Archivi tag: maglia gialla

La bellezza dell’Umiltà

Il Ciclismo e l’essenza del Sacrificio.

La bellezza dell’Umiltà che hanno in dote non tanto i Capitani delle varie Squadre ma quelle figure che vivono nella penombra, nel silenzio assordante della popolarità: mi riferisco ai Gregari.

Quelli che permettono al loro Capitano di vincere una grande Corsa, quelli che antepongono per un giorno o per un mese le proprie ambizioni di Vittoria, quelli che si prendono per lunghi momenti il vento in faccia pur di compiere la loro missione: proteggere il loro Leader fino all’ultimo chilometro.

Ognuno ha il suo ruolo, il suo compito da eseguire alla perfezione affinchè nulla vada storto nell’ingranaggio perfetto di una tattica di squadra.

Ecco, la Squadra. Immaginatevi qualunque grande Campione del Ciclismo senza la figura dei loro Gregari… siamo davvero sicuri che avrebbero ottenuto tutte quelle Vittorie?

Il Gregario conosce bene il suo silenzio, conosce bene ogni goccia di sudore versata per un giusto fine e sa dare un valore profetico alle Vittorie.

E poi ci sono giorni di gloria, quelli attesi da una Vita, quelli desiderati nei loro sogni come quelli di Christophe Laporte che nelle 19esima tappa del Tour de France appena terminato ha avuto il via libera dal suo Capitano ed è riuscito con un bel numero ad anticipare tutti i velocisti e a regalare ai francesi il loro primo successo di questa Edizione. L’abbraccio dei suoi compagni è stato la sintesi perfetta dell’armonia che regnava nel suo Team.

E poi come Sepp Kuss che ieri ha scortato la maglia gialla fino ai Campi Elisi a Parigi.

I Gregari di Jonas Vingegaard si sono concessi insieme a lui la passerella finale lungo il rettilineo finale della tappa conclusiva di ieri.

Vincono poche corse e non hanno molti riflettori puntati addosso. Il loro curriculum sembra apparente scarno. Hanno fatto una scelta. Vivono una loro missione e sono anche loro dei Campioni se mettono sull’asfalto tutta loro Umiltà.

Mi piacerebbe, un giorno, avere il loro stesso spirito di Sacrificio. Prenderli ad esempio e dare una sfumatura particolare al mio destino.

Io mi sento come loro e da grande vorrei fare il Gregario e non so se sono portato. Non perchè ambisco ad essere un fenomeno ma non so se il mio cuore è puro e conserva quella bellezza e delicatezza che distingue la loro Figura.

Pensiamo nella nostra realtà quante figuri simili ad esse ci sono… penso agli Operatori di Pace, a chi si spende senza misura per il prossimo, a chi lotta contro le discriminazione e per una equità sociale, a chi “porge l’altra guancia” e tende una mano anche a quelli a cui hanno provocato sofferenza, a quelli che sacrificano il loro successo e le loro ambizioni personali per la salvaguardia di un Amore Fraterno.

Essere Gregario e conoscere una sfumatura diversa, particolare della Vittoria.

Raffaele

(foto tratta dal web)

Scusa e grazie Vincenzo!

foto tratta dal web
foto tratta dal web

Scusa Vincenzo, se nel giorno del tuo trionfo al Tour de France, venerdì di due settimane fa, io non ero incollato alla televisione a seguire il tuo trionfo, il tuo show sulle Alpi. Ho preferito passare il pomeriggio tra le braccia di morfeo, chiuso in camera con l’aria condizionata, non pensando minimante alle tue fatiche e al tuo coraggio odierno.  Scusami, perché nel giorno, nel momento, forse il più importante di quest’anno, non sono stato al tuo fianco, come milioni di spettatori ad ammirare le tue gesta. Fatica, grinta, determinazione e infine gioia sul traguardo di La Toussuire per cancellare in parte un giro di Francia non andato secondo le più rosee aspettative. Grazie perché tra cadute, forature, sfortune varie, squadra (forse non all’altezza) hai dimostrato che l’orgoglio nascosto in qualche angolo del cuore serve a fortificare l’anima e nutrire speranze di quanti, come me, credevano in una tua rinascita. “Io ci sono!” hai tuonato dalle Alpi. I francesi, i nostri beneamati cugini, si esaltano ogni volta al tuo passaggio, ti rispettano per il campione che sei. Qualcuno, e ci metto pure io in ballo, dopo due settimane di Tour in chiaro-scuro (a parte la tappa del pavè) credeva che un tuo ritiro era un atto dovuto, una stagione da dimenticare e riporla in soffitta. Non hai abdicato ai tuoi sogni, il destino ti ha concesso una possibilità di riscatto e tu l’hai sfruttata in pieno. Grazie per questa bellissimo esempio. Non mollare, anche perché dopo una salita c’è sempre una discesa (perdonami per questa metafora da quattro soldi ). “Impossible is nothing.”

Sei l’orgoglio di noi tutti italiano, il bell’esempio, il ragazzo italiano che rende felice una intera nazione che tanto ha amato e ama, con dovute proporzioni questo sport.

Conservo ancora la “Gazzetta del Sport” che celebra il tuo successo dell’anno scorso. Edizione speciale, perché il quotidiano sportivo si tingeva di giallo, come la maglia che hai orgogliosamente portato fino ai Campi Elisi. Dai su, Vincenzo, l’anno prossimo, ti prometto, se parteciperai al Tour, non mi perderò neanche una tappa, neanche un secondo delle tua avventura tra le terre francesi…

Sorriso sulle labbra anche se fuori il tempo è cattivo, se la pioggia sporca la nostra pelle e il sole è troppo timido per fare la nostra conoscenza quotidiana. Grazie per il Tour de France del 2014, sono convinto che l’anno prossimo lotterai per quella maglia, che ti ha definitivamente consacrato tra gli dei del ciclismo.

Sono convinto che continuerai a scrivere imprese memorabili per questo eroico sport. Hai ancora 5/6 anni di buon livello agonistico… un pensierino per i mondiali di ciclismo quest’anno?

Sempre e comunque Forza Vincenzo, orgoglioso di essere meridionale come te!