Archivi tag: mistero

Neanche…

E’ il Mistero della Vita.

Chi ha il dono della Fede passa e passerà gran parte della sua esistenza a porsi delle domande. Lecite, plausibili e a volte contradditorie ma comunque sincere.

La mia fede vacilla quando non riesco a intravedere un tramonto che ha perso il suo incanto. Una foschia a seppellire quel bel spettacolo intravisto con quella leggerezza che ho quando recito una preghiera.

Ma di fronte alla sofferenza non ci sono risposte. Milione di domande ma non ancora risposte degne di nota. Ed è la sofferenza che mette in dubbio la Sua opera.

“Come può un Dio buono e misericordioso permettere che un bambino venga ucciso, che soffre la fame? Come può un Dio sacrificare il suo stesso Figlio per donarci quella libertà profanata sin dalla nostra genesi?”

Sono mie riflessioni che mi capita di avere quando faccio fatica ad accettare quella Luce che inebria il mio mattino.

A volte rimango in silenzio di fronte a tutto. Non un silenzio che sa di resa. Ma un silenzio che trova giustificazione nell’affidarmi totalmente alla Sua Volontà.

“Sia fatta la Tua Volontà, non la mia…”

L’umanità è come un bambino, a volte educato, a volte scontroso e diffidente che non sempre, per quanto gli possa volere bene, comprendere l’educazione sentimentale del proprio Padre.

Raffaele

Sulla via della Santità

Tutti noi siamo chiamati a vivere la nostra Santità. Tuttti noi imbocchiamo la strada della Misericordia di Dio attraverso lunghi periodi di conversione.

Come diceva il Beato Carlo Acutis dobbiamo impegnarci a non ” essere delle fotocopie ma persone originali” che celebrano la loro originalità nutrendosi della Felicità della Vita.

La Santità non riguarda una cerchia ristretta di persone. Essa appartiene a tutti: ai puri di cuore, ai miti, ai poveri in spirito, a chiunque si aggrappa al Dono della Fede anche quando la Vita ci sembra voltarci le spalle e si dimentica delle nostre lacrime.

Ma la Santità non richiede doti straordinarie o al limite della perfezione. La Santità richiede quella semplicità che sottrae il nostro cuore nel gioco della retorica.

Vivere ogni nostro giorno come se fosse il più bel regalo che mai abbiamo potuto immaginare, trovare versi poetici nelle nostre fragilità ed essere sostegno anche per il dolore altrui, farsi carico delle promesse del nostro Destino.

Raffaele