza mi ha replicato con l’entusiasmo che solo la sua età vive ancora dicendomi

“Eh no Raffaele, i bei momenti possono e devono durare per sempre!”

Fine, stop!

Sono rimasto muto… stranamente… almeno per alcuni secondi…. non sapevo cosa dire… una semplice affermazione che nella sua saggezza di una adolescente mi ha spiazzato…

Purtroppo non possiamo vivere di soli ricordi, sperare che da un momento all’altro, dopo mille preghiere, il tempo resetti la sua storia, che tutto ritorni come prima… sembrerà di volare sull’ali della fantasia. Ma dobbiamo avere la forza che quei bei momenti, che quei tempi indimenticabili durino per sempre. Rimanere fermi a guardare il cielo che si colora delle sue albe e dei suoi tramonti mentre il nostro cuore non batte più di quelle emozioni che reputavamo indimenticabili… bhè allora tutto ciò non ha senso. Ha senso di impegnarci affinchè che quelle fotografie e quei video a sorridere, a fare i scherzi, a fare gli scemi diventano attuali e quotidiani…

Eh è proprio una bella sfida caro Raffaele, e a 30 anni ho perso un pò di quella brillantezza che mi rendeva unico seppur con la mia valigia di fragilità…

che questo incontro, mi scaturisca in me una nuova verità nel vivere un nuovo giorno!

Buona Vita! 😀

Raffaele

Black-out

foto tratta dal web

 

Momenti del cavolo… se superati… felicità eterna… fin che dura!

A volte faccio fatica a comprendere le dinamiche della vita e della mia in modo particolare.

Attimi di puro black-out in cui spengo ogni moto elettronico delle mie emozioni e mi lascio naufragare dal vuoto, dal nulla e dalla morbidezza spinosa del mio letto. Ricominciare a camminare nel lungo percorso della mia esistenza con le scarpe strette e un pò sporche, lasciate a marcire nel mobiletto del sottoscala con il timore che non mi andassero più bene. Convivere con il rumore e il frastuono del mio silenzio a volte lenitivo, consolatorio ma che alla lunga diventa accusatorio delle mie nefandezze.

Black-out del pensiero e il ritorno alla scrittura risulta come un peso, come un macigno qui sulla testa, che mal di testa i primi giorni dopo il risveglio. Ritornare alla vita comune, impegnandomi a due giorni dal mio compleanno a non renderla più tale ma più speciale, mettendo in risalto le mie lune e i miei acquazzoni estivi… la bocca scarsa di saliva e nuova acqua da nuova fonte da cui dissetarmi per riprendere a parlare, a urlare, gridare e stonare…

Raffaele

Stiamo tutti bene

Mirkoeilcane mi ha davvero commosso con la sua canzone su un tema molto attuale come quello dell’immigrazione, di queste povere persone che cercano nel viaggio su un gommone la loro salvezza. “Stiamo tutti bene” è il titolo di questa canzone di questo giovane artista che ieri è arrivato secondo tra i giovani ma ha vinto il premio della critica. Questo pezzo che ricorda il brano di Giorgio Faletti “Signor Tenente” ha un testo favoloso, basta chiudere gli occhi e ascoltare la storia di questo bambino che lascia la sua casa, il suo mondo per cercare una vita migliore. Il racconto è drammatico, con sprazzi ma lievi di simpatia e che francamente mi ha colpito nel profondo del cuore. La scrittura è originale, se volete dateci un occhiata al testo. Io vado subito ad ascoltare e a conoscere subito questa nuova promessa della musica.

Ha vinto Ultimo con “Il ballo delle incertezze” con una canzone anch’essa molto impegnativa che ha vinto il duello con Mudimbi che sembrava il favorito per la vittoria finale con il suo pezzo “Il mago” che mi ha fatto divertire davvero un bel pò, anche con il testo davvero ispirato. Stamattina mi sono alzato con questa canzone in testa.

La prima cosa che mi colpisce di un brano è il testo, che deve essere poesia per unirsi in amore con la melodia…

Sono davvero bravi questi giovani artisti che ti possono far divertire, riflettere e pensare anche su argomenti molto seri. Spero davvero che si possono confermare nel mondo della musica e che le probabilità di far musica il loro mestiere. “Uno su mille c’è la fa”… dai speriamo che la probabilità di successo sia molto più alta…

Adesso vado ad ascoltarmi qualche loro album 🙂

Buon weekend Amici! 🙂

Raffaele

Non vedo l’ora :D

Stasera riunione con tutti gli allenatori dell’Oratorio per organizzare i rispettivi campionati di calcio delle varie categorie. Non vedo l’ora che inizia il campionato, spero che si iscrivano più squadre possibili per avere un buon numero di partite da giocare. Dopo mesi di allenamento e di esasperazione tattica fra poche settimane se non giorni inizieremo a sognare inseguendo un pallone e poco importa il risultato finale se non c’è assoluta felicità tra i nostri campioncini. Fra poco arriverà lo stress di organizzare gli incontri, trovare le macchine per recarsi al campo, trovare un giorno che vada bene ai miei ragazzi e alla squadra avversaria, chiamare a qualunque ora del giorno il nostro presidente perchè c’è sempre qualcosa che non va e quel pizzico di tensione che non dovrò mai far notare a loro circa le mie scelte: chi far giocare e chi no… anche se alla fine tutti avranno il loro spazio… E ascoltare la mia canzone porta fortuna prima del match: “Ho perso le parole” di Ligabue.

Che poi ho sbagliato, non lo definirei tutto uno stress ma un leggero impegno per far felici i nostri ragazzi. Spero di contenermi un pò quest’anno in panchina… temperamento tipo Conte e Gattuso e allora dovrò subito comprare per la mia squadra dei tappi per le orecchie!!!!!! ahahahah Non c’è la faccio a stare calmo, avrei voglia di aiutarli giocando con loro piuttosto che sbraitare come un pazzo…

Non vedo l’ora 😀

Buona Vita Amici! 😀

Raffaele

Pigro21

foto tratta dal web

 

Pigro 21 è il mio nickname ma anche il mio soprannome che rispecchia un pò tutto me stesso… Sin dall’età di 6 anni capì, nel calcio, che volevo fare sempre e solo il portiere… non mi andava di correre, ecco tutto! 😀 è un mio difetto ma anche ritengo che sia un pregio perchè detesto fare le cose tremendamente in fretta, per ogni cosa ci deve essere il suo tempo. Sono sempre stato un ragazzo puntuale, raramente ad un impegno ho fatto ritardo. Ma la mia pigrizia, in questi anni giovanili, mi ha fatto perdere un pò di bei vissuti e solo ora a ridosso dei trenta mi accorgo che alcune sfaccettature della mia vita non le ho vissute in pieno, lasciandomi un velo di malinconia. A volte il sonno dell’anima predomina sulla mia forza di volontà soffocando belle emozioni non amate nel modo migliore. A volte ho preferito essere un sasso che un vento che muoveva di allegria tutta la sua natura. Quell’alzarmi dal letto all’alba per comprendere di più i miei giorni, evitare il riposino e aprire e mantenere aperti i miei occhi per vivere più secondi di questa fantastica storia che è la Vita…

E voi avete mai avuto, come me, questi problemi di pigrizia??? 😀

Buona Vita 🙂

Raffaele