Archivi tag: logica

Vai a capire questo Quoziente Intellettivo…

Nella trasmissione Radiofonica “Frank e Ciccio” su Radio Deejay di questa mattina mi ha molto colpito il tema di questa puntata, ovvero il Quoziente Intellettivo dei personaggi famosi, contemporanei o storici.

Ovviamente la veridicità dei numeri e la loro precisione è un pò tutta in discussione. Prima di pubblicare e scrivere questo articolo ho cercato di capire il Q.I di alcuni degli attori della nostra storia ma ogni sito riportava dei dati diversi anche se non troppo distanti l’un con l’altro.

Nella trasmissione radiofonica, dicevo, venivano elencati i Q.I dei vari personaggi del passato e del nostro tempo. Inutile dire che il valore più alto ce lo aveva Leonardo da Vinci, anche se mi chiedo in base a quali criteri analitici sono riusciti a calcolarlo… mhà mistero!

Ma la vera sorpresa è che persone come Adolf Hitler o Donald Trump (in particolare quest’ultimo) avessero un Quoziente Intellettivo che oscillava tra i 145 e i 160.

Tanto per darvi una idea, un Q.I di un italiano medio è di 99…

Per poi scoprire sempre in questa trasmissione e poi, brevemente, in rete che personaggi come Madonna, Shakira, avessero un elevato valore di intelligenza.

Certo questo valore è un valore simbolico e non rappresenta in toto la bellezza dell’anima di un individuo e grazie al cielo aggiungerei.

L’intelligenza è una dote che uno può avere sin dalla nascita e perderla nel tempo o rafforzarla magari in gioventù con uno specifico corso di studi e non penso che una persona debba essere etichettata come “Non Intelligente” o “Ignorante” se nei specifici test di Logica risulta essere andata poco bene.

E’ tutto relativo… anche io ho avuto difficoltà ad aiutare la mia nipotina di 7 anni con i compiti di Matematica 😛

Raffaele

Non capisco perchè…

Ho ripreso a scrivere qualche pensiero sul mio block notes.

Le poesie già le scrivevo sulle storie di Instagram per poi smettere e dedicarmi di più al mio blog.

Ho elaborato un complesso ritmico di parole tutte inerenti all’Amore benchè io non sia per niente innamorato di una donna e vengo da dalle piccole illusioni.

Non saprei. Avrei potuto scrivere di altre cose inerenti alla mia reale situazione di Vita ma il mio piccolo paradosso è che quando sono davvero innamorato, ho una bella cotta non riesco a far nascere nemmeno un timido pensiero e invece quando il mio cuore non si contrae in qualche sussulto per una forte emozione io scrivo di getto e tanto.

Dovrebbe essere l’incontrario, vero? Almeno la logica suggerirebbe questo.

Tendo a inoltrare pensieri d’amore verso l’infinito e quando sono colto da lunghi periodi di siccità di ogni mio sentimento. Quando invece vengo colpito in pieno da un forte stato d’animo le mie parole perdono la voce, rimangono mute e misteriosamente assorte nel loro silenzio.

Raffaele

Sconfitta

Mi capita spesso di accettare le mie sconfitte come fossero un cimelio o un trofeo da esibire nella mia barocca vetrina. C’è sempre e ci sarà sempre uno più bravo di me: nel lavoro, in una partita di calcetto, in amore… dovunque ci sarà uno più scaltro e furbo, tenace e inossidabile che in questa mia vita mi prevalga senza che io mi metta a piangere o a diventare isterico. Purtroppo l’esistenza è un gioco senza fine e molto spesso credo di non capire bene le istruzioni… infatti detesto tutti i giochi da tavola o che richiedono un minimo di logico… eh la logica… quando l’istinto prevale sulla ragione e mi trovo sempre e puntualmente pentito ad ogni mio gesto che nella sua illogicità riesce comunque a trovare un senso ritrovandomi smarrito perchè “come la fai la sbagli….” Non conservo un diario dove annovero i miei insuccessi. Ci pensa il mio cuore a smettere di palpitare quando ravvede che il mio sangue è diventato acido… è tutto un gioco di illusioni che si arrampicano ingenue sulla mia anima rovente…”

Raffaele

Ri-eccomi

foto tratta dal web
foto tratta dal web

 

E’ bastato andare a mare dopo tanto, tantissssssimo tempo per “purificarmi” un pò dalle scorie di pigrismo acuto che ogni tanto mi affligge rendendomi una statua, un corpo inerte teso a osservare l’altrui vita mutarsi nel tempo… E’ bastato uscire con i miei amici che per poco non dimenticavano le mie sembianze simili a un pilone di rugby! ahahahahah 😀

A volte ho bisogno di staccare la spina, disconnettere il mio pensiero verso il mondo che gira intorno a me senza chiasso, ne rumori fastidiosi per il mio udito. E poi ritorno qui, nel mio blog per riprendere a camminare, a colorare la mia sequela con le mie poesie e i miei post di sognatore folle e instabile. Vi avevo promesso che avrei cambiato volto al mio blog, ma ancora non l’ho fatto… bugiardo e falsario di promesse che non sono altro! 😀

Ho solo il timore, una paura innocente del cambiamento, sono sempre stato restio nell’evoluzioni di alcuni frammenti della mia vita. Le cose migliori della mia giovane esistenza sono avvenute improvvisando e lasciando a casa la logica e il ragionamento interiore…

Mhà… a volte non mi capisco nemmeno io, a volte complesso come la struttura del DNA…

Buon inizio di settimana Amici 😉