Archivi tag: lettura

Letture in corso…

Questa mattina andando all’edicola per comprarmi il mio quotidiano ho scoperto che c’era una bella offerta: due libri a 10 euro. Ho guardato con attenzione quasi tutti i libri e alla fine li ho scelti. Un romanzo giallo e 1984 di George Orwell… finalmente sono riuscito a trovarlo. Non vedo l’ora di iniziare a leggerli! Ma con calma… prima devo finire “La tregua” di Primo Levi. Diciamo che non sono uno che legge in maniera vorace, in un anno riuscirò si e no a leggere al massimo 6 romanzi però posso assicurarvi che la mia libreria è piena, anzi stra-piena per la gioia di mia padre! Ovvio, è sarcasmo il mio. Spero di non avere qualcosa di compulsivo ma ogni volta che varco la porta dell’edicola il mio primo pensiero è “che libri sono arrivati?”. Non ho un genere preferito. Mi piace svariare, anche se i Thriller mi intrigano parecchio avendo quasi tutte le opere del compianto Giorgio Faletti. Ps: raramente azzecco il colpevole! meno male che non sono un poliziotto 😛 Conosco amici che in due giorni si divorano interi libri. Io ho bisogno del mio tempo. A volte leggo 20, a volte 50 pagine al giorno dipende dalle mie voglie. Per finire l’ultimo romanzo di 900 pagine ho impiegato un mese e mezzo e non mi tiro di certo indietro quando mi cimento nella lettura dei “mattoni”. Certo magari dovrei iniziare a leggere qualche grande classico oltre a “Guerra e Pace” e “Delitto castigo” che ho nella mia libreria e “1984” è il nuovo arrivato…Leggere in fondo è come viaggiare ed entrare nelle altre Vite. Vivere nuove epoche e gustare nuovi destini senza aver paura dei pensieri del nostro tempo.

Raffaele

Nell’attesa…

Ha agio l’anima

che riceve un colpo tremendo

la lunghezza della vita

le si stende davanti

senza niente da fare.

Ti implora di darle un lavoro

anche solo mettere degli spilli

o il più umile rattoppo di pezze

da bambini per aiutare le sue mani vuote.

 

Sono i versi di una meravigliosa poesia di Emily Dickinson letta durante l’attesa di una visita dal dottore. Nell’attesa e nel silenzio di una stanza ho iniziato a leggere le sue poesie rimanendo meravigliato, ancora una volta, dalla sua immensa fantasia. Ed un peccato che leggo di rado e non in maniera quotidiana le sue opere del libro comprato con molta gioia un anno fa e forse non credo che io sia in difetto. Le poesie vanno lette quando i nostri sentimenti e i nostri pensieri siano di giusto umore e all’unisono esprimono una vorace voglia di versi, e questa voglia non va chiamata in un momento di silenzio, ma quando il cuore risponde alla vita con una fragorosa felicità… è inutile forzare, ogni lettura ha il suo tempo…

Raffaele

Finalmente

Finalmente sono riuscito a finire di leggere, pochi giorni fa, “I promessi sposi”, una delle opere più importanti e affascinanti della nostra letteratura Italiana. In un mese sono riuscito nella mia impresa (sono moltooooo lento nella lettura e nel finire un libro in generale). 38 Capitoli avvincenti e ogni pagina delle 600 davvero magnetiche per la mia attenzione. Ogni giorno, senza troppo forzare la mano, lettura di due capitoli. Ogni capitolo una diversa narrazione e una diversa scena che il Manzoni riusciva in me a meravigliarmi. La conversione dell’Innominato, la descrizione un pò buffa di Don Abbondio, la descrizione drammatica della peste che colpi il Nord Italia nel 1628 e le avventure di Renzo e Lucia, l’evoluzione della nostra storia e il dominio degli Spagnoli… Una descrizione minuta che mi permetteva, chiudendo gli occhi, di rivivere davvero in prima persona quelle scene. Ho imparato a apprezzare quest’opera solo oggi, letto quasi per caso, indeciso su quale libro leggere dopo “Riparare i viventi”. Ho tentato, ho rischiato e mi è andata decisamente bene… Sono passati 14 anni, ci sono voluti 14 anni per rimanere incantato da questa opera… 14 anni fa facevo la seconda superiore quando ho tentato invano di studiarla, 14 anni in cui ogni giorni passavo dalla mia libreria e ribadivo tra me e me “il prossimo libro che leggerò sarà questo!”… Non do colpa alla mia prof, forse ero troppo acerbo o semplicemente in quella fase della mia vita non mi interessava assorbirmi quel mattone di romanzo… Dopo 14 anni era arrivato il momento e forse passerà poco tempo anche per la “Divina Commedia”…

Diamo tempo al tempo di diventare Vita! 🙂

Buon inizio di settimana! 🙂

Ps: questo che ho appena pubblicato è il mio 499esimo post! La prossima volta si festeggia! 😀

Raffaele

Vi son dei momenti…

“Vi son de’ momenti in cui l’animo, particolarmente de’ giovani, è disposto in maniera che ogni poco d’istanza basta a ottenere ogni cosa che abbia un’apparenza di bene e sacrifizio: come un fiore appena sbocciato, s’abbandona mollemente nel suo fragile stelo, pronto a concedere le sue fragranze alla prim’aria che gli aliti punto intorno. Questi momenti, che si dovrebbero dagli altri ammirare con timido rispetto, son quelli appunto che l’astuzia interessata spia attentamente e coglie il volo, per legare una volontà che non si guarda.”

Capitolo X dei “Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni

 

Sto provando a leggere assiduamente ogni capitolo di questo libro, uno dei più famosi delle letteratura italiana anche come sfida personale dopo che questa opera l’ho poco amata alle scuole superiori per vari motivi personali. Mi sto appassionando con un pò di titubanza ad ogni capitolo e a ogni vicenda dei vari personaggi che con il sincronismo perfetto danno il giusto sapore al romanzo. Due capitoli al giorno, anche se ne mancano parecchi … sono giunto all’undicesimo ma se è solo fatica allora non ne vale la pena sforzarsi di leggerlo. Invece no… adesso, dopo “Delitto e Castigo” mi sto appassionando ai grandi classici delle letteratura anche per cultura personale. Eh si… “Tanta roba” come si dice nel gergo giovanile. Ho iniziato convinto che avrei abbandonato la mia sfida personale ma leggo con piacere ogni pagina, aiutandomi con le dovute note… al mattino dopo la colazione e la sera prima di cenare… a piccole dosi… il “troppo storpia!” E riscoprire questo libro ingiallito e un pò impolverato dalla mia libreria mi ha fatto piacere. Forse ora è giunto il momento di leggerlo e finirlo, con molta pazienza e dedizione…

Shhhhhhh! Non ditemi, non svelatemi il finale per cortesia!

Buona Vita! 🙂

Raffaele 

Mi blocco…

foto tratta dal web

Eh si… mi sta capitando spesso che parto in quarta nel leggere un bel libro, un opera letteraria da me scelta con tanto entusiasmo, leggo, leggo, leggo, consumo pagine e chilometri di parole poi all’improvviso quando scorgo d’innanzi a me l’orizzonte del finale, rallento improvvisamente, senza un apparente motivo. E le successive e finali pagine del libro le vivo con sofferenza e un pizzico di paura, vanificando tutto il bellissimo viaggio di pensieri ed emozioni che ho vissuto insieme all’opera quasi terminata. A volte vorrei che quest’ultima fosse infinita, senza una logica o una legge severa… ho il timore che il finale non risulti soave per i miei pensieri, di rimanere deluso come un amore che all’improvviso si spegne sul più bello. Non sempre accade, per fortuna, ma a volte rimango pomeriggi interi a riflettere e a ponderare sul perchè di una storia d’amore o d’avventura che non doveva finire così. A volte rileggo le ultime pagine… mai sia non ho capito bene… vengo coinvolto davvero all’interno di una trama, un pò come un attore nell’interpretare in maniera più veritiera e umana un determinato personaggio. E a volte, questo mio rallentamento produce pause, di giorni, momenti in cui lascio a decantare il libro sulla mia scrivania. Raramente sono riuscito a terminare una lettura nel giro di pochi giorni e molto spesso ho dilatato il tempo dell’attesa nel conoscere il finale per parecchio tempo… Alcune volte, tendo ad immaginarmi dei finali inusuali e troppo fantasiosi, fuori dalla realtà… “no non può finire così” o a volte dopo interi e terminabili capitoli “già tutto qui?”…
Abolirei i finali e lascerei tutto in eterno!

Buona Vita!

Buona Pasqua a tutti! 🙂

Raffaele 😀