Archivi tag: immagine

Evadere

foto tratta dal web

 

Perchè siamo costretti, ogni giorno, dopo una doccia, dopo un caffè, dopo aver fatto l’amore, dopo una sigaretta, dopo una gita fuori porta, dopo l’esultanza per un gol all’ultimo minuto… perchè siamo costretti ad evadere da noi stessi? Cosa è quella forza propulsiva che ci spinge ad uscire dai nostri confini nella speranza, flebile, di scovare nel tempo perduta una vita parallela con cui attingere nuove forze e nuovi sogni? Ed è un pensiero, il mio, che proviene dopo intense riflessioni ad osservare, lenire la mia anima che ancora cerca una risposta dal mio cuore… ma se siamo fatti “dalla stessa sostanza di cui sono fatti i sogni” allora implica che noi stessi siamo una realtà subordinata da essa stessa… ed è bello quando penso che magari la notte trovo riparo nei pensiero di una persona a me cara… a volte penso che ogni mia azione deve essere propedeutica nel sogno che un giorno diventerò… ed è una bella responsabilità, allora, essere elementi cardini per una nuova esistenza che si genera in continua evoluzione ad ogni gesto d’amore che porta il nostro nome… eludere la mia realtà così…

senza troppi pensieri…

Raffaele

Annunci

Mestiere

foto tratta dal web

Da grande cosa vorresti fare?

Il comico!

E mi ritrovo a 31 anni a desiderare ancora questo pensiero… perchè mi sento in debito con il destino e con chi mi ha regalato gratuitamente un abbraccio o un frammento del suo cielo… e sembrerà strano ma Charlot, in questa foto, sembra eternamente dubbioso e pensieroso… un pò come me!

 

Non corrisposto – poesia istantanea

foto tratta dal web

 

Nessuno conosce in fondo le proprie paure. Nessuno ha il coraggio di scavare profondamente nella nuda terra e vedere dove la bellezza dell’anima riposa. E se non sono consapevole delle mie fragilità figuriamoci gli altri che vedono solo la parte buona di me. Un pò come il lato A dei cd. Le migliori miei canzoni, i miei canti nostalgici di questa vita, li pongo su quel lato consacrato nell’avvenire. E a volte vorrei che i miei familiari e tutti quelli che nella mia stanza ci entrano ogni giorni capissero che sono fatto di cera, che le mie emozioni a volte sanno di ombra e cenere, che a volte quel sorriso che mendico in giro è solo disegnato frettolosamente la mattina con un rossetto, che a volte la mia sceneggiatura boccheggia scene drammatiche, che a volte il mio cielo è solo ricoperto da carta da parati e che le nuvole sono solo il fumo di una sigaretta per un lieve momento di trasgressione e che non vedo l’ora di andare in pensione quando penso di essere di intralcio ai veri fautori del mio destino. E che non basta una foto su Instagram per capirmi che esisto oltre quell’immagine che presto sbiadirà nel giro di uno sbadiglio…

conoscermi prima di perdermi…

15/05/2019 h 10:22

Amaro

Ciao!

foto tratta dal web

 

Ciao! Di che colore sei oggi?

Sarebbe bello usare questa espressione tra di noi. Perchè ogni essere umano, ogni creatura ha delle sua tonalità. Siamo un complesso melodico di sfumature, di intrighi. Siamo l’armonia di colori lucenti o intrisi di melanconia. Basta un abbraccio, una carezza, un bacio e il nostro mondo si colora con tutta quella originalità che il nostro pensiero che si specchia sin dal mattino può produrre…

Oggi sono incavolato nero!

Oggi mi sento vivace e splendente come una rosa rossa!

Oggi mi sento poetico come un cielo blu!

E via così…

sarebbe bello che in un mondo pervaso di pessimismo e ogni sorta di cattiveria e maldicenze elargite con troppa eleganza parlare a colori…

E tu… di che colore sei?

Raffaele

Instant poem

 

foto tratta dal web

In stato febbrile ormai sono giunto claudicante ad Aprile. Non credo sia venuto al mondo solo per soffrire ma cerco nel mio avvenire un profumo dolce che conservi quei piccoli e minuziosi abbracci ora che sto per rinvenire. Non credo che sia tutto già scritto, che ancora posso e ho il sacrosanto obbligo di cambiare lo spartito di questa invocazione, in azione, un contrasto esagerato da chi mi vuole nudo e sfibrato e chi tra le rose e le sue spine mi giudica ancora amato. Inondato dal profumo dei loro petali, ancora trasandato sudo l’imponderabile splendore nel ritenermi di bassa classe un attore che sappia ancora con clamore emozionare con addosso venti di rancore…

Instant poem… Giovedi 28 Marzo 2019 ore 17.04

Raffaele

Provate anche voi a scrivere una piccola poesia, un piccolo componimento, di getto… come ho fatto io adesso… senza alcuna correzione… lasciar libera la propria emozione…