Archivi tag: sentimento

Radici

Sradicare le radici di un albero secolare, sentire sulla pelle il calore di una pietra lavica, la mancanza di aritmie dal cielo… da esso mi giunge una preghiera, un invito a cogliere l’essenza da un petalo giubilante di questo sangue mescolato al mattino. Da oggi sia libertà. Intarso dell’anima. Punto sospeso che trabocca nel deserto mistico della mia infanzia che contrae muscolarmente ogni mio dissidente orizzonte spoglio delle sue origini oniriche…

e rimango sospeso, in attesa…

Raffaele

Poesia

Trovarsi di fronte ad un essere umano, individuare un soggetto per schernire ciò che resta del mio avvenire. In silenzio, sorveglio il tuo debole e deperito ricordo e non lasciarmi solo nemmeno un secondo. Nessun accanimento, questo silenzio non intende disfarsi della sua correttezza senza il tempo di sbiadire, senza il tempo di distarsi, di dislocarsi in zone pericolose. Concepire, di brutalità infantile, una scrittura del destino ora che nella fioritura mistica del tuo seno io mi sento così perso e solo alla ricerca di una nuova strada, un nuovo sentiero disconnesso da percorrere anche per errore. Non correggermi, non affidarmi rancore, saprò proteggermi, non avere fiducia di queste mie prospettiche e solitarie parole. Non cercare di calmarmi, sono un fiume in piena che appena la coscienza placherà le sue onde io diventerò lettore di umanità platonica nell’edulcorare questo amore ancora in disordine tra le tue fiamme io ritornerò ed osserverò ciò che ancora per te non sarò…

Raffaele 1/02/2021

Fin dove si spinge la crudeltà umana…

Ieri al Tg1 della sera hanno mostrato un servizio che mi ha scosso un pò emotivamente. Era un servizio dove alcuni operai di un allevamento intensivo maltrattavano gli animali, nella fattispecie i maiali. Era un servizio di denuncia ovviamente ma ancora adesso mentre vi scrivo mi scorrono in mente quelle orribili immagini che mai avrei voluto vedere con i miei occhi.

Perchè? Perchè infliggere tanta violenza ai dei poveri animali che in maniera innocente vivevano i loro ultimi istanti di Vita? Perchè trattarli in maniera così efferata e cruenta, cosa vi hanno fatto del male?

Vi risparmio la descrizione particolare di quelle immagini. Ma è da ieri che ci rifletto sulla malvagità che affligge l’uomo fin dalla sua creazione. La mia fede in questi momenti ammetto che vacilla un pò. Mi chiedo come il Signore permetta tutto ciò, che le sue creature siano succubi di tanta violenza. Il male che esonda come un fiume in piena anche nel cuore delle persone che all’apparenza sembravano mansuete e docili di spirito.

Penso alle violenze sulle donne e ai bambini, alle guerre, ai stermini, alle torture e a ogni forma di violenza che rimane e rimarrà sempre ingiustificata nella sua morale… cosa spinge l’uomo ad evadere dalla sua natura di fonda mite e umile di cuore e cercare strade in cui la follia prende il sopravvento. E si, perchè alzare le mani anche al più indifeso degli esseri umani è un qualcosa che per noi rimane inspiegabile. Ma credo che in tanta violenza per l’uomo sembra diventata abitudine, credo che un pò di lucida ragionevolezza ci sia perchè sono convinto che le persone malate di mente e con patologie mentali non oserebbero spingersi fin dove una persona che all’apparenza sembra normale osa fare.

Fin da Caino e Abele la storia della nostra umanità si è spinta sempre di più verso le tenebre poi è arrivato Cristo che con la sua Vita e la sua Resurrezione ha sconfitto il male ma poi non siamo riusciti a farci testimone, tutti quanti noi, del suo Immenso Amore… non lo abbiamo seguito, non abbiamo capito la sua infinita Misericordia perchè nonostante tutto Dio continua ad amarci… perchè presto saremo giudicati per l’operato in questa Vita e li ne vedremo delle belle!

Buona serata!

Raffaele

Luce

Ho intravisto uno spiraglio di Luce molte volte durante le mie assenze in questa Vita. Mi è bastato accarezzare una croce, una piccola croce di legno custodita nel mobiletto della stanza in cui dormo per capire che in fondo io non sono così solo. Giro e rigiro le mie parole, lontano dal terrore e dai miei errori che vivono ancora sulla mia seconda pelle. Le ferite sono tante, tatuate anche suoi miei sogni che non si permettono ancora di prendere a schiaffi la mia felicità, di infettare i miei giorni che cercano ancora uno spiraglio di Luce in fondo ad un salto nel buio. Sentirmi libero fin dentro l’anima quando sento la Tua Voce nel dolore di un cielo che ancora coraggiosamente custodisce gelosamente nuove emozioni nel vento di questi schivi ricordi. Ascoltare la musica del tuo cuore mentre dipingo la mia stanchezza e cercare di scappare dalla quotidianità che mi rende schiavo nella monogamia dei miei pensieri che ancora si rendono folli perchè non comprendono la freschezza della Tua umile ma eterna eredità, una promessa mantenuta nel Tuo sangue, nel perdono dei nostri e dei miei peccati. Perchè sai colmare il tempo in una notte d’estate e cerco ancora riparo sotto la Tua croce… scusami il disturbo…

Raffaele

Anche fragile…

“Tienimi su quando sto per cadere, tu siediti qui parlami ancora se non ho parole io non te lo chiedo mai ma portami al mare, a ballare non ti fidare sai, quando ti dico che va tutto bene così e perdonami sono forte si ma poi sono anche fragile. Non serve a niente di particolare solo tornare a pensare che tutto è bello e speciale non si dice mai ma voglio impegnarmi e salvare un pezzo di cuore, io non vivo senza sogni e tu sai che è così e perdonami se sono forte si ma poi sono anche fragile…”

Elisa, Anche Fragile, Diari Aperti