Archivi tag: rugby

Le nostre ragazze

Appuntamento questo pomeriggio alle ore 15 diretta Raisport per Italia-Scozia partita valida per la qualificazione mondiale Nuova Zelanda 2022 di Rugby femminile.

Le nostre ragazze affronteranno tre partite molto difficili. La prima contro la Scozia poi contro l’Irlanda e infine la Spagna. Tre partite per coronare un sogno a tinte rosa di un movimento sportivo in forte espansione sul territorio italiano.

Dopo uno splendido Sei Nazioni di due anni fa le nostre ragazze cercano di confermarsi in campo internazionale in un girone di qualificazione, con partite di sola andata e che si giocheranno qui in Italia, molto insidioso. Ogni gara sarà una sorta di dentro o fuori.

Non posso non seguire queste atlete che per amore del Rugby fanno enormi sacrifici in ambito lavorativo e familiare e che rendono orgogliosi tutti i Rugbysti di Italia. Queste ragazze non sono ancora riconosciute come professioniste rispetto alle loro colleghe francesi e inglesi ma non hanno nulla di invidiare a loro in termini di grinta e determinazione.

Sono contento che la Rai mostrerà queste tre partite di qualificazione mondiale. So benissimo che questa disciplina fa fatica ad avere consensi e apprezzamenti specialmente qui dove siamo la maggior parte tutti “calciofili” e che i cosi detti “sport minori” fanno fatica ad emergere e ad avere il loro spazio in Tv e sui giornali ma credetemi queste ragazze meritano tutto il nostro Amore.

Forza Azzurre!

Raffaele

(immagine tratta dal web)

Pensiero Sportivo Blog-Dritti alla meta

Domani alle 15.15 con il match inaugurale Italia-Francia scatta il Sei Nazioni di Rugby, un evento atteso per il popolo francese e inglese e un anche per noi italiani desiderosi di riscatto dopo anni difficili da digerire. Il Rugby Italiano ha conosciuto l’amarezza della sconfitta per lunghi anni. Non vinciamo una partita in questo torneo dal 2015. 27 sconfitte consecutive. Vittorie esili in amichevoli contro squadre di basso ranking internazionale hanno fatto da balsamo per le nostre ferite. Un movimento, quello rugbystico italiano, che purtroppo non riesce a decollare nel nostro territorio. Ancora troppi luoghi comuni intorno a questa disciplina che vede rispetto agli altri sport come il Volley o il Basket pochi tesserati. Di certo le prestazioni e l’andamento della nostra Nazionale non ha di certo favorito e allargato l’interesse intorno al Rugby. Ed è un peccato perchè visti i talenti, ancora troppo pochi per competere a certi livelli, le premesse non mancano. L’Italia l’anno scorso ha cambiato pagina e progettualità affidandosi al sudafricano Franco Smith il Ct che sta puntando molto alla valorizzazione delle nostre giovani speranze. Sarà una Italia primaverile quella che vedremo al Sei Nazioni. Forse l’obiettivo resta soltanto evitare il famigerato “Cucchiaio di Legno” e di provare a stupire magari con qualche bella prestazione. Abbiamo conosciuto la sconfitta molte volte nell’ultimo periodo affibbiando anche da noi stessi sportivi anche il concetto di perdenti alla nostra Nazionale che con tutti i suoi difetti cerca di onorare con impegno e sacrificio i colori della nostra bandiera… “Sconfitta onorevole” è un termine indicato per narrare i risultati dell’Italia nelle competizioni ufficiali, siamo la cenerentola di questo Sport e alcuni si chiedono cosa ci facciamo ancora al 6 Nazioni. Certo ammetto che pure il sottoscritto un pò è amareggiato dalla sofferenza della nostra nazione ma bisogna avere fede e pazienza. Nello Sport bisogna sapere accettare la sconfitta e la Vittoria più bella è quella di sapersi rialzarsi ogni volta senza cercare troppe scuse o trovare inutili compromessi. Accettare le nostre fragilità ma mai piangersi addosso e mai giudicare questi ragazzi che in questi anni hanno accettato sempre e solo critiche… lavorando con umiltà in questo periodo piovoso… Certo con l’imminente elezione della Presidenza della Federazione è anche ora che qualche dirigente dia a noi piccoli appassionati una visione più serena e pacifica per il nostro movimento per non rimanere impantanati in promesse e ricordi effimeri…

Mai paura Ragazzi! In bocca al lupo Italia!

Raffaele

Ka mate!

Ripassando Haka per domani!!!!! Dalla televisione un minuto, un solo minuto di intensa emozione! 😛

Tutti in piedi sul divano per gli All Blacks! 😛

 

Taringa Whakarongo! – Ascoltate!

Kia Rite! Kia Rite! – Preparatevi! Pronti!

Kia Mau! – In posizione!

Ringa Ringa Pakia! – Batti le mani contro le cosce!

Waewae Takahia Kia Kino Nei Hoki! – Pesta i piedi più forte che puoi!

A Kia Kino Nei Hoki! – Più forte che puoi!

Ka Mate, Ka Mate! – È la morte, è la morte!

Ka ora! – È la vita

Ka Mate, Ka Mate! – È la morte, è la morte!

Ka Ora! – È la vita!

Tenei Te tangata Puhuruhuru – Questo è l’uomo dai lunghi capelli

Nana I Tiki Mai Whakawhiti Te Ra – È colui che ha fatto splendere il sole su di me

A Upane! Ka Upane! – Ancora uno scalino! Ancora uno scalino!

Upake Kaupane! – Un altro fino in alto

Whiti Te Ra! – Il sole splende

Hi! – Alzati

Ricaricarsi

L’apoteosi di uno sportivo… All Blacks a San Siro e la loro “Haka” nel tempio del calcio italiano… apoteosi pura. Anche se sono passati 9 anni dal test match tra l’Italia e la Nuova Zelanda il ricordo di quella partita è ancora vivo nei miei ricordi… momenti che ti fanno sempre di più appassionare al Rugby!

Quando sono giù di morale e non mi va proprio di fare niente prendo il mio cellulare e mi guardo il video della loro Haka, che sia il “Ka mate” o il “Kapo o pango”. Per ora so eseguire meglio la prima danza maori, più o meno so enunciare bene i suoi versi e più o meno so eseguire i suoi gesti. L’Haka mi da una bella grinta, certo non risolve tutti i problemi della giornata ma prendere spunto dalla passione e vitalità che quella danza mi crea è senz’altro un fatto positivo, un pò come cantare a squarcia gola allo Stadio “Pazza Inter!” 😛 

Perchè per arrivare in meta ho bisogno di tutto me stesso, che il cuore e la mente viaggino in una unica strada, quella della vittoria!

E voi cosa usate per caricarvi la mattina?

Raffaele

Ragazze eroiche

Ragazze eroiche. Le ragazze della nostra nazionale Italiana di Rugby sono davvero brave e dopo l’impresa di vincere in casa del Galles riescono a battere oggi al “Plebiscito” di Padova la Scozia 26-12 e conquistare un prezioso quarto posto nel Sei Nazioni Femminile con 10 punti. Pomeriggio alternativo quello passato da me. Per un attimo ho lasciato in soffitta il calcio e mi sono goduto queste ragazze che ci danno grande soddisfazioni di questo bellissimo sport di squadra che è il Rugby! Un movimento femminile italiano in crescita anche se ancora al livello dilettantistico che speriamo che nei prossimi anni e con la giusta programmazione posso dare i frutti sperati insieme ai nostri maschetti 😀 Partita eroica delle nostre guerriere. Nonostante un campo quasi impraticabile per via della fitta pioggia che ha fatto da sfondo a questo bellissimo pomeriggio. Vento e tanto fango, come il rugby di una volta! Bellissimo gioco espresso dalle nostre azzurre che hanno contenuto il ritorno delle scozzesi amministrando l’importante vantaggio ottenuto nel primo tempo con ben tre mete (19-0). Nel secondo tempo iniziato con le due mete delle ospiti non hanno fatto mettere in discussione il risultato finale, le nostre ragazze brave a non perdere la calma continuando a non sbagliare quasi nulla nonostante il campo e la pioggia… Un quarto posto finale che fan ben sperare per il futuro anche per via delle giovani promettenti che hanno esordito nel torneo. Ho avuto modo di vedermi per intero solo due match delle azzurre nel Sei Nazioni e mi hanno emozionato come i nostri ragazzi. Nello sport non ci può essere divisioni tra donne e maschi, non esiste un sport esclusivo solo per gli uomini, il rugby che è uno Sport di contatto viene tranquillamente ben pratico dalle ragazze anche con ottimi risultati come avviene per la Pallavolo… Per ora il movimento italiano e internazionale è dilettantistico speriamo che più in la ci sarà la possibilità del professionismo e di fare del rugby oltre che della passione anche un lavoro!

W il Rugby!

Buona domenica 😀