Archivi tag: il fatto

Il senso del dovere

salvo d' acquisto

Avrei potuto raccontarvi la Vita, la cronologia del Brigadiere Salvo D’Acquisto, ma potete tranquillamente andare su internet e visualizzare tutte le innumerevole fonti o iconografie che parlano di Lui, cari Amici. Ve lo consiglio.
EROE = “Nel mito classico, semidio o uomo dotato di virtù eccezionali e autore di gesta leggendarie. Chi da prova di coraggio militare e civile.”
Un posto nella Storia Salvo con il suo gesto, eroico appunto, lo ha ottenuto. Si è preso una colpa non sua, ha salvato da una tragica fine 22 povere vite umane.
“Se muoio per altri cento, rinasco altre cento volte: Dio è con me ed io non ho paura!”
Il destino, il fato, la casualità, ha voluto che il 22 Settembre del 1943 si trovasse a servizio presso la sua stazione di Torrimpietra (oggi frazione di Fiumicino). Il fatto che ha scatenato il tutto è avvenuto in un paesino a Torre di Palidoro. Due soldati tedeschi furono uccisi in seguito ad una esplosione avvenuta all’interno di un locale contenente casse di munizioni. Il comandante delle SS attribuì la colpa dell’esplosione ad anonimi attentatori e non a uno stato di negligenza dei propri soldati. I tedeschi prendono dopo vari interrogatori 22 anime innocente e condotte fuori paese per essere giustiziate. Una luce divampa nel cielo: all’improvviso il Brigadiere Salvo D’Acquisto si assume le sue responsabilità, riferisce ai tedeschi che è stato lui, “l’attentatore”.
“Il coraggioso muore una volta solo, il codardo cento volte giorno” diceva Falcone, un altro martire della giustizia e della libertà.
Morire a 23 anni, morire con onore e non con odio e rancore, a testa alta, “Viva l’Italia!!!!” le ultime sue parole. L’etichetta di “Eroe” viene dopo, lo scrive nei suoi libri impolverati. Un esempio da seguire. Non dobbiamo diventare per forza ”gente valorosa” perché se no la nostra esistenza non avrebbe senso. Ma coltivare quelle che piccole virtù che possiedono coloro che non fuggono di fronte alla morte, per donare la propria vita e salvare altre vite… non si diventa eroi non subito dopo la morte ma nell’attimo prima , quella in cui si prende una decisione in base alla propria coscienza, consapevoli che nulla risulterà vano, specie agli occhi di Dio. Servo di Dio, la Chiesa battezzerà così la sua anima.
La sua figura fu ricordata dal papa Giovanni Paolo II, che in un discorso ai Carabinieri del 26 febbraio 2001 ebbe a dire:
“La storia dell’Arma dei Carabinieri dimostra che si può raggiungere la vetta della santità nell’adempimento fedele e generoso dei doveri del proprio stato. Penso, qui, al vostro collega, il vice-brigadiere Salvo D’Acquisto, medaglia d’oro al valore militare, del quale è in corso la causa di beatificazione.”

Buona serata Amici!!!!

il bianco e il nero

C’è sempre qualcuno che confonde il bianco con il nero.C’è chi crede che il nero sia la reincarnazione del bianco e che sia solo pura polvere e maestosa libidine da ornamento a riflessi osceni. C’è chi crede che il fatto di non aderire a degli ideali comuni ma solo a fantomatiche iniziazioni tipiche di un allegro carnevale sia segno di grande genialità. C’è chi crede che sporcarsi le mani con il sangue degli innocenti porti dritti verso la gloria con un posto fisso in paradiso. C’è chi crede che il silenzio debba essere sempre d’oro e invece il proferire parole che sanno di giustizia, fresche come l’aria del mattino, nuoci gravemente alla salute e disturbi la quiete pubblica. C’è chi invece versa lacrime di innocenza sulla propria pelle grinza e debole senza opporre mai nessuna barriera, nessun muro, nessun veto lottando contro le brutte malattie… “non può piovere per sempre…” C’è chi invece sceglie sin dal principio di mostrarsi “alla luce del sole” senza farsi oscurare da nuvole di passaggio o vane ombre senza meta… continuare senza sosta ad avere sete di giustizia e legalità. C’è chi crede che esplosioni nel cielo non potranno mai sbiadire i colori della pace. La coscienza e la dignità non si scuciranno dalla nostra pelle ne con le vostre note stonate ne con le vostre melodie dallo stupido sapor di tritolo e proiettili. Coscienza e dignità non si comprano seminando intorno terrore ma coltivando negli occhi dei fanciulli la speranza di un mondo migliore. La paura divora l’anima di chi sopprime e ingabbia la libertà e cementifica ogni soffio di pensiero…

bianco e nero