Archivi tag: opinione

Piccola riflessione

La tregua almeno per un pò si è attenuata. Un mese di campagna elettorale per due Regioni e la prossima nella mia terra: la Puglia…. meno male, mi riposo un pò, posso tranquillamente fare zapping e godermi la televisione… c’è stato un periodo (non troppo lontano) in cui mi ero davvero appassionato alla politica. Tg, programmi di approfondimento, dirette social… poi la mia passione è venuta scemando e in parte i miei ideali… non mi piace il linguaggio e la postura che ha oggi la politica… sentiamo sempre gli stessi slogan e le stesse litanie… una campagna elettorale infinita… una messa infinita… dove sono finiti i veri contenuti morali che solo la politica quella con la P maiuscola ha partorito dopo il conflitto mondiale? Dove è finita quell’eleganza nel saper professare parola senza cadere nell’oblio dell’ignoranza e del pressapochismo? Perchè la politica non è come quella di quando la studiavamo nei libri di storia alle scuole superiori? Manca la vera rappresentanza dei partiti più che il concetto di militanza… continuerò con i miei ideali ed a essere libero di votare, perchè fortunatamente in una Italia piena di ferite e grazie al sacrificio dei nostri predecessori noi abbiamo e conserviamo il diritto di opinione e la libertà di parola… ci rimane solo questo, in questo spettacolo che sembra non avere una degna sceneggiatura, a capire se gli attori ci forgeranno di profondo ardore oppure sarà una massacrante delusione…

perdonatemi lo sfogo, ma adesso mi godo un pò di silenzio…

Raffaele

Riflessione

Sui social un famoso attore comico ha pubblicato una foto della sua chat in cui la sua agente gli comunicava che benchè avesse avuto buoni opinioni e riscontrato pareri ottimi non aveva passato il provino per un film…

e si un bel insegnamento… perchè è troppo facile mostrare le nostre foto belli sorridenti, mostrare solo e soltanto il lato positivo delle cose, troppo bello festeggiare le nostre vittorie facendo partecipare tutti ma è un gesto coraggioso evidenziare, senza troppa paura, i nostri lati più fragili di noi come per un successo mancato, una occasione persa, un amore finito ecc… raccontarsi anche svelando quell’altro lato della luna che non credo posso risultare perennemente invisibile…

Raffaele

Tentazione

foto tratta dal web

 

Secondo un sondaggio redatto per uno dei principali quotidiani italiani 1 italiano su 4 è tentato da questo nuovo fenomeno sociale chiamato Sardine. “Indigesto” ai sovranisti e a una buona fetta di populisti. Certo stiamo ancora alla genesi di questo movimento, di questo impeto di orgoglio contro una classe politica sazia di slogan e proclami di ogni genere, e sicuramente riempire così tante piazze in risposta ai venti gelidi del nord fa piuttosto riflettere. Certo non ci nascondiamo che le sardine virano verso sinistra che sembra aver perso la sua rotta, in cerca di un senso per il suo cammino. Scissioni, litigi hanno spinto questi giovani a reclamare un grido di speranza più che di aiuto. Perchè la politica si è fatta piccola non dando più voce alle nuovi generazioni che si sentono escluse da ogni percorso di vita di questa giovane nazione… non mi illudo e rimango con i piedi per terra guardandoli con profonda ammirazione e stima. Purtroppo nell’ultimo ventennio abbiamo visto molti eroi incagliarsi nel proprio ego, partiti che dovevano essere la vera rivoluzione attesa da tempo ma poi sono finiti per rottamarsi da soli nei propri confini non bene recitanti… le sardine dovrebbero scardinare questi limiti ma secondo la mia opinione devono avere e tracciare nell’imminente futuro una loro strada per non diventare la succursale e non un parcheggio per quella sinistra che si appella a loro per una rivitalizzazione di consensi e opinioni. Anzi dovrebbe essere, finalmente, una ricchezza e non un vento caldo nelle ore afose di questa estate sociale. Finalmente i giovani e chi è rimasto deluso da ciò che vedevano sui vari talk show, le varie crisi istituzionali o non si sentivano più rappresentati dai loro politici e rivendicano dei propri principi, senza ambizioni di potere che non ha fatto altro che corrodere gli stessi protagonisti che hanno le redini del nostro governo che cambia colore come dei vestiti usi e getta…

Perchè la Politica è una delle più belle forme d’arte esistenti in natura ma il problema è che i vari artigiani non sembrano più avere cura di questa bellezza sociale…

Siamo tentati, sono tentato… che male c’è?

Raffaele

Al Papa direi…

Avvenire e il Servizio Nazionale per la Pastorale Giovanile presentano l’hashtag “alpapadirei” per condividere tutto ciò che noi giovani vorremmo dire al Santo Padre in occasione del Sinodo di Ottobre…

Eh potessi dialogare e incontrare Papa Francesco gli chiederei subito di pregare per noi giovani che spesso facciamo fatica ad trovare la strada, facciamo fatica a trovare il ritmo giusto per camminare in libertà trovando la Pace tra le macerie del mondo. Pregare per noi per rendere irraggiungibili le nostre fragilità, di rendere il cuore una stanza per accogliere tutto l’amore che ancora resiste, piccola fiammella, al vento di tristezza che caratterizza le coste della nostra realtà. Renderlo più forte e robusto, più forte ed elastico per resistere agli urti di questa concorrenza della Vita per avere una dignità che non gioca sporco, perdendo si, ma lealmente…

Vorrei che il nostro Papa continui ad essere quella prospettiva più autentica di cui i nostri occhi abbiamo bisogno, che ci tenderà per sempre la sua mano quando inciamperemo e ci sbucceremo l’anima…

E voi cosa gli direste? 😀

Raffaele