Archivi tag: valore

Il bacio della Vittoria

“Qui io vorrei sottolineare l’atteggiamento davanti alla sconfitta – ha detto il Pontefice -. Mi hanno raccontato che, uno di questi giorni, non so dove, c’è stato un vincitore e uno che è arrivato secondo, che non ce l’ha fatta. E quello che è arrivato secondo ha baciato la medaglia. Di solito, quando si arriva secondo, c’è il muso così, siamo tristi, e anche non dico che si butta la medaglia, ma avremmo la voglia di farlo. Questo ha baciato la medaglia”, ha sottolineato.
“Questo ci insegna – ha proseguito il Pontefice – che anche nella sconfitta ci può essere una vittoria: prendere con maturità le sconfitte, perché questo ti fa crescere. Ti fa capire che nella vita non sempre tutto è dolce, non sempre tutto è vincere, delle volte si fa questa esperienza della sconfitta. E quando uno sportivo, una sportiva, sa vincere la sconfitta così, con dignità, con umanità, col cuore grande – ha concluso -, questo è una vera onorificenza, una vera vittoria umana”.

Le parole del nostro Papa Francesco in riferimento all’allenatore del Manchester City Guardiola che al termine della finale di Champions League persa ha comunque baciato la sua medaglia nonostante la sconfitta mentre vi sono stati episodi nello Sport di atleti che l’hanno rifiutata.
Grazie Pep! Una lezione di Vita da tramandare ai nostri piccoli Campioni…

Raffaele

(foto tratta dal web)

Mio figlio

Un amico mi ha chiesto: “Perchè spendi così tanti soldi per far andare a scuola calcio tuo figlio in tutti questi anni?”

Beh riflettendoci bene, una risposta me la sono data…

“Non pago perchè mio figlio giochi a calcio. Personalmente non me ne frega niente del calcio, ne ci capisco qualcosa.

Pago per quei mille sorrisi che regala in ogni giorni di allenamento. Pago per quei momenti in cui mio figlio è così felice che trasmette gioia alla mia famiglia. Pago per quei giorni che viene da scuola troppo stanco per potersi allenare, ma va comunque, perchè sa che non può mancare alla sua squadra e ama stare con loro. Pago in modo che mio figlio impari ad essere disciplinato. Pago in modo che impari a curare il suo corpo e la sua mente. Pago perchè “impari” a lavorare con gli altri e sia un buon compagno per loro. Pago in modo che mio figlio impari a gestire al delusione quando non ottiene ciò che si aspettava e che capisca che si deve sforzarsi di più. Pago in modo che mio figlio superi gli ostacoli della vita e impari a raggiungere tutti i suoi obiettivi. Pago perchè capisca che il successo non avviene dalla notte al mattino e che ha bisogno di ore e ore di lavoro duro e di sacrificio per migliorare in qualsiasi cosa. Pago per l’opportunità che mio figlio avrà di fare amicizie per tutta la vita. Pago per vedere mio figlio sul campo da gioco e non davanti alla Tv, al cellulare o all’angolo di una strada a fare niente. Pago per vederlo un giorno imparare ad essere umile nella vittoria e nella sconfitta…

E potrei continuare, ma per essere breve: no, non pago per il calcio.

Pago per le opportunità che questo sport offre a mio figlio di sviluppare competenze che saranno fondamentali per la sua crescita, in  modo che i valori che vogliamo insegnarli a casa siano rafforzati nel calcio e lo accompagnino per tutta la Vita.

E da quello che ho visto fino ad oggi, credo che sia il miglior investimento della mia vita…”

 

Una mamma qualunque

 

Bellissimo racconto di Vita, suggerito da una mia cara Amica 🙂