Archivi tag: risposte

“Baby è un mondo super!”

foto tratta dal web
foto tratta dal web

 

“Cos’è che non va? Baby è un mondo super!”

Francamente non saprei dare una risposta certa e definitiva, tutto è in bilico, ancora nella mia giovane vita. Cercare tra le lacrime di strade disconnesse e ripide a metà e un sorriso di un cielo stellato che mi indica risposte di un viaggio alla ricerca di me stesso. Galleria di immagini e ricordi che rinsaldano le mie paure racchiuse dentro un incognito “Perchè”. Stare un pò solo e rinfrescarmi volando nel pensiero dei miei cari, senza da loro chiedere nulla in cambio… sono in eterno debito affettivo, farò con quel poco che potrò.

Epicentro delle mie emozioni, up e down. Alba e tramonto di una vita ancora non persuasa e corteggiata a dovere, indossando maschere e rifacendomi svariate volte modiche al look di un anima che non smette mai a capire angoli della mia fragilità, anche la più remota.

“Svegliarsi a metà, con i sogni mezzi aperti…”

Poesie per rivedermi con acerbi occhi di un giovane in procinto di diventare grande, un adulto da certificare, marcando a fuoco sulla mia vergine pelle le insidie e i nascondigli del nuovo mondo. “Un nuovo sapore, essere stato e divenire nel bene qualcosa di utile… “

Continua, forse 😉

Raffaele 🙂

Dubbi

foto tratta dal web
foto tratta dal web

 

Inizio di settimana all’insegna dei miei corpulenti e sgrassanti dubbi filosofici che corrodono o rinfrescano il mio pensiero di una mummia appena uscita dal suo sarcofago. I miei sono ritornati da un viaggio e la mia asocialità si è conclusa ieri sera. Parafrasando un detto:”Quando i genitori non ci sono… i figli ballano”. Quindi addio pizza e birra la sera e solita pasta con il ragù a pranzo. Si ritorna, e meno male, alla vita di tutti i giorni. Una settimana a casa da solo è una bella esperienza ma sono contento che sono ritornati i miei, il silenzio della mia abitazione era quasi assordante. Adesso sento il profumo provenire dalla mia cucina… broccoli… blè… pasta con i broccoli… blè… mamma mi sei mancata… si ma poi domenica… lasagne e cannelloni??

Dubbi filosofici e morali, specie dopo il catastrofico referendum di ieri. Tempo di prima mattina a spulciare tra i vari post e relativi commenti dei miei amici su face sul tema, appunto, della “consultazioni popolare” di domenica.

Dubbi filosofici ed estetici… comprare occhiali nuovi… quale tipo di montatura sceglierò? Il colore per forza blu, un pò sgargiante, è vero, ma i miei gusti sono particolari che seguono i miei odierni stati d’animo.

Dubbi filosofici e sportivi: con la mia squadra di calcio dei miei ragazzi vinceremo la prossima partita e accederemo ai playoff? Che tipo di allenamento svolgere domani pomeriggio e come li dovrò “caricare” prima della partita?

Dubbi filosofici e forse banali e stupidi. Non saprei, i problemi sono soggettivi e ognuno usa una proprio metodo di giudizio. Adesso mi chiuderò in camera e ascoltando un pò di musica contemplerò sulle vere tematiche da affrontare per dare un minimo di ardore alla mia esistenza, per dare vita ai miei prossimi giorni, con lo sguardo rivolto verso l’alto a guardare e sognare un cielo su misura di me…

Forse perchè il mio continuo pensare e riflettere sul mio destino a volte mi cristallizza a volte mi permette di essere un pò più libero…

Buon Lunedi amici!

Un abbraccio!

Raffaele 🙂

Niente paura

 

Foto tratta dal web
Foto tratta dal web

 

“Niente paura ci pensa la Vita mi han detto così”.

E’ bastato un messaggio visualizzato ma non ricambiato per far cambiare parzialmente l’umore in questo soleggiato lunedì mattina. Abbiate, se volete, avere la pazienza di ascoltare il mio piccolo e inutile, quasi banale dolore di un tardo adolescente. Vivo di notifiche, questo è il problema, di un sibillino, di un piccolo richiamo del mio cellulare. “Hei c’è una persona che ti cerca!” Vivo in un mondo tutto mio, perché, fuori dai miei ristretti e facilmente valicabili confini, ho paura di prendere vento, di raffreddarmi e di ammalarmi da false speranze e scaltre illusioni che mi hanno scavato delle piccole rughe su un corpo da ventenne deluso da una vita in salita. Cerco dei perché, cerco delle risposte, immagino, e i miei pensieri producono dei film mentali che meriterebbero un Oscar. Non mi ha risposto… capita, avrà avuto da fare, non posso conoscere il reale motivo se non glielo chiedo in privato. Oppure non ci tiene a te e amen. Punto e a capo, altro giro e altra corsa. Di certo il sole continuerà a splendere anche per i fanatici dell’illusione come me. Non do la colpa a nessuno, solo a me stesso che mi creo delle prospettive nuovo ed emozionanti senza ancora avere i giusti ed appropriati strumenti. Ho un po’ di mal di testa. E’ da venerdi che ascolto per tutto il giorno canzoni di Max Pezzali come “Ti sento vivere”, “Come Mai”, “Il mondo insieme a te”… per poi cestinarle e ritornare su brani più soft e meno inerenti alla parola A-M-O-R-E.  Vivo di pensieri e di ricordi, il mio passato è il mio presente attuale e il futuro di mimetizza dietro il cielo pur di farsi vedere. Ma ho imparato a fregarmene di tutto e di tutti…

Continua…

Amaro 21

Me…

E poi mi ritrovo a pensare a silenzi incustoditi in balia di chissà quale naufragio interiore. Stupito del mio carattere ma… basta cambiare una lettera all’aggettivo per sentirsi… stupido dentro. Non parto, non ora almeno. Preferisco restare muto e fermo nella mia loquace e retta solitudine. Ed è proprio quando si è in compagnia che ci si sente soli. Soli con le spalle al muro e a volte non capisci il perché, il perché di tutto, il perché del niente, dell’irrimediabile, un perché inconscio e idiota senza un valido scopo. Il vento latita e non prova a smussarmi angoli della mia mente in cerca di risposte a volte mai cercate per il semplice fatto che sono nato pigro. Il mio posto nel mondo c’è ma resta immobile, granitico sul suo posto, come se provare a cambiare posizione fosse un ingiuria al tempo che di certo non può più aspettarmi.

Mi avvicino ai trent’anni, un buon traguardo. Un terzo di vita, se tutto andrà bene e se Qualcuno lassù non mi rivoglia indietro, l’ho conseguito. L’anno prossimo spegnerò 28 candeline e ogni candelina racconterà una storia a sé. Sento ancora l’eco dell’infanzia dentro me. Uno schiaffo forte sulla guancia destra, giusto il tempo per stordirmi un po’ e ad ammorbidire la pelle di un viso che ne ha passati di tutti i colori. Predominato dai instancabili brufoli, ai baci dei nonni e di mia madre, e a quello di qualche occasionaria ragazza. I miei occhi spenti e vagamente gioiosi hanno filmato una vita sulle note di un classico di avventura. Non ai livelli di Indiana Jones, certo, ma movimentata senz’altro. A volte, i miei occhi ho dovuti chiuderli per non far vedere al mondo ciò che non sarei mai diventato. Produttrici efferate di lacrime perenni, lacrime tossiche che puntualmente ho provato a berle. Mi fanno schifo il loro sapore, non sanno di niente. Ho lacrimato assiduamente solo quando il mio mondo non girava nel mio verso preferito, quando non riuscivo a cogliere la palla al balzo per momenti particolari… ma quando intorno a me la sofferenza nidificava ho chiuso i rubinetti e o fatto finta di nulla, le ho preservate a destinazioni future con maggiore incidenza di prosperità.

Un opportunista, un manipolatore di pensieri, un falsario di sentimenti, un illusionista di buone occasioni, un mendicante di poesie senza un lieto fine, un buon a nulla… ecco cosa sono, ecco cosa dovrebbero scrivere sulla mia carta di identità alla voce “mestiere”.

Avvisoooooooooo :D

foto tratta dal web
foto tratta dal web

 

Avviso ai naviganti del mio blog e ai miei amici cari. “Lascia vivere il pensiero…” si arricchisce di due nuove pagine. Sta crescendo sempre più, questo mio “dolce luogo di ristoro per l’anima”. “o saremo ancora noi” è uno spazio in cui faccio un questionario su me stesso, facendomi della domande a 360 gradi, dove voi ovviamente potete farmele alcune (sempre rispettando una certa discrezionalità :P), così, giusto per conoscerci sempre più e curiosare sui miei “orizzonti emotivi”. Questa sarà una pagina in evoluzione che cambierà con il tempo, cambieranno anche le domande… insomma un piccolo “diario segreto” aperto a voi, cari amici. Con l’altra pagina Parole e musica” ogni due\tre settimane proporrò pezzi musicali che io amo in assoluto accompagnato dal testo che molto spesso come il primo brano che ho messo di Ligabue è accompagnato da una sua poesia. Potete ovviamente in entrambe le pagine nuove, colorare di commenti e opinioni, mi fa solo piacere! ok?

Buon martedì!!!! 😀