Archivi tag: young

Ti prego…

foto Raffaele

Ti prego…

dimmi dove è sepolta

la leggerezza timida e riservata,

cordiale e floreale

della tua felicità…

per tutta la mia eternità io ti seguirò…

orizzonte da esplorare io per te sarò…

Amaro

Capirvi

foto tratta dal web

 

Faccio fatica a capirvi cari ragazzi, io che sto bussando alle porte della adultità e ho lasciato con rimpianto il fuoco della adolescenza spegnersi tra le lacrime del mio passato;

faccio fatica a capirvi quando non avete più il rispetto delle autorità, dei vostri genitori o semplicemente di un vostro amico più grande di voi e credete che basta vedere un “tutorial” in rete per capire di che verso gira il mondo, di illusioni vestite gelosamente il vostro corpo che fino alla vecchiaia rimarrà nudo e sarà inutile girare tutta l’umanità per trovare una corazza che vi protegga;

faccio fatica a capirvi quando trasformate la speranza in un gioco di scommesse, se la barattate con il tempo che vi fa mancare l’aria, presi da troppi impegni frivoli e che vi allontanano dalle bruciature di questa vita, quando barattate il silenzio del destino con il piacere di una eccitazione momentanea, quando barattate il silenzio di un tramonto con l’avidità di un potere che non vi appartiene, ne ora ne mai… perchè l’ipocrisia si nutre ancora dei vostri sogni… ma nella vostra ingenuità ancora non ve ne siete accorti…

faccio fatica a capirvi quando avete delle grandi idee che posso cambiare le sorti della nostra storia contemporanea ma alla prima goccia di sudore, al primo sentore di polvere, alla prima ferita ritornate sui vostri passi e vi raggomitolate su voi stessi predicando quella saggezza che ancora non vi appartiene…

Raffaele

Black-out

foto tratta dal web

 

Momenti del cavolo… se superati… felicità eterna… fin che dura!

A volte faccio fatica a comprendere le dinamiche della vita e della mia in modo particolare.

Attimi di puro black-out in cui spengo ogni moto elettronico delle mie emozioni e mi lascio naufragare dal vuoto, dal nulla e dalla morbidezza spinosa del mio letto. Ricominciare a camminare nel lungo percorso della mia esistenza con le scarpe strette e un pò sporche, lasciate a marcire nel mobiletto del sottoscala con il timore che non mi andassero più bene. Convivere con il rumore e il frastuono del mio silenzio a volte lenitivo, consolatorio ma che alla lunga diventa accusatorio delle mie nefandezze.

Black-out del pensiero e il ritorno alla scrittura risulta come un peso, come un macigno qui sulla testa, che mal di testa i primi giorni dopo il risveglio. Ritornare alla vita comune, impegnandomi a due giorni dal mio compleanno a non renderla più tale ma più speciale, mettendo in risalto le mie lune e i miei acquazzoni estivi… la bocca scarsa di saliva e nuova acqua da nuova fonte da cui dissetarmi per riprendere a parlare, a urlare, gridare e stonare…

Raffaele

E’ solo una partita di calcetto…

“E’ solo una partita di calcetto”… sono solo ragazzi… si lo so è deve essere assolutamente tale… ma quando per la seconda di fila subiamo un gol all’ultimo minuti che in questo caso ci costa la partita… un pò ci rimango male anche quando vedo che ai miei ragazzi questa sconfitta maturata e certificata poche ore fa poco gli importa se non niente… per carità è solo un gioco mica devono piangere e cadere in depressione per una sconfitta di campionato! Si ma almeno essere consapevoli di aver gettato una vittoria sul 3-1 e poi perdere 4-3… i ragazzi di adesso sono diversi da quando lo ero io… adesso hanno altri interessi, lo sport ahimè è diventato un optional di poco conto… sono fiero e orgoglioso dei miei ragazzi ma oggi hanno toppato tutto… mancanza di grinta e di determinazione e a volte mi chiedo se sono almeno un sufficiente allenatore e mi faccio domande inutili sulla mia bravura…non riuscendo a trasmettere tutto il mio temperamento… Perchè se durante la partita quelli che stanno in panchina pensano a parlare di altro e mangiano la cioccolata che gli avversari ci hanno donato… un pò mi girano… avere più senso di appartenenza alla propria maglia e ai propri compagni… i playoff nessuno ce li toccherà… per fortuna, 10 punti saranno sufficienti ma me li voglio meritare… facciamo un bel gioco… ma oggi il Cuore lo abbiamo dimenticato a casa… purtroppo…

Perdonatemi lo sfogo…

Buona serata 😀

Raffaele