Archivi tag: serata

giusto per passare il tempo…

Giusto per passare il Tempo… non so se prima della Tombolata deciderò di andare a Messa alle 19… non so, sono indeciso.

A volte ho la sensazione che quando prego lo stia facendo solo per passare il tempo

Pregare in un buco del mio Tempo.

Eppure dovrei pregare perchè ho una forte esigenza mia personale indipendentemente che sia mattina o tarda notte e invece che nel mio programma metodico del tempo calibro il mio momento spirituale (il Rosario) come tappabuchi e questo sento che non va bene.

Un pò quando un giorno mi innamorerò di una ragazza. Li dovrò scordarmi del mio Tempo e dedicare attimi che sembrano eterni.

Oppure in Amicizia: non posso io decidere e programmare ogni volta le uscite serali senza tener conto degli imprevisti o degli impegni dei miei amici.

Ho una concezione strana del mio Tempo.

Forse ho una lettura sbagliata di esso e questo incide anche nella mia Fede ridotta in tante fasce orarie convenienti.

Se stasera alle 19 deciderò di recarmi in Chiesa sarà solo per una mia forte esigenza di natura interiore e non perchè non so che fare dalle 18 fino alla Tombolata è come amare una donna solo per semplice fatto di avere il Sabato e la Domenica occupati…

Tutto chiaro? 🙂

Si, mia cara Coscienza.

Raffaele

Pubblicità

Tombolata

Questa sera nella mia Parrocchia ci sarà la Tombolata, aperta a tutti i fedeli, ed io credo che ci andrò… magari con i miei amici.

Non per partecipare, visto che nel gioco sono un pò sfigato 😛 ma per passare una serata diversa e non rinchiuso in casa a guardarmi la tv sotto la coltre di un caldo afoso e insopportabile.

Il mio problema principale in queste occasioni è che all’inizio io non ho un grande entusiasmo. La felicità la devo conquistare con pazienza e con coraggio.

All’inizio sono titubante quando devo partecipare a una serata o a un uscita con i miei amici o parenti, addirittura mi devono quasi costringere.

No non mi va, nun me coddha,

e ci sono stati tanti momenti i cui ho avuto dei forti rimorsi per non aver detto Si ad un a richiesta, ad un invito.

Sto cercando di cambiare mentalità…

Io partecipo… se poi non mi piace posso sempre ritornare a casa… non ho mica firmato un contratto che mi incateni per ore in quel luogo dove avviene il fatto… ma devo attuare una sorta di meccanismo di accettazione che mi spinga poi a non pentirmi del mio rifiuto, costernato dai miei no e dal mio poco entusiasmo iniziale.

A proposito… come si gioca a tombola? 😀

Raffaele

Capisco che

foto tratta dal web

 

Capisco che sono arrivato alla frutta… quando fisso per minuti infiniti lo schermo del computer aspettando qualche notifica sul blog, aspetto la risposta di una mia amica in chat che non arriverà mai perchè sicuramente sarà uscita con il suo ragazzo ed io povero sfigato solo ad aspettare il nulla perchè ancora è troppo presto per dormire e non mi va di leggere e nemmeno di ascoltare musica… sto fermo qui, nella luce soffusa della mia scrivania

e aspetto il nulla…

che tristezza Raffaele 😛

“Ma Raffaele si è per caso dopato questa sera?!?!?!?”

 

foto tratta dal web

E’ l’espressione usata da un mio amico al termine della classica partitella di calcetto di ieri sera. Non paravo quasi da due mesi perchè non mi andava, semplicemente, e dopo tanti inviti dei miei amici andati a vuoto “ci hai abbandonati” ho accettato. Complice un buon riscaldamento e una giornata del tutto perfetta ho compiuto dei buoni interventi, subendo solo 2 gol in un’ora di gioco. Mi sentivo vivo, con una voglia spasmodica di parare, tuffarmi da un lato all’alto della porta e con quella dose di tensione che un pò di mancava. Serata perfetta, tutto qui. Mi è mancato tanto il piacere di fare quello che ho sempre desiderato fare da bambino, quando indossai i guanti per la prima volta a 6 anni… e ancora questa mattina ripenso ai bei interventi effettuati ieri sera e quando i giocatori della squadra avversaria se la prendono con me in maniera sempre scherzosa e i miei compagni di squadra si complimentavano con me… allora credo di aver vissuto una bella partita. Ma non sempre è così, a volte perdo la fiducia in me stesso e mi avvilisco specialmente dopo una papera o un errore banale, a volte vorrei non giocare più in porta credendo di non essere bravo o credendo non divertirmi più. Errore perchè ho capito che hai miei amici non importa se sono il Buffon della serata ma che ci sia con loro a giocare, indipendentemente se farò miracoli o meno. E ancora faccio fatica a capire le dinamiche vera di una semplice amicizia… Se mi chiamano per giocare è perchè ci tengono a me come ragazzo, come amico, altrimenti chiamavano altri e mi ignoravano. Per un mese mi hanno invitato e io ho declinato perchè non mi andava, avevo paura di beccarmi l’influenza durante le festività natalizie, stupide supposizioni… rischiando di deluderli come amico…

Mai in tutta la mia vita avevo subito solo 2 reti… Handanovic trema! Sono pronto a fregarti il posto all’Inter! ahahahaahaha 😀

Quando giochiamo di nuovo?

Raffaele