Archivi tag: testo scritto

Ecologico…

Amarsi è una piccola e flebile, volitiva scintilla. Il tempo medesimo, forme liberticide di un’arte che non vacilla.

Eresia di un pensiero indotto da una debolezza vanitosa di siffatte parole cementificate e adornate di una satira certamente altisonante. Perché spegnersi nell’involucro sterile di una emozione?

“Una Vita da riscrivere”, indispettito da frequenze che evidenziano partenze di colori risparmiati in questo esodo di voci profetiche erranti e primeggianti prima che la luna mi faccia evadere da un domani che volteggia sopra i rudimenti blasfemi della mia innata coscienza.

Andare ancora, mite presagio, espiare echi dissonanti della mia arida memoria, accettarmi bambino prima che ogni mio urlo liberatorio non risulti vano dal mio ecologico destino.

A volte…

A volte mi comporto come uno str…o con i miei amici declinando all’ultimo un invito per uscire come nel caso di ieri per andare al cinema…. a volte non mi rendo conto di come io sia importante per loro, di che grande considerazione ho nei loro pensieri. Ma sono un tipo solitario che a volte si chiude in se stesso e predica la sua felice malinconia. Sono indeciso se domani devo andare alla veglia di Natale e stare un pò con loro passando la nottata in amicizia oppure andare a cena dai miei zii e i miei due cugini… non so… io avrei preferito rimanere a casa. Speravo in un bel Natale ma si sta rivelando un disastro. Eppure sabato scorso sono uscito e mi sono parecchio divertito, una bella serata giocando a bowling e passeggiando tra le strade del paese ma poi la mia felicità è come se si evaporasse nel giro di un giorno… non credevo che mi dovevo impegnare ad essere felice, credevo fosse un’atto naturale come respirare o muovere le ciglia o forse devo battermi contro la parte fragile di me che chiede di chiudermi nel mio guscio e aspettare una stagione a me più favorevole o congeniale… ricaricare le batterie…

Raffaele

Appunti di Vita

foto Raffaele

 

La Vita?
Un luogo misterioso. Oro fuso. Un luogo dove poter esplorare le nostre fragilità, liberi. Educando ogni forma di gentilezza. Un lungo e impervio sentiero che dopo lunghe camminate ci porta a scoprire un orizzonte audace e che rispecchia la gioia di essere qui, frammenti di luce di un’opera d’arte…
Note non ancora levigate prima del passaggio di stelle cadenti, una conquista di fogli bianchi intrise di storie inedite…

Raffaele