Archivi tag: impresa

Eroici

Sono stati “Eroici” i miei Campioni ieri nella nostra terzultima partita di Campionato. Siamo riusciti a fermare la capolista imponendoli un 3-3, un risultato fino alla fine in bilico. Eroici perchè i miei ragazzi hanno lottato e combattuto tenendo testa alla migliore squadra del torneo. Per esigenze di carattere tecnico il nostro attaccante ha dovuto fare il difensore centrale per sopperire ai loro attaccanti dinamici e veloci. Lo ammetto… nemmeno io ci credevo a un simile risultato, ho sempre creduto nei miei ragazzi ma non pensavo fino a questo punto, imponendo una ottima prestazione e rischiando anche di vincerla, alla fine, la partita. Un ora di partita in cui il mio cuore stava per esplodere per le immense emozioni vissute ieri. Alla fine al rientro al casa i complimenti della nostra associazione. Con i playoff assicurati, cercheremo di chiudere degnamente le ultime due partite sperando che i miei ragazzi non siano “sazi” dopo la prova di ieri, ma che sia una tappa di crescita per la loro giovane Vita…

Io sono solo un allenatore improvvisato, che grida e urla… il merito è tutto loro che hanno creduto in questa impresa…

Forza Invictus!!!

Buona Domenica!!! 😀

Raffaele

E’ sempre comunque Storia – Sportivamente parlando

foto tratta dal web

E chissà per quanti, di quei 4.000 tifosi del Pordenone presenti ieri alla “Scala del Calcio”, ovvero il “Meazza” di San Siro, hanno sperato fino all’ultimo istante, fino all’ultimo rigore di compiere una impresa storica battendo la capolista della Serie A. Sono stati fatali i tiri dagli undici metri per decretare l’eliminazione agli ottavi di una competizione, la Coppa Italia, che ogni anno ci regala, a noi appassionati di calcio, queste stupende emozioni. E sempre comunque storia perchè al termine dei 90 minuti regolamentari e poi ai supplementare il piccolo ma grande di cuore Pordenone ha tenuto botta all’Inter soffrendo solo nei minuti finali quando Spalletti ha dovuto scomodare dalla panchina gente come Brozovic, Perisic e il capitano Icardi. La corazzata Inter che al termine del match deve solo applaudire i ragazzi di mister Colucci che sono venuti a San Siro a giocarsela colpendo anche un palo e sfiorando nella ripresa, sui sviluppi di un corner, il vantaggio. Niente di clamoroso o di una figuraccia nero-azzurra. Le due categorie di differenza non si sono viste e il piccolo Pordenone non si è trincerato in un italico catenaccio ma ha affrontato a viso aperto la capolista della Serie A. Ogni piccolo tifoso del Pordenone deve essere orgoglioso dei propri colori della propria squadra, 11 ragazzi che hanno fatto vivere un sogno alla propria gente… E da adesso magari seguiremo con interesse le vicende sportive di questo piccolo ma grande Pordenone!

Perchè lo Sport mai come in questi giorni ha bisogno di storie come queste da conservare gelosamente per un dolce futuro, storie che non potranno mai ingiallirsi e dimenticate nella nostra memoria…

Raffaele

Nulla è impossibile

Buongiorno!!!! Come va tutto beneeee? 🙂
Prima di tutto, volevo chiedere scusa a tutte le amiche blogger se nella giornata di ieri non sono riuscito a scrivere un pensiero per la festa del 8 Marzo… scusatemi 😦
Vi dedico con ritardo questo bel mazzo di mimose, auguri a voi donne, “Essenza pura e limpida di questo mondo, di questa nostra esistenza…”
foto tratta dal web

 

“Nulla è impossibile” nello sport, come in ogni sfaccettatura della Vita. L’ho capito ieri, con l’impresa del Barcellona che è riuscito a rimontare il 4-0 subito a Parigi dal Psg vincendo 6-1 al Camp Nou, compiendo una rimonta che farà la storia del calcio. Fino al primo tempo, i cui blaugrana conducevano per 2-0 credevo nell’impossibile, ancor di più sul 3-0, poi il gol dei parigini di Cavani sembrava aver messo la parola fine sul discorso qualificazione per la squadra di Luis Enrique. Poi all’improvviso 3 gol negli ultimi 8 minuti del match hanno fatto si che la “Remuntada” si adempisse, con lo sconcerto generale dei francesi. Il gol di Sergi Roberto al 51′ del secondo tempo ha mandato in estasi non i tifosi del Barcellona ma tutti gli amanti del calcio. Nessuno credeva nell’impresa specie se le statistiche condannava il Barcellona. “Nulla è impossibile, la palla è rotonda” e segna traiettorie magiche  e fino a quando il direttore di gara non decreta la fine del match la speranza non può e non deve morire mai.

E’ stata una grande notte, una notte da Champions…

Non ci credevo, mi pento tuttora…

Nulla è impossibile!

Raffaele