Archivi tag: post

Bisogno di regole

Rispondendo a una persona qui sul blog su un pensiero sui ragazzi di oggi ho evidenziato nel commento come per loro il sistema delle regole non funziona più.

In un mondo ibrido e che spesso si disconnette con la realtà, i giovani di oggi vedono le regole come una serie di costrizioni, divieti imposta dalla famiglia, dalla scuola e anche, come nel mio caso, dall’oratorio.

Da ormai sei anni alleno i ragazzi di calcetto e prima di dare una fisionomia alla squadra dal punto di vista tecnico tattico devo cercare di produrre un mio personale schema interpretativo per ognuno di essi.

“Saperli prendere al punto giusto” mi verrebbe da pensare. Ci sono ragazzi che sono scontrosi e burberi o magari timidi dipende dalla loro situazione famigliare non sempre buona e serena.

Ragazzi che vivono l’abbandono dei propri genitori, che si sentono persi e reagiscono con l’aggressività per lenire il loro disagio interiore e credo che lo Sport e quelle due ore di allenamento sono un tempo utile per educare il ragazzo al rientro di un sistema di regole e di principi idonei al nostro contesto di oratorio.

Alcuni sbuffano, non vogliono riscaldarsi facendo dei giri di campo, ad altri non gli piace l’esercizio che l’educatore gli propone, a volte litigano con il proprio compagno di squadra che ha sbagliato un passaggio…

Quelle due ore di allenamento non possono essere una sostituzione affettiva ed educativa del loro ambiente familiare ma semmai un piccolo spiraglio per comprendere un nuovo percorso, un piccolo stimolo per dare si voce alla loro felicità spesso rinchiusa e soffocata ma un modo per guardarsi dentro e ritrovare quella bellezza della Vita ancora nascosta nei loro cuori…

Raffaele

(foto tratta dal web)

Momento pubblicità :P

Questo che vedete è il link del mio blog “PensieroSportivo”, dove provo a esprimere i miei pensieri sulla passione che ho per lo Sport… con riflessioni, video e curiosità che più mi incuriosiscono. Non sono un giornalista sportivo di professione ma le parole che mi vengono a cercare non sono solo nella poesia ma anche qui… anche perchè ritengo che in un gesto atletico ci sia Arte 🙂

Scusatemi se vi sto rompendo le scatole. Non dovrei… non sono un tipo che si esalta, anzi al contrario a dire il vero ma in maniera testarda credo che ci sia anche un posto anche qui per lo Sport come mezzo comunicativo o diversa “espressione poetica”… senza che io sia eccessivamente “calciofilo” un brutto termine per evidenziare la monocromaticità delle persone di seguire solo il calcio e non apprezzare anche la bellezza delle altre discipline.

Tolgo subito il disturbo e se vi va ci vediamo in questo mio nuovo e rispolverato spazio di albeggianti parole 🙂

Una buona giornata, qui nel Salento purtroppo il Sole si è nascosto da tre giorni e francamente il mio umore non è dei migliori anche perchè non ho potuto fare l’allenamento di calcetto con i miei ragazzi per via della pioggia… Animo, terra Mia, ritorna splendere!

Raffaele

Piano, Piano

Con il mio ultimo post mi sono permesso di fare pubblicità sul mio “nuovo blog” Pensierosportivoblog”

Nuovo tra virgolette, perchè in realtà nato due anni fa e che per vari motivi non sono riuscito ad aggiornarlo con molta frequenza e questo mi dispiace parecchio.

L’incostanza è un arte che mi appartiene e che sto in imparando ad osservarla da altri punti di vista.

Credo che per ogni cosa ci sia il suo tempo. Se un ragazzo, come me, mosso da varie passioni, credo troverà il giusto ritmo per ogni cosa che vorrà tentare di fare.

Oltre ai questi due mie blog ho anche una pagina Facebook di “Lascia Vivere il Pensiero” e a Settembre ne ho aperto, creata una sull’Anspi del mio paese.

A volte tendo a complicarmi la Vita… ma fino ad un certo punto.

Raramente mi pento per le mie scelte, spesso avventate.

Sono un tipo testardo e questa mia ostinazione mi ha portato in dote dei buoni risultati.

Adesso nel mio piccolo sto avendo una certa costanza nella mia Spiritualità, nell’Oratorio e cerco di essere regolare anche nei rapporti di Famiglia o in Amicizia.

Cerco di evitare quegli strappi che facevo prima… non dedicandomi più anima e corpo per un progetto solo per un attimo di ordinaria follia.

Qui, in questo spazio, inizialmente avevo una tabella di marcia, ma poi ho capito che la scrittura non può seguire delle regole ferree… qui il tempo ha una sua prospettiva diversa dal mondo reale.

Spero di poter mettere lo stesso entusiasmo anche con il “nuovo”, tra virgolette, blog….

Una buona serata ❤

Raffaele

Pensierosportivoblog-Fratelli di Italia.

E’ giunto il momento di unirci come popolo intorno a questa Nazionale che stasera dovrà affrontare una partita difficile ai fini della Qualificazione diretta per i Mondiali del Qatar 2022 senza passare per gli insidiosi spareggi.

I Nord Irlandesi non hanno mai perso a Belfast, la loro roccaforte. Non hanno subito nemmeno un gol. Nemmeno gli Svizzeri sono riusciti a inviolare la loro porta.

Giocheremo senza un punta. Scamacca e Raspadori forse non saranno pronti per questa sfida. Dovremmo giocare con coraggio ma anche con quella sfrontatezza che ci hanno resi testimoni di una estate magica.

Non dovremmo avere costantemente l’orecchio rivolto alla radiolina per sapere se la Bulgaria sta onorando l’impegno contro gli Elvetici. Al novantesimo minuto tireremo le somme e speriamo bene.

Giocare questa partita per vincere, segnando quanti più gol possibili ma senza fretta, essa può nasconderci delle pericolose trappole. Scardinare la difesa avversaria non sarà facile, ma non dovremmo snaturare quel bel gioco, espresso fino ad ora, fatto di possesso palla e rapide verticalizzazioni.

Le assenze per infortunio non potranno essere un alibi. Di fronte a queste difficoltà che si vede una vera squadra, la forza del gruppo che supera ogni ostacolo.

Il calcio si è evoluto e non esistono più “squadre materasso”. Si pensi alla Macedonia del Nord che proverà a tentare il miracolo, attraverso i playoff, di giocare i Mondiali. Si pensi al Portogallo di Cristiano Ronaldo che non si è qualificata come prima nel proprio girone a discapito della Serbia. O infine alla Danimarca che ha fatto il record di vincere e dominare tutte le partite del proprio raggruppamento.

Facciamo si che se anche sta per arrivare l’inverno questa “Estate Italiana” non si concluderà così presto.

Raffaele

Ps: vi aspetto tutti quanti sul mio blog “pensierosportivoblog” 🙂

Lo fanno tutti…

Tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo tradito.

Io per esempio mi capita di tradire l’amore dei miei amici, l’amore dei miei genitori, l’amore di Dio.

Tradisco ogni volta che mi chiudo in me stesso, come un riccio o dentro un involucro di incertezze e miserie emotive.

Tradisco quando calcolo male le sfumature del mio cuore, quando faccio finta di indovinare il numero esatto delle stelle del mio cielo, quando credo di non sapere più scrivere un nuovo racconto del mio destino, quando traduco male il sapore delle mie lacrime…

Tradire e tradirsi… qual è la cosa peggiore in fondo?

Rinnegare lo scorrere lento o ondulato del tempo o la follia di un tuffo coraggioso nel cuore di una donna?

Sto imparando a lenire le mie scuse con me stesso e con gli altri… fin quando capirò che la mia povertà è una luce che illumina il mio cammino appena iniziato con quella enfasi che solo un sognatore può avere….

Raffaele