Archivi tag: time

Silenzio

Solo adesso capisco l’importanza del mio tempo ed ogni sua venatura. Solo adesso capisco la sua tollerabilità di non commettere veniali azioni dall’animo precoce e di come le sue stagioni, violente nel suo pellegrinare, si tramutano in un assordante silenzio…

Raffaele

Reputo

Reputo la gestione del mio tempo farraginosa e invidiosa dell’operato altrui, non contando i secondi ma i chilometri che servono ad attraversare l’altra metà della riva del mio pensiero che si fa fitto come una nebbia insolita tra le campagne del mio paese… ed è solo una schioccare di una miccia e il tempo inizia a barcollare e a sentirsi confuso come avesse passato una notte in una osteria a dimenticarsi e a ricordarsi i disastri di una vita tesa a spazzare via ogni briciola di pane che saziava un pò…. poi c’ho messo del mio rattoppando goffamente strati di pezza di un vestito consumato fin dall’estremità di una speranza veritiera fino al compimento della perduta e venduta giovinezza…

Raffaele

Sembra strano

Sembra strano, ma ci sono momenti che vorrei chiudere nella cantina o nel sottoscala il mio tempo. Chiuderlo ermeticamente e farli prendere l’aria solo quando sono colto da una improvvisa emozione;

sembra strano, ma ci sono momenti che vorrei che il mio tempo fosse anche il tuo, il vostro e di chi con premura ascolta i miei battiti di una vita ancora tutta da auscultare con dovizia di particolari e a volte vorrei che tutto rimanesse così: fermo, immobile, diventare assente nella mia ombra mangiando una pizza di nascosto o cantando storie che nessuna ascolterà in questa vita;

sembra strano o forse lo sono già… capire le dinamiche del destino per vedere se domani pioverà e con la scusa rimanere a pensare alle mie vertigini e alle mie parole che spero possano diventare persone umile in un imminente tempo…

Raffaele

Pensiero…

foto tratta dal web

 

cosa è che attrae negli altri più la mia immagine riflesse in comiche emozioni piuttosto che le parole trafugate dal dolce silenzio di una mia poesia? perché l’instabilità cavalca radure seducenti e opinioni divertenti circa il mio circumnavigare

solo

tra ipotetiche e presente sublimazioni dell’essere.

Non sono un attore e nemmeno uno scrittore ma semmai un essere che cerca il suo fiore scandito da eterna bellezza che faccia pervenire nuova linfa nel mio drammatico tempo rintanato nel suo ego schivo…

Raffaele