Archivi tag: serenità

…profeta di felicità!

Con i due anticipi del sabato: Juventus-Cagliari e Verona-Napoli è iniziato il massimo campionato di calcio di serie A. Il calcio che da inizio ad uno nuovo anno sportivo con la profonda speranza che sia un anno che cancelli i detriti, pezzi di cose che non c’entrano con i valori che lo Sport ci insegna ogni giorno. Dalle serie A alla terza categoria che il “Football” sia un “oasi di pace e di fratellanza” tra i giocatori, società e i tifosi, che le discriminazioni territoriali e il razzismo siano solo un incubo da intrappolare eternamente nel passato, il più remoto possibile. Che gli “sfottò” tra le varie tifoserie non diventano pietra e armi che spaventano ogni vero appassionato sportivo, dove gli stadi diventino dimora, una casa accogliente e non teatro di guerriglie tra le varie fazioni. Che indipendentemente dai colori sociali di una squadra non ci dimentichiamo mai che siamo tutti Fratelli, un unico Popolo, un unica Nazione, che il calcio viva ogni domenica di limpide emozioni e non di rimorsi per una quiete vista da lontano… che lo Sport ci insegni a vivere la vita con l’entusiasmo di un fanciullo.
“Che lo Sport diventa un rifugio in questo mondo che sta attraversando un temporale emotivo… e sia profeta della nostra Felicità…”

Buona Domenica! 
Buona Vita 😀

Raffaele

In campagna, in compagnia

E poi succede che a volte il mio lato solitario e asociale prende il sopravvento, ma non ieri. Ieri ho preferito uscire e andare con i miei cugini in campagna con tutta la mia famiglia, e tutti gli zii. Una bella rimpatriata prima della fine dell’estate. 

Come al solito sono un testardo cronico e non ho dato retta a mia madre che mi invitava di mettermi una maglietta a maniche lunghe per via del vento che ci sarebbe stato in campagna. Appena sono arrivato li, stavo morendo dal freddo, oddio non proprio freddo, forse sto esagerando, ma quel leggero e timido venticello mi dava un pò di fastidio… ho dovuto prendere e rubare la camicia di mio padre, tanto lui stava bene a maniche corte. 

Una bella e imbandita tavola, con 16 persone… il menu classico in questa occasione: carne, carne, carne arrosto, con qualche antipastino come peperoni al forno e pitta di patate, vino e birra fresca e con un pò di insalata quasi a deriderci della nostra mostruosa fame. Io mi sono contenuto un pò a dire il vero, altrimenti la mia dieta andava a farsi benedire con la sola serata di ieri. Dovrò mettermi a stecchino nei prossimi giorni…

E poi tante belle chiacchierate, scherzi e sorrisi, con qualche zio patito per il calcio che andava a vedere alla tv il “superclassico” Barcellona-Real Madrid…

E poi sul finire della serata dolci (speravo di più) e poi karaoke con le canzoni degli anni 60 cantate a squarcia gola un pò da tutti… sperando che qualche canzone di ligabue uscisse fuori… ma niente!

Siamo stati fino all’uno di notte, il sonno ha preso il sopravvento altrimenti conoscendo i miei genitori e i miei parenti, avrebbero fatto tranquillamente l’alba… credo che i nostri “vecchi” in realtà sono mille volte più giovani di noi, infatti la giovinezza non ha limiti di età e vedere mia madre che si scatenava tra le note di Baglioni, ha sorpreso pure me… 

Se la mia pigrizia e il mio lato pensieroso avesse preso il sopravvento, molto probabilmente avrei preso una gran bella serata! 🙂

Buon inizio di settimana!

Buona Vita!

Raffaele