Archivi tag: innocenza

“Abbiamo Vinto tutti!”

Mercoledi pomeriggio ho dovuto sostituire per circa un’ora Giovanni, l’allenatore dei bambini di calcetto dell’oratorio. Quando la Pina, il nostro presidente Anspi, mi ha chiamato intorno alle 15, in modo molto urgente, non ho molto esitato a rispondere a questa richiesta d’aiuto. Siamo una Famiglia e ci aiutiamo molto tra di noi.

Allora mi presento intorno alle 15.45 ai campetti della mia Parrocchia e mi ritrovo quattro bambini, di età compresa tra i 6 e gli 8 anni: Ludovico, Alessandro, Filippo ed Edoardo. Cerco di fare subito amicizia con loro. Gli faccio fare dei piccoli esercizi come i tiri in porta e difensore contro attaccante mentre Ludovico si rivelava un attento portiere. Poi a venti minuti della fine dell’allenamento gli faccio fare una mini partitella. Due contro due. Filippo e Alessandro contro Edoardo e Ludovico. Partita ricca di gol conclusa sul 3 a 3. Allora gli propongo per ottenere un vincitore di fare i calci di rigore e dopo 4 tiri vincono Edoardo e Ludovico. Filippo ad un certo punto mi pone una domanda: ” Mister ma chi ha vinto?” Ed io: “Mi dispiace Filippo ma avete perso.”

“Non è vero Raffaele, abbiamo vinto tutti!” mostrandomi uno dei bei più bei sorrisi che ho visto ad un fanciullo in più di 15 anni di educatore.

Filippo ha ragione. Nella sua innocenza sa che nello Sport si vince sempre e che la sconfitta è solo un dato da aggiornare per la statistica e nulla più…

Raffaele

E’ sempre primavera per i nostri ragazzi :)

foto tratta dal web
foto tratta dal web

 

 

Oggi con l’anticipo Udinese-Juventus del girone B scatta il Campionato Primavera di calcio 2016/2017. Un anno calcistico per quanto riguarda le nostre giovani speranze con tante novità dal punto di vista strutturale del campionato stesso. Abolito il criterio di vicinanza geografica a favore di un ranking relativo ai risultati delle singole squadre negli ultimi 5 anni così da comporre sempre tre gironi da 14 squadre ma non più formati secondo la spartizione Nord-Sud. Questo può comportare più vantaggi, gironi più equilibrati con maggiore lotta per le posizioni al vertice, però con questa nuova formula quest’anno i derby di Genova, Roma e Milano non si disputeranno. Ed è un peccato. Solo Torino e Juventus inserite nello stesso gruppo (B) avranno piacere nell’affrontarsi nel “derby della Mole”. Per quanto riguarda l’accesso alla “Final 8” per la conquista dello scudetto tutto è rimasto invariato.
Ma la grande e vera novità riguarderà il prossimo anno con la formazione di una vera propria serie A denominata “Primavera 1” composta da 16 squadre, e una serie B “Primavera 2” con due gironi da 13 squadre ciascuno. Ovviamente con promozioni e retrocessioni. Un gran bel passo in avanti compiuto dalla Lega Calcio e dalle società di serie A e serie B e in generale da parte del movimento calcistico giovanili. Cercare di trovare una formula giusta per permette poi al singolo giovane di essere competitivo e già pronto per il grande calcio professionistico dei “Grandi”. Anche se ritengo che sia opportuno abbassare la soglia d’età per il campionato primavera (magari 17/18 anni). Trovare quindi un modo per rendere più spettacolare questo campionato dei nostri ragazzi che sperano quanto prima di giocare nei mitici stadi di Serie A. Grazie anche ad un impegno televisivo sempre più importante per rendere visibile la Primavera a chi come me negli ultimi anni ha seguito questo genere di manifestazione sportiva.
Un pò di nostalgia per i bei tempi giovanili in campo sportivo. Seguo per quanto mi è possibile la Primavera in tv con un grande sorriso nella speranza che ogni singolo “Campioncino” trovi la strada della sua felicità e che non sia solo fatto di contratti milionari ma di quella innocenza, caduta da un cielo stellato, avuta sin dai primi calci ad un pallone…

Raffaele

Per non dimenticare…

Ero ancora un innocente bambino quando è successo. La guerra. Per la prima volta i miei occhi hanno vissuto, sfiorato il vento della sofferenza. Non ricordo molto, solo l’essenziale. Chiedevo a mio padre che razza di film stavano vedendo. Stava andando a giocare a calcio. “Strano modo di giocare a palla in quel film” pensai… Ancora oggi non mi rendo conto di quanto il male nutre di una malsana e pittoresca fantasia. Si appropria di anime non sue e se le porta via, via da un mondo che ancora oggi ha perso il suo senso logico e innaturale che sia. Tastare anche se distante migliaia di chilometri speranze accartocciate con i loro palazzi. La gente cattiva si era arrabbiata. Non capivo il perchè. Faccio fatico a capirlo ancora  ora. Ero un innocente bambino e per la prima volta una favola non aveva un lieto fine…

 

 

Dimettete la vostra alterigia
sorelle di opulenza
gemelle di dominanza,
cessate di torreggiare
nel lutto e nel compianto
dopo il crollo e la voragine,
dopo lo scempio.
Vi ha una fede sanguinosa
in un attimo
ridotte a niente.
Sia umile e dolente,
non sia furibondo
lo strazio dell’ecatombe.

Si sono mescolati
in quella frenesia di morte
dell’estremo affronto i sangui,
l’arabo, l’ebreo,
il cristiano, l’indio.
E ora vi richiamerà
qualcuno ai vostri fasti.
Risorgete, risorgete,
non più torri, ma steli,
gigli di preghiera.
Avvenga per desiderio
di pace. Di pace vera.

Poesia di Mario Luzi

Odia me

Odia me

cielo immenso

oscura di nubi nere

il mio progresso

fai cadere pioggia acida

sui sogni calpestati dalla rabbia.

Declissa ogni lampo

di gloria nel futuro…

per l’innocente e cruenta innocenza

non sono ancora maturo.

Non sbagliare bersaglio

sono qui:

sono un piccolo abbaglio.

Assopito da strani enigmi

da inusuali dolcezze

depongo nei pensieri altrui

tracce di ottimismo

non mi servono più…

cielo-azzurro