Archivi tag: vento

Pigro21

foto tratta dal web

 

Pigro 21 è il mio nickname ma anche il mio soprannome che rispecchia un pò tutto me stesso… Sin dall’età di 6 anni capì, nel calcio, che volevo fare sempre e solo il portiere… non mi andava di correre, ecco tutto! 😀 è un mio difetto ma anche ritengo che sia un pregio perchè detesto fare le cose tremendamente in fretta, per ogni cosa ci deve essere il suo tempo. Sono sempre stato un ragazzo puntuale, raramente ad un impegno ho fatto ritardo. Ma la mia pigrizia, in questi anni giovanili, mi ha fatto perdere un pò di bei vissuti e solo ora a ridosso dei trenta mi accorgo che alcune sfaccettature della mia vita non le ho vissute in pieno, lasciandomi un velo di malinconia. A volte il sonno dell’anima predomina sulla mia forza di volontà soffocando belle emozioni non amate nel modo migliore. A volte ho preferito essere un sasso che un vento che muoveva di allegria tutta la sua natura. Quell’alzarmi dal letto all’alba per comprendere di più i miei giorni, evitare il riposino e aprire e mantenere aperti i miei occhi per vivere più secondi di questa fantastica storia che è la Vita…

E voi avete mai avuto, come me, questi problemi di pigrizia??? 😀

Buona Vita 🙂

Raffaele

M’abituerò

foto tratta dal web

 

M’abituerò

a cercarti tra gli scarti del mio cuore aspro e pesante, corroso dalle foschie del mio tempo…

M’abituerò a non voltarmi

rimani sospesa, li, nella penombra delle mie vaporose parole di cera e cerca un soffice vento che ti porta via, via da me…

M’abituerò a  voltarmi ma non tu non ci sarai

la tua assenza luccica nei miei ricordi e rinfranca il mio destino perso nel suo complicato enigma, senza soluzione, senza un perchè…

M’abituerò a non pensarti, quasi mai, quasi mai

che senso ha il sapore del tuo riflesso mentre esco stanco e spossato dai tuoi orizzonti infiniti, “infiniti noi?”

 

Raffaele

Me…

E poi mi ritrovo a pensare a silenzi incustoditi in balia di chissà quale naufragio interiore. Stupito del mio carattere ma… basta cambiare una lettera all’aggettivo per sentirsi… stupido dentro. Non parto, non ora almeno. Preferisco restare muto e fermo nella mia loquace e retta solitudine. Ed è proprio quando si è in compagnia che ci si sente soli. Soli con le spalle al muro e a volte non capisci il perché, il perché di tutto, il perché del niente, dell’irrimediabile, un perché inconscio e idiota senza un valido scopo. Il vento latita e non prova a smussarmi angoli della mia mente in cerca di risposte a volte mai cercate per il semplice fatto che sono nato pigro. Il mio posto nel mondo c’è ma resta immobile, granitico sul suo posto, come se provare a cambiare posizione fosse un ingiuria al tempo che di certo non può più aspettarmi.

Mi avvicino ai trent’anni, un buon traguardo. Un terzo di vita, se tutto andrà bene e se Qualcuno lassù non mi rivoglia indietro, l’ho conseguito. L’anno prossimo spegnerò 28 candeline e ogni candelina racconterà una storia a sé. Sento ancora l’eco dell’infanzia dentro me. Uno schiaffo forte sulla guancia destra, giusto il tempo per stordirmi un po’ e ad ammorbidire la pelle di un viso che ne ha passati di tutti i colori. Predominato dai instancabili brufoli, ai baci dei nonni e di mia madre, e a quello di qualche occasionaria ragazza. I miei occhi spenti e vagamente gioiosi hanno filmato una vita sulle note di un classico di avventura. Non ai livelli di Indiana Jones, certo, ma movimentata senz’altro. A volte, i miei occhi ho dovuti chiuderli per non far vedere al mondo ciò che non sarei mai diventato. Produttrici efferate di lacrime perenni, lacrime tossiche che puntualmente ho provato a berle. Mi fanno schifo il loro sapore, non sanno di niente. Ho lacrimato assiduamente solo quando il mio mondo non girava nel mio verso preferito, quando non riuscivo a cogliere la palla al balzo per momenti particolari… ma quando intorno a me la sofferenza nidificava ho chiuso i rubinetti e o fatto finta di nulla, le ho preservate a destinazioni future con maggiore incidenza di prosperità.

Un opportunista, un manipolatore di pensieri, un falsario di sentimenti, un illusionista di buone occasioni, un mendicante di poesie senza un lieto fine, un buon a nulla… ecco cosa sono, ecco cosa dovrebbero scrivere sulla mia carta di identità alla voce “mestiere”.